Perché la gretina à tanto successo?

Fa quasi piangere vedere persone adulte che cadono nella trappola di questa bimba: significa che ànno la segatura nel cervello. Come è possibile che si siano tutti rincoglioniti?
I motivi sono diversi, e tutti insieme fanno un mics esplosivo che à portato a questo fenomeno da baraccone.

1) La gretina è incontestabile.
Essendo piccola, donna e affetta da un disturbo non la si può contestare. Altrimenti sei una persona brutta.
Ovviamente non à senso questo argomento: se un bambino viene a dirmi che la Terra è piatta rimane una cretinata anche se l’à detta un tenero bambino, e ovviamente lo si contesta.
Non è che l’essere piccolo e indifeso ti dà in diritto di dire qualsiasi cretinata pretendendo di non essere contestato.
Poi ovviamente la colpa non è sua ma dei genitori che la espongono al pubblico. Sono i genitori che devono proteggerla, se le critiche sono un problema, e non darla in pasto alla pubblica opinione. Ma se lo fanno, se accettano il rischio, si prendono la responsabilità delle contestazioni. Di certo io non perdo il diritto di dichiarare che dice scemenze perché i genitori sono sconsiderati abbastanza da esporla al pubblico.
L’argomento, per quanto illogico, viene però usato da molti. Se appena appena ti azzardi a dire che la gretina dice scemenza ti assaltano tutti dandoti dell’insensibile.
Quando provò la stessa carriera al gore invece non potevi usare questo strumento, perché al gore era adulto e vaccinato.
La gretina è più comoda, non ài bisogno di portare argomenti per difenderla, basta dire “vergognati, è una bambina” e ài vinto il punto.

2) La gretina non porta soluzioni
Perché ogni volta che questi aprono la bocca tu li fermi in due minuti chiedendo “ok, e allora che cosa si fa concretamente?”
Eglino di solito non ànno minimamente idea degli ordini di grandezza in gioco, sparano boiate che alla prova dei numeri si rivelano briciole, ànno la benché minima percezioni dei problemi tecnici da risolvere. In due minuti quindi li smonti.
Il campo delle soluzioni è dunque un campo dove possono solo perdere se si confrontano. La gretina non si spinge mai in questo campo, anzi è talmente scaltra da mentire spudoratamente dicendo che le soluzioni già esistono. Non è vero, è una balla, ma intanto consente loro di scappare dal terreno delle soluzioni. Toglie l’argomento dal tavolo e punta i riflettori sul “basta volerlo”.

3) La gente ama soluzioni facili a problemi complessi
Perché il problema del riscaldamento globale è fottutamente complesso, e alla sua soluzione lavora una marea di gente, nei governi, nelle aziende, nei centri di ricerca e nelle università. Questa gente però fa discorsi pesanti, porta ragionamenti difficili da capire, è gente noiosa. Perché non esiste la ricetta magica, ogni soluzione à i suoi pro e i suoi contro. Una persona corretta dunque te li presenta entrambi.
Il gretino medio rimane disorientato, un po’ come quando non capisce se le uova fanno bene o fanno male. Questa gente vuole parole semplici: al medico chiede se deve mangiare le uova o no, e se questo inizia a parlare di dieta equilibrata si stufa. Vuole un sì o un no.
Allo stesso modo quando si parla di ambiente questa gente non gradisce i discorsi complessi. Vuole parole semplici. In questo caso non si può dire nemmeno che cerca soluzioni semplici, perché non ci sono nemmeno le soluzioni!
La gretina è perfetta da questo punto di vista: non fa discorsi difficili, propone parole semplici. È la salvini dell’ambiente. Abbindola con discorsi semplici e con slogan gente che si stufa quando la situazione diventa complessa.

4) La gente vuole un nemico
Fin dalla notte dei tempi l’uomo cerca un nemico da combattere per dare un senso alla propria vita. Combattere il nemico che incarna il male dà molta soddisfazione. Combattere il nemico-male ti mette automanticamente dalla parte del bene.
In questo caso la gretina è riuscita a torvare il nemico perfetto per i suoi sostenitori: non è un nemico vero, ossia la cina è il primo paese al mondo per emissione di CO2 con il 30% (e si avvicina rapidamente a totalizzare il massimo di emissioni della storia).
No, il classico gretino non accetterebbe mai di incolpare i cinesi. Al gretino devi dire che il colpevole è l’uomo bianko, sempre e comunque. Qualsiasi atrocità del mondo è colpa dell’uomo bianko, e questo concetto semplicemente li fa godere.
I colpevoli siamo noi, dunque, ma non io. Io sono bravo. Io uso le lampadine ai LED e faccio la raccolta differenziata. Ovviamente non risolve minimamente il problema, però intanto io posso dire di avere la coscienza a posto. La compa è dell’uomo bianco ma di qualcun altro, non mia. Con questa accoppiata la gretina è riuscita a trovare il nemico perfetto.

5) La gretina non fa mai contradditori
Arriva, fa i suoi discorsetti e se ne va. Al massimo fa qualche intervista nella quale però l’intervistatore non la mette mai veramente in difficoltà. Sono le classiche interviste inginocchiate che fanno ai politici intoccabili.
Non la mettono mai di fronte a qualcuno che le faccia domande semplici semplici tipo “oh, vuoi dimezzare le emissioni di CO2 in dieci anni? Bene, dimostrami come. Progetto preliminare, esecutivo e definitivo. Qui sul tavolo, numeri alla mano”.
Messa davanti a una persona minimamente competente questa bambina scapperebbe a piangere dalla mamma in 30 secondi.
Fare interviste inginocchiate ed evitare contradditori è il sogno di ogni politico e in generale di ogni cazzaro ambientalista che vive di slogan. Eglino non possono farlo perché sono adulti e vengono messi a dibattere con qualcun altro, ella invece se lo può permettere, quindi viene mandata avanti per conto loro.

6) La gente stolta è solita esaltare figure pubbliche vuote
L’accoglienza che riceve la gretina in contesti pubblici come quello di ieri a Roma è roba che ricorda personaggi pubblici tipo gli iutiuber di successo che fanno i video con le pernacchie oppure le dive da instagram. Non cito le rockstar perché quelle vengono acclamate per il loro talento musicale (quando c’è).
No, quello per greta è un isterismo simile a quello di chi morirebbe per un autoscatti con la ferragni o per le AKB48. L’esaltazione del nulla. L’esaltazione di qualcuno famoso solo perché famoso.
Questo accade normalmente tra le persone stolte. Perché una persona minimamente formata normalmente ammira pochissime figure pubbliche, quelle veramente d’apice poiché ne sa ammirare il genio. Ma queste persone nella società sono poche.
La grande maggioranza delle persone è sciocca, non sa ammirare quelle poche persone d’apice che lo meriterebbero perché non sanno nemmeno apprezzare i loro meriti. Le persone stolte ammirano il vuoto perché è fino a lì che riescono ad arrivare nel capire.
E siccome questa gente è la maggioranza si creano questi fenomeni da baraccone con un seguito enorme.

22 Comments

  1. Ava said:

    Ho espresso concetti simili sul mio blog, ma non ho ancora pubblicato perchè volevo qualche argomento in più. Ora dopo gli ultimi exploit al Senato ne ho abbastanza per scrivere anche io..

    20 Aprile 2019
    Reply
  2. Ava said:

    Aggiungo che lei propone comunque soluzioni, che non hanno.ovviamente senso: naziveganesimo, trenite acuta, luddismo dei miei coglioni . In pratica retorica pura. Ma vabbè , adesso ho il cell e sono al mare. Stasera provo a pubblicare. Viva il titolo di Libero

    20 Aprile 2019
    Reply
    • mattia said:

      In pratica retorica pura.

      Appunto. Nel momento il cui non stanno in piedi non sono soluzioni.

      21 Aprile 2019
  3. Sbino said:

    Una soluzione (semplice? Nooooooo) forse ci sarebbe : ridurre la sovrappopolazione.
    Un grosso saluto

    20 Aprile 2019
    Reply
    • Lela said:

      Anche questo è un modo troppo semplicistico di affrontare il problema. Con la sola riduzione della popolazione (con che criterio, tra l’altro? È una china pericolosa) non risolvi nulla.

      21 Aprile 2019
  4. Itwings said:

    Pensa che bello, davanti a tutti gli scolari scioperanti ,
    dire : “Bene ragazzi. facciamo subito un primo gesto
    concreto: da oggi rinunciamo per sempre al cellulare!
    E via tutti i motorini!”

    20 Aprile 2019
    Reply
    • mattia said:

      da oggi rinunciamo per sempre al cellulare!
      E via tutti i motorini!”

      Sicuramente farebbe effetto.
      Sull’immediato, perché sono le cose a cui badano di più.
      Però io penso che sarebbe più efficiente dire di abolire il riscaldamento nelle case e nelle scuole.
      Quello sì che farebbe la differenza. Magari i ragazzi non se ne rendono conto perché non sanno cosa significa stare senza riscaldamento, ma dopo averlo provato per due settimane capiscono e si ribellano peggio che a togliere loro i cellulari.

      21 Aprile 2019
  5. Federico said:

    L’altra sera in pizzeria, toccando l’argomento Greta Thunberg, ho fatto un discorso molto simile al tuo. Ho in particolare evidenziato la vuotezza e l’insignificanza di un personaggio pubblico del genere.
    Come non detto, mi hanno guardato un po’ come il bullo della situazione, che si accanisce con cattivo gusto contro una ragazzina che lotta per il bene.
    E dire che fra i miei interlocutori, seduti al tavolo, c’erano due giuristi e ben cinque giovani e brillanti PhD in matematica, non proprio gente con la segatura al posto del cervello.
    Io, da misero ingegnere edile, sono contento che ci sia ancora qualcuno di raziocinante che la pensi come me.
    È sempre un piacere leggerti.

