Pile di carta

Comunque io mi immagino fra due mesi le caserme dei carabinieri di tutta italia piene di pile di carta delle autodichiarazioni dei comprovati motivi urgenti della gente che si muove e viene fermata.
Cataste di carta infilate in ogni buco della caserma, come il pane in casa Fantozzi.
Fogli stropicciati raccolti chissà dove e quando.

Mi immagino poi il brigadiere che inavvertitamente tocca una colonna di carta facendo crollare tutto.
Fino a che, un giorno, si decideranno a chiamare quelli della nettezza urbana per consegnare tutto per il riciclo.

Così, giusto per capire quanto è inutile questa buffonata dell’autodichiarazione.
E per quelli che “ma poi faranno i controlli a campione e se ài dichiarato il falso ti denunciano“.
Ciao.

6 Comments

  1. Ava said:

    Roba da azzeccagarbugli .una follia

    11 Marzo 2020
    Reply
  2. Giampaolo said:

    Rumors di modifica delle gazzelle in ippopotami, per aumentare la capacità di carico

    11 Marzo 2020
    Reply
  3. Emanuele said:

    Ieri nella mia zona hanno cominciato a fare qualche multa e hanno chiuso un paio di locali che non rispettavano l’ordinanza. L’effetto c’è stato, almeno ora, perché ho visto meno gente in giro e quasi nessun assembramento. Ho visto anche gente che continua a fregarsene ma meno di prima. Rispetto a sole 24 ore fa sembra un altro mondo, ora tocca vedere quanto durerà.
    Ma il concetto è che di fronte al diffuso menefreghismo e alla diffusa sottovalutazione del problema (e la comunicazione schizofrenica del governo in queste settimane amplificata da media da barzelletta, ha contribuito largamente) anche un provvedimento del genere serve a molti. Del resto non puoi fare altro perché il passaggio successivo è il coprifuoco di intere zone stile Cina.
    E stai tranquillo che arriveremo anche a quello se la situazione precipiterà specialmente nel sud, dove la sanità non è paragonabile a quella lombarda che pure è in crisi.

    11 Marzo 2020
    Reply
  4. Carlo said:

    In Italia si è passati dal dover avere un pezzo di carta timbrato per certificare anche l’ovvio al poter autodichiarare qualsiasi cosa.
    Siamo folli.

    11 Marzo 2020
    Reply
  5. andreaber said:

    Anche dalle mie parti stanno effettuando controlli e soprattutto verifiche sulle dichiarazioni della gente.
    Ultimamente hanno sanzionato un tizio che stava andando a Ravenna da un paesino vicino giustificandosi col fatto dove abitava che non trovava i generi di prima necessità.I carabinieri hanno controllato la veridicità della cosa e l’hanno trovata infondata.
    In un altro caso hanno fermato una persona la quale ha affermato di andare al lavoro.Hanno effettuato un controllo al volo con l’INPS ed è risultato non lavorare nel posto dove diceva.

    12 Marzo 2020
    Reply
  6. Asus said:

    Le autodichiarazioni le tengono i cittadini. Chi controlla mette solo un timbro. Quindi niente pile in questura ecc. Questo almeno è quello che fanno dove vivono i miei.

    13 Marzo 2020
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *