Asimmetrie

Un po’ per caso qualche giorno fa sono venuto a sapere che in italia esiste l’istituto a custodia attenuata per detenute madri, in breve ICAM (acronimo che per uno della mia città significa altro…).

Sembra che sia in via sperimentativa, tanto che proprio qualche giorno fa una delegazione del Senato è andata a fare una visita a uno di questi istituti per verificare come sta andando.

Sono andato dunque a indagare e ò scoperto che esiste davvero questo ICAM. La legge di riferimento è la n. 62 del 2011. Prevede che una donna incinta o con prole fino i sei anni faccia una sorta di carcere leggero in una struttura che non ricorda il carcere in modo che il figlio possa stare con la mamma non risultando traumatizzato.
Questa misura però si applica solo alle madri. Per i padri è prevista solo se la madre è morta o “assolutamente” impossibilitata a dare assistenza alla prole.

Ricapitolando: se sei una donna ti fai il carcere leggero fino ai sei anni del figlio, se sei padre no, te ne stai in galera (a meno che la madre non possa prendersi cura del figlio).
Non capisco il motivo di questa discriminazione tra i sessi. Perché la norma non è simmetrica?
Voglio dire, perché la norma non dice che il bambino sta in un ICAM con la madre solo in caso che il padre si deceduto o “assolutamente” impossibilitato a prendersi cura della prole?

Ci ànno scassato le balle per anni dicendo che la madre è solo un concetto antropologico, che un bambino può crescere bene anche con due padri, ché mica è necessaria la figura della mamma. Anzi, se tu timidamente dici che un bambino à bisogno della mamma arrivano i nuovi nazisti a prenderti a borsettate dandoti del retrogrado.
Poi però quando si tratta di decidere dove va un bambino quando la mamma è detenuta si decide di mandarlo insieme alla mamma in un ICAM, non con il padre fuori.
E perché mai? Che problema ci sarebbe a lasciarlo con il padre?

Non vorrete forse dirmi che un bambino à bisogno della mamma, eh? Non vorrete mica dirmi che la mamma è diversa dal papà?

8 Comments

  1. Mauro said:

    Ti diranno che il papà, essendo maschio, è pericoloso a priori e a prescindere. Quindi meglio non affidargli bambini.

    10 Gennaio 2019
    Reply
    • mattia said:

      Ti diranno che il papà, essendo maschio, è pericoloso a priori e a prescindere. Quindi meglio non affidargli bambini.

      quindi a due uomini non affidiamo i bambini giusto?
      Oppure quelli non sono maschi? 🙂

      10 Gennaio 2019
    • Mauro said:

      Chiedi ad Asia Argento & co., non a me 😉

      10 Gennaio 2019
    • Andrea Occhi said:

      Oppure quelli non sono maschi?
      Nella testa bacata di questa gente sì.
      Essendo gay, hanno una spiccata parte femminile, quindi buona, e una parte maschile, cattiva per definizione, che viene tenuta a bada dalla parte femminile.

      13 Gennaio 2019
  2. Carlo said:

    Bravo: dimostri, ancora una volta, l’ipocrisia e l’incoerenza di pensiero.

    10 Gennaio 2019
    Reply
  3. ava said:

    Che stronzata! Dovevano fare il carcere leggero per il genitore 1 e il carcere con i lavori forzati e la saponetta che ti scivola in doccia per il genitore 2 !

    10 Gennaio 2019
    Reply
  4. helmut said:

    Quello che secondo te è il padre discriminato può sempre dire di sentirsi la mamma e quindi il problema è risolto.

    10 Gennaio 2019
    Reply
  5. Sciking said:

    In effetti è una delle tante contraddizioni della legge italiana e del pensiero pubblico.

    Tra l’altro, molto sinceramente, non schiferei strutture tipo casa famiglia o alternative alla detenzione così da poter avere anche la famiglia unita, in fin dei conti, Costituzione alla mano, la pena deve tendere alla rieducazione e non penso che tutte le persone in carcere siano così pericolose da non poter valutare un’alternativa alla carcerazione.

    12 Gennaio 2019
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota sui biscottini: questo sito usa solo i biscottini di base di Wordpress per il funzionamento del sito. Non usa biscottini per memorizzare vostri dati personali, anche perché non me ne frega niente. Pensate che non vengono nemmeno fatte le statistiche sugli accessi di questo sito. Non ci sono nemmeno i pulsanti per mettere apprezzamenti sul feisbuc, il tuitter o altre reti sociali. Ciao.