Meno quattro

Prendete una coppia che si sposa, per esempio. Prima del fatidico sì c’è sempre la madre* impicciona che se ne esce dicendo “ma cosa la sposi a fare, fra otto anni sarai bello e che divorziato! Ascolta me, il matrimonio è una cazzata

Poi la coppia si sposa e in effetti il matrimonio non funziona. Dopo otto anni la coppia è davvero divorziata.
A quel punta arriva la madre impicciona a dirti “visto, te l’avevo detto che non avrebbe funzionatohhh!!11! I fatti mi ànno dato ragione!

E la storia finisce lì.
Dopo qualche anno decide di sposarti il fratello minore dello sposo (ormai divorziato), il quale condividendone la madre impicciona si deve sorbire lo stesso trattamento: “non sposarla, vedrai che fra qualche anno sarai divorziato, il matrimonio non funziona… ài visto tuo fratello, l’avevo detto anche a lui di non sposarsi e poi à divorziato! I fatti lo dimostrano che il matrimonio è una cazzata

Questo la manda a cagare, si sposa e vive la sua vita felice e contento.

Già, perché il fatto che il matrimonio del fratello sia fallito non implica che tutti i matrimoni falliscano.
È fallito quel matrimonio. Magari perché le persone erano incompatibili, o magari invece perché ànno fatto degli errori che potevano evitare. Avessero fatto delle scelte diverse magari ora sarebbero ancora insieme. Ma se fallisce un matrimonio non significa che l’idea in sé del matrimonio sia sbagliata: è sbagliato come l’ài messo in pratica.

Ora sostituite matrimonio con Brexit. Sta andando tutto amabilmente a puttane con la Brexit? Certo. Ciò implica che la Brexit era necessariamente una pessima idea? Manco per il cazzo cazzo.

Esattamente come con il matrimonio avrebbero potuto farla meglio e farla funzionare.
Il fatto che sia stata gestita da un branco di incompetenti non significa che sia impossibile uscire dall’UE senza finire in un bordello. Così come il fallimento di un matrimonio non implica che tutti i matrimoni siano destinati a fallire.

La Brexit andata in vacca non dimostra che gli oppositori della Brexit avevano ragione. Così come il divorzio del primo fratello non significa che la madre impicciona aveva ragione. Avrebbero potuto fare una brexit ordinata e un matrimonio felice!

Quando ascoltate qualche giornalista dire frasi del tipo “i sostenitori dell’italexit si ricordino di come è andata con la Brexit” fategli notare che, logica alla mano, è un cretino come la mamma impicciona.

*o una suocera, una zia, un cognato, una vicina di casa… il campionario di gente che non si fa i cazzi suoi è sterminati. In un caso posso dire di aver assistito a un intero paese che non si faceva i cazzi suoi sul matrimonio di un tizio.

6 Comments

  1. fgpx78 said:

    Boh, a me pare più il divorzio di una delle 28 mogli di un sultano, per ottenere il quale però devi sorbirti le altre 27 incazzate. Ora, verissimo che può andar bene anche così, ma *in questo particolare caso* mi pare che si siano trovati ad affrontare una situazione non prevista n* quantomeno valutata in precedenza (vittoria del sì al referendum).
    Ora, che stiano facendo solo casino, ad oggi, mi pare assodato. Magari domani cambiano, e pure le altre 27 mogli decidono che ha senso mettersi d’accordo… chi lo sa.

    25 Marzo 2019
    Reply
  2. kheimon said:

    Pur da convintissimo “remainer”, aspetterei a valutare il successo o meno di questa particolare istanza di “-exit”, intanto perché se l’UK fa e farà male (e questa bagarre politica è male, come lo è una trattativa impostata in questa maniera idiota) la EU può fare anche peggio, e poi perché ogni nefasta previsione sul futuro è basata sull’assunto che il contesto generale non cambi. Brexit non avviene in una camera stagna con 28 nazioni dentro e le pareti insonorizzate. Avviene in un mondo dove gran parte del PIL non lo si fa in Europa.
    Quando il capitale tra 10-15 anni deciderà dove investire (in innovazione e attività ad alto valore aggiunto) farà una valutazione in termini relativi, non assoluti. Vedremo come starà allora questa Germania che adesso pompa carbone e manifattura con una valuta tenuta bassa dagli stessi “partner” europei verso cui esporta.
    Se Atene piange, Sparta non ride. Bisogna vedere chi piange meno, o… ride ultimo.

    25 Marzo 2019
    Reply
  3. stephen said:

    in questo particolare caso sarà peró un esempio di cosa succede a un paese che esce dall’eu. non tanto “se la fanno bene o male”, ma perché la eu ha il manico del coltello e puó benissimo dira PUPPA a un paese uscente che perde diritto a pretendere.
    quindi se ci sono degli incompetenti che la amministrano imho avremo (e abbiamo) delle shitstorm, delle bagarre, sostebitori/detrattori che saltano subito sul carro e via andante…
    tuttavia non é che ci possano essere molti modi per concluderla, alla GB piacerebbe tanto avere un piede nel commonwealth e l’altro nell’eu (> tentennamento), ma alla fine la linea dell’eu sarà “esci e ciao ciao, cos é che vuoi? ah si certo certo domani magari”.

    essendo una predizione niente é certo, infatti l’avvenimento sarebbe un buon caso studio su quanto la perdita di certi vantaggi impattino su un paese.

    25 Marzo 2019
    Reply
  4. Davide said:

    A me pare di aver capito che il casino che stanno facendo sulla Brexit derivi essenzialmente dal tentativo di Teresa Maggio di salvare capra e cavoli, ossia di uscire sì dall’Unione Europea, ma di conservare un sacco di cose dell’appartenenza all’UE, credendo, in questo modo, di accontentare sia chi vuole uscire sia chi vuole rimanere. In questo modo, invece, scontenta tutti, perché chi vuole rimanere vuole rimanere anche ufficialmente, mentre chi vuole uscire vuole recuperare la piena sovranità. Ho capito bene?

    26 Marzo 2019
    Reply
  5. ava said:

    ma poi pensavo, metterla giù duro con intimidazioni in stile mafioso contro l’ UK è conveniente per la UE?
    secondo me assolutamente no, se gli tagliamo i ponti… troverà qualcun altro con cui relazionarsi
    e alla fine l’ UE ci perderà

    26 Marzo 2019
    Reply
    • kheimon said:

      Complice forse il rallentamento delle economie europee e l’interesse dei 27 per minimizzare i danni (verso le proprie economie, appunto), devo dire che finora non ho osservato intimidazioni in stile mafioso da parte della UE. Alcuni individui hanno fatto affermazioni decisamente sopra le righe, ma comunque più continenti della media delle affermazioni dei leavers.
      Quanto a “altri con cui relazionarsi” è un’idea naïve se non ci si domanda anche “…andando a occupare quale posizione in quella relazione”. Ti puoi relazionare con Trump da Paese più isolato e meno influente, certo… dandogli il culo mentre stai piegato per bene a novanta gradi. Non dubito che si possa stringere un accordo commerciale a tariffe zero con Cina e USA: basta dargli il culo.

      2 Aprile 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota sui biscottini: questo sito usa solo i biscottini di base di Wordpress per il funzionamento del sito. Non usa biscottini per memorizzare vostri dati personali, anche perché non me ne frega niente. Pensate che non vengono nemmeno fatte le statistiche sugli accessi di questo sito. Non ci sono nemmeno i pulsanti per mettere apprezzamenti sul feisbuc, il tuitter o altre reti sociali. Ciao.