La Polonia invade Rocco

La cosa non stupisce. Per anni abbiamo ascoltato gente che ripeteva il paragone idiota tra il “muro di Orban” e il muro di Berlino senza capire che il primo è stato costruito per vietare l’ingresso mentre il secondo per evitare l’uscita. Che sono due cose un filo diverse.
La gente confonde uno Stato che vieta ai propri cittadini di uscire con uno che vieta a stranieri di entrare e i giornali non si mettono a sghignazzare per la sciocchezza. Così passa l’idea che puoi confondere qualsiasi cosa, fare paragoni insensati e va tutto bene. Nessuno verrà a prenderti per un orecchio.

Passato questo principio uno può permettersi di dire qualsiasi corbelleria. Può ricordare che “Auschwitz sorgeva nella cattolicissima Polonia” senza capire che la Polonia era invasa dai tedeschi e il campo fu costruito dai nazisti. Confondere entrare e uscire, invasori e invasi. A questo punto manca solo che la Polonia invada Rocco.

Alla prossima lezione di storia ci spiegherà che la conferenza di Monaco fu organizzata dalla Cecoslovacchia che ne aveva le palle piene dei tedeschi nei Sudeti e voleva regalarli alla Germania. Oppure che Guantanamo sorge nella comunistissima Cuba. O che la tratta degli schiavi… be’, è iniziata in Africa, mica in Europa! E lo sterminio dei nativi americani? È avvenuto nelle Americhe!

No, ormai non dobbiamo stupirci più di nulla, nemmeno che un giornalista famoso tiri fuori ragionamenti che porterebbero alla bocciatura persino all’esame di terza media. Ormai funziona così.
Che rimanga imbarazzante è però innegabile.

Piesse: poi magari gli spieghiamo che anche odifreddi è stato battezzato ed è persino un ex seminarista. Ma forse fargli capire questa è troppo difficile.

11 Comments

  1. ava said:

    “Nessuno verrà a prenderti per un orecchio.”
    in questo caso, non è andata così. L’ ambasciata polacca in Italia ha scritto su facebook un intervento decisamente duro e , se Mentana non si scusa, penso che seguirà altro.
    Bello comunque vedere sotto i soliti branchi di caproni ad osannare il loro idolo, che dimostra una volta in più l’ ignoranza completa.
    A mio avviso per fare il giornalista dovrebbe servire la laurea in giornalismo , infatti come si vede chi ha solo il diploma poi se ne esce con stronzate del genere.
    PS oggi il direttore se ne esce con una pezza peggio del buco.

    12 Maggio 2020
    Reply
    • mattia said:

      L’ ambasciata polacca in Italia ha scritto su facebook un intervento decisamente duro e , se Mentana non si scusa, penso che seguirà altro.

      L’ambasciata fa il suo lavoro. Possono anche denunciarlo ai fini della legge polacca che vieta di associale la Polonia ai campi di sterminio, ma mentana ci mette sopra un bel chissene.
      Io parlo di cose diverse. Lo sdegno generale, quello porta ai provvedimenti dell’ordine dei giornalisti che in pratica attacca tutte le opinioni che non vanno bene alla cultura dominante. Quelle campagne che fanno perdere posizioni e cariche.
      Guarda Socci che si è dovuto dimettere da una scuola di giornalismo perché à scritto “Bergoglio corre in soccorso a Conte e si conferma il solito traditore asservito al potere”.
      Cose così, non la risposta su feisbuc dell’ambasciata polacca.

      A mio avviso per fare il giornalista dovrebbe servire la laurea in giornalismo

      Quelle in cui insegna severgnini?

      PS oggi il direttore se ne esce con una pezza peggio del buco.

      Impressionante.
      Sta cercando di buttarla in caciara perché à capito che à pestato una torta di prato e l’unico modo per uscirne è fare confusione.

      12 Maggio 2020
    • Paolo Ghezzi said:

      Esistono ancora i ‘giornalisti?’ A quanto vedo quelli che scrivono sui giornali altro non fanno che scopiazzare da giornali esteri o comunicati di agenzie stampa argomenti di cui sovente ne sanno meno del mio gatto e magari tradotti ad mentula canis con google translate.
      E non mi pare che la controparte televisiva sia messa meglio (vedi il quasi unanime e acritico appoggio alla dittatura Conte con annessi anatemi contro ‘furbetti’ o ‘untori’),

      13 Maggio 2020
  2. nessuno said:

    Poi vorrei dire molti degli schiavi venduti agli europei erano catturati dai musulmani, ma questo è politically incorrect, e se un giornalista lo dicesse verrebbe mangiato vivo

    12 Maggio 2020
    Reply
  3. Paolo Ghezzi said:

    Ritorniamo ai discorsi del precedente post: questa gente si sente intellettualmente e moralmente superiore e quindi si sente anche autorizzata a considerare le proprie opinioni come fossero le Dodici Tavole…
    Addirittura, a quanto ho sentito, questo signore, come consuetudine dei civili e intellettuali naziprogressisti sta insultando chiunque critichi la sua ridicola uscita…
    P.S. : Sulla schiavitù iniziata in Africa ci sarebbe da disquisire: i ‘civilissimi’ abitanti islamici dell’Africa del nord hanno fatto quanto e peggio dei negrieri europei…

    12 Maggio 2020
    Reply
    • Tigre da Laptop said:

      E ànno iniziato novecento anni prima, per di più.

      12 Maggio 2020
  4. Paolo Ghezzi said:

    …e finito dopo. In certi paesi la schiavitù è stata (formalmente) abolita solo nella seconda metà del XX secolo.

    12 Maggio 2020
    Reply
  5. Julien Sorel said:

    Penso di non aver mai letto una bestialità come quella di Mentana. Tra l’altro la toppa, seguita alla strigliata dell’ambasciata polacca, è perfino peggiore del buco. I risultati di gente che ha fatto carriera grazie alla tessera del PSI, come appunto Mentana.

    12 Maggio 2020
    Reply
    • Ava said:

      Per consolarti oggi ha replicato di nuovo tirando le orecchie all’ambasciata polacca.veramemte non ho mai visto tanta insulsa protervia. Da parte di un diplomato poi .

      13 Maggio 2020
  6. Shevathas said:

    Una cosa che molti che si stracciano le vesti per la schiavitù dimenticano è che gli americani, e gli inglesi, andavano a comprare ad algeri e tripoli gli schiavi, non andavano loro stessi a prenderli.
    Gli schiavi venivano prevalentemente catturati da tribù africane vicine e venduti ai grossisti, arabi e ottomani, che poi rifornivano gli inglesi e gli americani.

    Tanto per dirne un’altra il 2 settembre 1978 una sortita dei pirati barbareschi catturò e rese schiavi 830 cittadini di carloforte. Se i carlofortini ragionassero come ragionano certi “opliti del bene” dovrebbero riempire l’isola di batterie costiere e colare a picco qualsiasi cosa galleggiante arrivi dal sud…

    13 Maggio 2020
    Reply
    • nessuno said:

      1798

      14 Maggio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *