La prima ondata

Ieri mattina è arrivato il primo carico di cibo comprato con le donazioni.
Fino ad ora abbiamo raccolto 1327,77 euro che equivalgono a 74.500 peso (le commissioni ce le metto io quindi quello che arriva viene trasferito pari pari). Per il primo carico abbiamo speso 21 182,95 peso così divisi:

Settimana prossima facciamo un altro carico e così nelle successive finché finiamo tutte le donazioni.
Grazie ancora a tutti quelli che ànno contribuito e stanno ancora contribuendo.
Grazie di cuore.

Piesse: ò mandato un messaggio email di ringraziamento a tutti quelli che ànno donato con paypal (che mi fornisce l’email del donatore) mandando ulteriori foto. Per quelli che mi ànno mandato il bonifico sul conto, non ò la loro email. Se volete potete fornirmela a mattia@butta.org.

7 Comments

  1. andrea f said:

    Benon! Da quanto hai scritto qualche post indietro, purtroppo i prezzi non sono poi così distanti da quanto paghiamo gli stessi prodotti in Italia, una brutta sorpresa per chi (come me) pensava che fossero sufficienti piccole donazioni per mantenere un minimo tenore di vita in quelle circostanze.

    3 Maggio 2020
    Reply
    • mattia said:

      Benon! Da quanto hai scritto qualche post indietro, purtroppo i prezzi non sono poi così distanti da quanto paghiamo gli stessi prodotti in Italia, una brutta sorpresa per chi (come me) pensava che fossero sufficienti piccole donazioni per mantenere un minimo tenore di vita in quelle circostanze.

      Be’, tieni conto che in quelle condizioni anche due kg di riso in più o meno fanno la differenza, quindi tutto aiuta molto.
      Dopodiché, l’avevo notato anche quando andai a fare un giro al supermercato di Rosario. I prezzi sono un po’ inferiori ai nostri, ma non sono così bassi. Un po’ meglio nei mercati, ma fino a un certo punto.
      Se li metti in paragone ai salari, specialmente delle classi più povere, i prezzi sono davvero alti.
      La cosa ricorrente che pensavo guardando quei prezzi al supermercato era “come cazzo fanno a mangiare qui?”
      Alla fine tagliano su tutto il resto. Vivono in abitazioni fatiscenti, non ànno quasi mai un’assicurazione sanitaria e concentrano quello che ànno sul cibo e le cose essenziali.

      3 Maggio 2020
  2. Mauro said:

    Benissimo!

    3 Maggio 2020
    Reply
  3. Blueberry said:

    Molto bene!

    3 Maggio 2020
    Reply
  4. Sciking said:

    Volevo mandare un bonifico (li ho gratis in UE) ma mi chiedeva la tua residenza, sai per caso se è qualche legge ceca o simile? Quando ho dovuto fare bonifici in Germania è andato tutto tranquillamente, comunque ho mandato qualcosina che avevo su PP, spero sia di aiuto 🙂

    4 Maggio 2020
    Reply
    • mattia said:

      Volevo mandare un bonifico (li ho gratis in UE)

      In UE o nell’eurozona?
      Perché di solito li fanno senza commissione solo nell’eurozona, non nell’UE.

      ma mi chiedeva la tua residenza, sai per caso se è qualche legge ceca o simile?

      Penso proprio che non sia un problema di legge ceca. Mi è capitato di ricevere bonifici dall’UE e nessuno ha mai avuto bisogno di immettere la mia residenza…

      4 Maggio 2020
  5. Amedeo said:

    Ho effettuato un primo trasferimento di 5o euro tramite paypal.
    Ottima iniziativa: concreta e realmente efficace.
    Grazie, prevedo di effettuare un ulteriore trasferimento a breve.

    4 Maggio 2020
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *