La figura

3 agosto 2019.
A metà mattina Patrick Wood Crusius entra in un grande magazzino di El Paso e inizia a sparare. Muoiono 22 persone mentre 24 rimangono ferite.

Nel giro di pochissime ore arriva sui mezzi di comunicazione di massa il profilo dell’attentatore: un ventunenne bianco sostenitore di Trump. Passano pochissimi minuti e si scatena la caccia al suprematista bianco; immediatamente sgorgano gli editoriali contro l’odio razzista di Trump che avrebbe causato questa tragedia. Lo sveglione noto per aver previsto il flop dell’aifon dice che Trup odia e il suo fan spara. Il coglionissimo lo applaude dicendo che chi semina vento raccoglie tempesta.

4 agosto 2019.
È passata da poco la mezzanotte quando a Dayton, in Ohio, avviene una seconda sparatoria che provoca 10 morti. Tra questi l’attentatore, il ventiquattrenne Connor Stephen Betts. In questo caso le informazioni sull’autore della sparatoria tardano ad arrivare, ma dopo un po’ arrivano. Si scopre così che era registrato come elettore democratico e si descriveva come una persona di sinistra che sosteneva Elizabeth Warren (una senatrice democratica nota principalmente per la buffonata delle sue analisi del DNA che secondo lei dimostrerebbero che à antenati nativi americani). Ovviamente Elizabeth Warren è una delle più dure oppositrici di Trump. Non potevano mancare i messaggi a sostegno di Bernie Sanders e gli attacchi alle forze dell’ordine statunitensi che presidiano i confini statunitensi.

Epperò nessuno se ne è uscito dicendo che Warren e Sanders odiano e i loro fan sparano. Nessuno parla addosso la colpa della sparatoria di Dayton a politici democratici. La connessione si fa solo quando spara un sostenitore di Trump.
E badate bene, le due sparatorie sono avvenute a meno di 24 ore di distanza, nello stesso paese e con le stesse modalità.

Ecco, la prossima volta che ci sarà una sparatoria aspettate almeno 24 ore prima di scrivere tuitt o editoriali sui danni che provoca l’odio razzista e suprematista bianco di Trump. Meglio ancora se 48 ore, o anche di più. Facciamo 3 o 4 giorni.
Eviterete di fare la figura dei coglioni.

One Comment

  1. kheimon said:

    Alla fine è lo stesso doppio standard che fa sì che nessuno trovi ironico il fatto che gli “antifà” provino sistematicamente a tappare la bocca a Ben Shapiro, un ultra-conservatore sostenitore di Israele, e arrivino all’aggressione fisica, al vandalismo e all’intimidazione pur di riuscire nel loro intento. Ora da centrista ateo e critico moderato di Israele, e dunque tutto sommato osservatore neutrale di questo scontro e persino tendente alla critica verso Shapiro, mi domando e dico: chi è il fascista qui?

    fascista
    2 estens. Chi interpreta i rapporti sociali come rapporti di forza e quindi con prepotenza e intolleranza

    12 Agosto 2019

Comments are closed.