Adesso abbiamo capito perché

Ogni volta che esce un rapporto PISA in cui, fondamentalmente, dicono che i quindicenni sono delle capre incapaci di leggere e far di conto le reazioni sono sempre del tipo “adesso abbiamo capito perché…

Quest’anno c’è stato chi da una parte diceva “adesso abbiamo capito perché salvini prende il 35%” e dall’altra “adesso abbiamo capito il fenomeno sardine/gretini“.
Fondamentalmente si usa la palese ignoranza degli italiani per dire che “gli altri” sono ignoranti.

Una riflessione per chi si fa prendere la mano da questo argomento: gli italiani che votano salvini e meloni oggi sono gli italiani che pochi anni fa incoronavano renzi asso pigliatutto della politica. Se oggi tutti fanno a gara per salire sul carro dei sovranisti solo poco tempo fa c’era la gara per salire l’albero della cuccagna renziano (ricordate quando verdini diceva a tutti che era capace di portare tutti come un taxi verso la maggioranza renziana?)
Ieri salvini aveva una lega al 4% che rischiava di scomparire e oggi à una lega al 35%. Ieri renzi aveva un partitone da 40% alle europee e ora à un partitino da 5%.
Tolto il ricambio generazionale, nel giro di pochi anni gli italiani sono sempre gli stessi. Non è che erano illuminati quando votavano uno e diventano tutto d’un colpo analfabeti funzionali quando votano un altro, e vice versa.
Fatevene una ragione: quando vince quello che vi piace non è mai perché la gente finalmente à capito, è solo perché a questo turno il vostro eroe è stato più bravo a convincere degli analfabeti.
Alla fine la gara è tutta qui, è una competizione a chi è più bravo nell’intortare gli ignoranti.

11 Comments

  1. kheimon said:

    Quest’anno c’è stato chi da una parte diceva “adesso abbiamo capito perché salvini prende il 35%” e dall’altra “adesso abbiamo capito il fenomeno sardine/gretini“.

    Se avessero ragione entrambi i gruppi?

    7 Dicembre 2019
  2. baron litron said:

    “Tolto il ricambio generazionale, nel giro di pochi anni gli italiani sono sempre gli stessi.”

    ovvio…. vale anche per quelli che “io ho fatto il ’68” e poi sono arrivati gli orribili anni ’80 materialisti e superficiali.
    chiaramente importati da un’invasione di alieni, ma guai a farglielo notare però, son capaci di offendersi e darti di fascista

    8 Dicembre 2019
  3. Lela said:

    Applausi. Le persone che compiono scelte, in qualsivoglia contesto e argomento, seguendo dei principi o delle convinzioni personali sono sempre una minoranza. Il resto segue la moda del momento.
    L’errore è considerarsi persone superiori.

    8 Dicembre 2019
  4. Cullà said:

    C’è da dire che gli studenti medi che abbiamo visto in piazza per i “fridays for future” sono proprio i quindicenni fotografati dal rapporto PISA.
    Non lo sono gli elettori di Berlusconi/M5S/Renzi/Salvini/Meloni, al massimo loro erano nella fotografia dei rapporti di 10/20/30 anni fa. Ma i ragazzini che bigiano la scuola per sparare castronerie sulle politiche energetiche sono proprio in questo rapporto, sono proprio in quel 75% che non capisce e crede di capire.
    Più in generale, se la qualità della scuola è questa e lo è da tempo, effettivamente si capisce come molti elettori si facciano allegramente prendere per i fondelli dal pisquano di turno, partecipando al giochino del “noi vs. Loro”, indipendentemente dal fatto che occasionalmemte votiamo allo stesso modo (evidentemente, dati i risultati delle elezioni).

    8 Dicembre 2019
    • mattia said:

      Non lo sono gli elettori di Berlusconi/M5S/Renzi/Salvini/Meloni, al massimo loro erano nella fotografia dei rapporti di 10/20/30 anni fa

      I primi rapporti PISA di cui ò memoria erano del 2004 e non è che la situazione fosse molto diversa.

      9 Dicembre 2019
    • Cullà said:

      i primi…2004…situazione non era molto diversa
      Non lo metto in dubbio, non ce li ho presenti ma mi fido. Ciò non toglie che un rapporto sui 15enni di oggi, dà effettivamente informazioni sui 15enni di oggi. Non è troppo sbagliato usarlo per fare inferenze sulle cause dei fenomeni adolescenziali di oggi.
      Almeno, non quanto lo sarebbe usarlo per dire che mio zio classe ’72 vota Salvini (o Calenda) perché al rapporto PISA 2019 gli studenti sono analfabeti (che è quel che si sente/legge e che tu stesso stigmatizzi mi pare).

      Ci sarebbe anche da dire che le preferenze politiche sono materia diversa da un fenomeno di costume come il gretismo, che catalizza strati della popolazione accomunati da strumenti intellettuali simili molto più di quanto faccia un partito politico.
      Voglio dire che esistono persone di ogni livello di intelligenza e competenza che votano ogni partito politico esistente, ma che per non capire cos’è un unità di misura è necessaria una carenza intellettuale specifica.
      Ergo, non posso essere una persona di media intelligenza, un gretino E anche in buona fede.

      9 Dicembre 2019
  5. Ava said:

    Secondo me invece gli ingnoranti sono quelli che votano lo stesso partito da 30 anni e poi si lamentano che non cambia niente ..

    8 Dicembre 2019
  6. SciKing said:

    Dai, almeno quest’anno ci siamo sorbiti meno “eh ma i test statistici non contano nulla, non valutano in modo olistico l’alunno e servono solo a sfilare mere classifiche per favorire in modo classista le scuole frequentate dai ricchi” 😀

    8 Dicembre 2019
    • Shevathas said:

      Che poi il modo migliore per bloccare la scuola come ascensore sociale è il regalare titoli a tutti.
      Se tutti sono dott_prof_ing_avv_comm_sith allora nessuno lo è ed entrano in ballo altri fattori scollegati dal mero risultato scolastico.

      9 Dicembre 2019
    • Sciking said:

      In Italia paradossalmente abbiamo una situazione da valore legale del titolo abolita, in sostanza chiunque può diplomarsi (anche senza presenziare all’esame, pare da qualche scandalo di falsi esami per bidelli) ma non con la possibilità di discriminare tra enti certificatori visto che lo stemma della Repubblica è sempre quello. In ogni caso è meglio che io ci torni a scuola visto che ho cannato persino il mio username in quel messaggio 😀

      10 Dicembre 2019
  7. DG said:

    se ne parlava giusto qualche giorno fa, di come deve essere bello per quelli “troppo intelligenti per votare berlusconi”, trovarsi al governo con i 5 stelle…

    9 Dicembre 2019

Comments are closed.