La seconda ondata

Altra settimana, altra distribuzione di cibo.
Questa settimana ci siamo concentrati sulle famiglie di pescatori che già di solito sono tra i più poveri nel quartiere. Tra l’altro devo ammettere la mia ingenuità: non capivo perché i pescatori non potessero lavorare. Una barca di qui, una barca di là, quando sei in mare aperto ài voglia quanto spazio c’è per il distanziamento sociale.
Poi mi ànno spiegato che il problema non è il momento in cui si pesca, il problema è che poi il pesce devi venderlo. Devi portarlo al mercato del pesce che normalmente è una bolgia infernale dove il distanziamento sociale… ti saluto.
Il probema è che il governo à chiuso tutti i porti, così non possono nemmeno uscire a pescare due pesci per se stessi e la famiglia di frodo (principalmente temono che se iniziano a tollerare una cosa del genere poi nascono mercati del pesce abusivi che non riescono più a controllare). Quindi non c’è barca che riesca a uscire per portare a casa qualcosa.

La colletta à raggiunto questa notte i 1900,77 euro. Siccome qualcuno me l’à chiesto: abbiamo già gli strumenti più economici per mandare i fondi nelle Filippine. Per quanto riguarda la raccolta fondi usiamo Paypal e le commissioni ce le metto io assieme alle spese di cambio e al materiale per la distribuzione. Quindi 50 euro di donazione sono 50 euro di cibo pulito.
Sì, ci sono strumenti che consentirebbero di avere meno commissioni ma sinceramente ò preferito fare le cose alla svelta e portare un aiuto subito che non perdere tempo a trovare chissà quale metodo per risparmiare qualche percento sulle commissioni.

Questa settimana abbiamo distribuito tre chili di riso, più dei noodle e delle uova e del cibo in scatola ad ogni famiglia di pescatori. Questa qui sotto la contabilità. I 1900,77 euro sono 105.251 peso, e fino ad ora ne abbiamo spesi 39.938. Quindi rimangono 65.313 peso con cui riusciamo a fare altre tre distribuzioni settimanali.

Grazie a tutti di cuore!

One Comment

  1. JS said:

    Una curiosità, alternative banking tipo Revout, N26, Monzo, Sterlin Bank o TransferWise non s’attagliano a tuo caso

    10 Maggio 2020
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *