Quanto devo aspettare?

Qualcuno può dirmi quando potremo tornare a dire che nadia toffa era una pessima giornalista? Quando potremo tornare a dire che sulla xylella à dato spazio in prima serata alle cialtronate che ànno ritardato i piani d’azione che l’avrebbero potuta contenere?
Quando potremo tornare a parlare dei suoi servizi bufalari sui laboratori del Gran Sasso?
Quando potremo tornare a dire che quando non spargeva bufale banalmente non capiva una fava di ciò che diceva in tv?

Ché sta bene, una persona muore giovane e provi compassione. Provare compassione però non significa mentire. La toffa era una pessima giornalista che à fatto pessimi servizi. Il fatto che sia morta giovane non la trasforma in una grande giornalista. Rimane una pessima giornalista morta giovane.

Potete avere tutta la compassione che volete, potete piangerla quanto volete, non potete però mentire e dire che era un’ottima giornalista. Perché non lo era.

Ditemi solo quanto devo aspettare per ricordare questo fatto senza urtare le vostre anime. Ché io me ne starei anche zitto, eh. Quando però sento gente che loda e incensa una che à sparato idiozie a raffica in TV ritengo di avere tutto il diritto di dire la verità. Fatemi sapere quando posso farlo.

12 Comments

  1. Raoul Codazzi said:

    Nadia Toffa era una giornalista? Credo lei stessa abbia ammesso di non essere iscritta all’Ordine.

    19 Agosto 2019
    • mattia said:

      mi sembra che lo fosse, in virtù del fatto che aveva lavorato per alcuni anni pe run tg locale.
      Poi non so se si è tolta dall’ordine.

      19 Agosto 2019
    • Maeco said:

      concordo col signor Codazzo. Cercando in rete ho trovato un messaggio su Twitter dove afferma di non essere mai iscritta all’ordine dei giornalisti. In ogni caso, facendo attenzione alle parole, sia ne “Le iene” sia in “Striscia la notizia” si qualificano esclusivamente come inviati del programma televisivo. Evitano in ogni modo di qualificarsi come giornalisti, probabilmente per evitare denunce.

      19 Agosto 2019
    • mattia said:

      Cercando in rete ho trovato un messaggio su Twitter dove afferma di non essere mai iscritta all’ordine dei giornalisti

      probabilmente la confondo con qualcun altro.

      sia ne “Le iene” sia in “Striscia la notizia” si qualificano esclusivamente come inviati del programma televisivo. Evitano in ogni modo di qualificarsi come giornalisti, probabilmente per evitare denunce.

      dipende, alcuni sono davvero giornalisti perché fanno altri lavori in parallelo, o li ànno fatti prima e sono rimasti iscritti.

      19 Agosto 2019
    • Alessandro said:

      pubblicista, non giornalista.

      19 Agosto 2019
    • Mauro said:

      Mi risulta che fosse iscritta all’OdG.

      19 Agosto 2019
  2. Julien Sorel said:

    Devi aspettare che la (brutta) trasmissione per cui lavorava abbia finito di lucrare sulla conduttrice scomparsa. Aggiungerei ai peccati della Toffa e della sua trasmissione anche la gestione del suo calvario personale, tramutato in uno show per ottenere visibilità, ascolti e pubblicità. Arrivando a dipingere una malattia mortale come un circo divertente da buttare in pasto ai social. Poi, per carità, mi spiace umanamente che una persona muoia così a 40 anni, ma non è che per forza debbo avere una buona opinione di una persona morta e debbo approvare il fatto che abbia reso una cosa serissima come il tumore una materia da rivista di cronaca rosa. Comunque non preoccuparti, tra qualche mese quando sarà stata dimenticata si potrà dire tutto in libertà. La cosa che un po’ da fastidio è che chi ricorda i lati oscuri della Toffa vien tacciato di essere un avvoltoio, chi invece ha lucrato e continua a lucrare sulla sua malattia e sulla sua dipartita passa per persona compassionevole. Ma alla fine della fiera così funziona il mondo mediatico.

    19 Agosto 2019
  3. Mauro said:

    Perché devi aspettare?
    Io non mi faccio problemi a dire che lo era. I fatti sono fatti.
    L’unica cosa che evito di esternare sono quelle che sono mie impressioni e sulle quali non posso portare fatti a sostegno, perché lei da morta non potrebbe controbattere.
    Ma i fatti rimangono fatti, che sia morta o che sia viva.

    19 Agosto 2019
  4. kheimon said:

    Quasi ogni famiglia (estesa), compresa la mia peraltro, ha almeno un paziente oncologico. Perciò per quanto non avalli il vilipendio sperticato non capisco davvero la necessità di tanto religioso ossequio. Sono in milioni a soffrire di cancro senza farne una cronistoria sui social e gran parte di queste persone non lavora in una trasmissione televisiva che compie in 20 minuti un danno che decine di campagne di informazione riusciranno a riparare forse dopo 20 anni.

    L’unico consiglio che posso darti è evitare l’accanimento e valutare se l’impulso che provi a parlar male di questa donna tanto da chiederti “quanto devi aspettare” non sia solo una ripicca per il panegirico che se ne è fatto altrove.

    Se vogliamo fare qualcosa di più costruttivo, c’è invece da trarre spunti dalle Iene per costruire con la gente quello stesso rapporto amicale e complice che loro riescono a instaurare.

    Precondizione è rottamare immantinente la comunicazione di Burioni. Correlazione non è sempre causazione, ma da quando sono stati imposti i vaccini per decreto ed è stato affidato a Burioni, una delle persone più spiacevoli del panorama mediatico, il compito di divulgatore alle masse, la fiducia verso le vaccinazioni si è persino ridotta. Nella migliore delle ipotesi il lavoro svolto è insufficiente, nella peggiore è dannoso.

    20 Agosto 2019
  5. fgpx78 said:

    Sinceramente, l’ondata di post che la dipingono come martire eroina dei nostri giorni, mi ha più che stancato.
    Spiace per lei ovviamente, sul piano umano.

    20 Agosto 2019
  6. Piero said:

    Il bello è vedere gente che fino al giorno del funerale manco sapeva chi fosse la Toffa (il fatto di apparire in quelle pessima trasmissione di certo non l’ha resa nota al grande pubblico come un qualsiasi altro conduttore di trasmissione), sperticarsi non solo in insulsi messaggi di cordoglio, ma pure incazzarsi con altri vippari che giustamente hanno preferito starsene in vacanza, invece di andare ai funerali di una illustre sconosciuta, o che non hanno ipocritamente postato melensi messaggi sulla bacheca per la cara estinta.

    21 Agosto 2019

Comments are closed.