    21 Aprile 2019
    Reply
    • Davide said:

      Purtroppo i sedicenti progressisti prima hanno creato il dogma secondo cui è vietato criticare gli appartenenti a determinate categorie, tra cui donne, minorenni, diversamente sani ecc., e poi hanno scelto un rappresentante appartenente a ben tre delle suddette categorie: ci hanno fregato! Comunque a me questa ragazzina sta tremendamente sulle balle…

      21 Aprile 2019
  6. Aq said:

    Proprio cosi ed e’ tristissimo. Ma ancora piu’ desolante vedere sua santita’, membro di quell’ordine che fu di Matteo Ricci ed e’ di padre Coyne ricevere la piccola come una profetessa.

    21 Aprile 2019
    Reply
  7. stephen said:

    per non parlare di quando ti aggrediscono con “lei adolescente ha portato X in piazza, ispira Y persone e blabla tu cosa hai fatto?” ignorando completamente il feedback positivo: se mi esaltano mediaticamente sul nulla, acquisto momento di conseguenza riesco a far partire una piccola manifestazione, che viene esaltata (sempre sul nulla) finché con la mia sola presenza muovo milioni di persone.
    facile cosí, ma a quanto pare non sembrano capire questo meccanismo.

    21 Aprile 2019
    Reply
  8. Shevathas said:

    Comunque ho notato una cosa: i più sfegatati fans di Greta misurano l’energia in kilowatt.
    Volendo essere cattivo potrei affermare che hanno qualche “trascurabile” lacuna in fisica.

    21 Aprile 2019
    Reply
  9. Silvia said:

    Ho scritto anche io sul mio profilo IG qualcosa a riguardo della Gretina, e sinceramente questa storia dell’incontestabilità della Gretina. Sono una giovane ragazza
    Anche io sono affetta dal suo stesso disturbo (e di questo in lei non ne vedo i sintomi), e sono d’accordo con ciò che dice Salvini.
    E dicono che ho la “testa annebbiata da idee fasciste”
    Più parlo con certe persone (specie i gretini) più penso che abbiano la segatura al posto dei neuroni.

    22 Aprile 2019
    Reply
    • Silvia said:

      E sinceramente non capisco molto la storia dell’incontestabilità, come al solito navigo nei mari del mio testo

      23 Aprile 2019
  10. Julien Sorel said:

    La differenza tra la Gretina e Zsa Zsa Gabor è che Zsa Zsa Gabor era un personaggio sostanzialmente inoffensivo. Stava sui giornali prevalentemente per il gossip, ma appunto era solo gossip fine a se stesso. La Gretina invece fa danni perché quando le sue previsioni apocalittiche da Cassandra dei poveri non si avvereranno sputtanerà completamente il dibattito scientifico su un tema delicatissimo agli occhi dell’opinione pubblica. I primi a dover saltare sulla sedia dovrebbero essere proprio gli addetti ai lavori che rischiano di vedere il loro lavoro mandato in fumi dalle previsioni a cazzo di questa qui e dei pubblicitari che la manovrano. Poi sì, è un po’ sconfortante vedere che il mondo dopo Paris Hilton, Ambra Angiolini, Britney Spears, Justin Bieber, Chiara Ferragni etc. ancora non riesce a riconoscere una squallida operazione di marketing quando ne vede una.

    22 Aprile 2019
    Reply
  11. Andrea Occhi said:

    Progetto preliminare, esecutivo e definitivo. Qui sul tavolo, numeri alla mano
    Ma basterebbe una idea di massima fattibile.
    Che non c’è neanche quella, figuriamoci qualcosa di esecutivo…

    23 Aprile 2019
    Reply
  12. ava said:

    Ultimo appunto: fa leva sul senso di colpa, leva di successo specie nel mondo benestante. Molti dei fan di Greta mangiano carne, vano in aereo, comprano i libri di carta tra cui il suo. Ma amano predicare bene.

    23 Aprile 2019
    Reply
    • Zeno said:

      No veramente, dopo i led di standby e le cannucce adesso la grande minaccia per l’ambiente sarebbero i libri di carta? Potrei capire i quotidiani, leggi e getta.
      Quale sarà la prossima emergenza ambientale: i chewing-gum? (mai notato come ne sono impestati i marciapiedi) Le graffette metalliche? Gli stuzzicadenti?

      24 Aprile 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota sui biscottini: questo sito usa solo i biscottini di base di Wordpress per il funzionamento del sito. Non usa biscottini per memorizzare vostri dati personali, anche perché non me ne frega niente. Pensate che non vengono nemmeno fatte le statistiche sugli accessi di questo sito. Non ci sono nemmeno i pulsanti per mettere apprezzamenti sul feisbuc, il tuitter o altre reti sociali. Ciao.