Ignoranza ecclesiastica

E siamo arrivati al S. Natale. Ma è domani! – direte voi. No, qui in Rep. Ceca è oggi. Dopotutto i cechi festeggiano la Pasqua un giorno dopo, non stupitevi se fanno Natale il giorno prima.

Come tutti i Natali ci sono le tradizioni di rispettare, come il sottoscritto che disattende il proposito di imparare a memoria questa canzone o i preti secondo cui Gesù era un migrante. E via con le storie che non puoi fare il presepe e chiedere di applicare la legge dello Stato sull’immigrazione.

Non sto qua a spiegare per la kappesima volta perché Gesù non era un migrante. Manco per il cazzo. Sono anche stanco di ripetere concetti base che conoscerebbe chiunque a dottrina non dormiva o che nella vita à aperto una Bibbia per sbaglio trovandola nel comodino di un albergo.

La cosa che mi sconvolge però è che siano dei preti a dire questa cazzata. Cioè, se lo dice su feisbuc un tizio qualsiasi che non à messo piede in chiesa dopo la cresima puoi anche capirlo. Ma un prete dovrebbe saperlo che Gesù non era un migrante, che a Betlemme era a casa sua e che non è nato in un alloggio di fortuna perché la gente era cattiva ma perché a causa del censimento era tutto occupato.

Siamo arrivati al punto in cui non solo i laici ma persino i preti ignorano il cristianesimo. Come siamo arrivati a questo livello imbarazzante di ignoranza tra i sacerdoti?

Non lo so. Forse sono ubriachi di ideologia e questa fa loro dimenticare il Vangelo. O forse è successo che con la crisi delle vocazioni e i seminari vuoti ormai prendono qualsiasi capra a fare il prete. Poi tanto per fare il prete moderno basta fare il cretino che batte le mani a ritmo a messa e fa il giocoliere all’oratorio, mica serve studiare più di tanto.
Poi un giorno qualcuno si chiederà qual è la differenza tra un prete e un intrattenitore da villaggio turistico e mi sa che le risposte faranno ridere.

25 Comments

  1. Mauro said:

    Io ho l’impressione che sia ignoranza mista ad analfabetismo funzionale e a scarsa capacità di memorizzare.
    Hanno letto il Vangelo secoli fa (o lo hanno ascoltato solo in qualche predica) e ora fanno un minestrone di tante cose.
    Per esempio: ho sentito gente che a precisazioni tipo le tue rispondevano “E allora la fuga in Egitto?”.
    Face palm.
    Che Cristo e genitori in Egitto fossero migranti non lo può negare nessuno… ma che cacchio c’entra con quello che erano o non erano a Betlemme?

    24 Dicembre 2018
    Reply
  2. Ziopippo said:

    Adesso dicono che Gesù era profugo perché è andato in Egitto. Ma cosa c’entra questo col presepe e col Natale?

    24 Dicembre 2018
    Reply
  3. ava said:

    è un problema antico
    https://www.youtube.com/watch?v=tjRUH3Q5RGM
    e comunque:
    1) probabilmente Giuseppe non era povero e Maria neanche.
    2) la situazione era più simile a Bianco Rosso e Verdone che Fuocammare

    quanto alla faccenda di Erode e del la strage degli innocenti, storicamente parlando è una stronzata e non è mai avvenuta . Flavio Giuseppe, cronista primario dell’ epoca per la zona, grande detrattore di Erode, riporta molti massacri compiuti dal re,anche molto meno importanti, ma non cita nulla del genere, e di quattro vangeli si riporta l’ evento solo su uno.

    24 Dicembre 2018
    Reply
    • Fabius said:

      Forse Giuseppe Flavio tra tutti i massacri che ha compiuto Erode il Grande ha dimenticato di riportarne qualcuno, oppure non l’ha riportato per scelta, oppure non ne è venuto a conoscenza dato che è nato 30 o 40 anni dopo che è avvenuta la strage. Perchè poi Matteo non dovrebbe essere attendibile e invece Giuseppe Flavio Si?

      25 Dicembre 2018
    • ava said:

      perchè il 99% delle cose che ha scritto Giuseppe Flavio trovano riscontro nelle altre fonti e nell’ archeologia, mentre quel che scrive il vangelo trova se va bene sporadici riscontri neanche lontanamente confrontabili con il primo caso.
      Perchè il primo dei due testi è una cronaca storica redatta con lo scopo di illustrare i fatti ( anche se con una lettura parziale) mentre il secondo è un testo religioso ( quindi con finalità spirituali) che riporta miracoli e fenomeni paranormali vari.
      Porre i due testi sullo stesso piano vuol dire fare antivaccinismo storico.
      Comunque ti assicuro che Giuseppe Flavio odiava Erode e se ci fosse stato seriamente un massacro di neonati , o anche solo una profezia assurda, l’ avrebbe riportata per certo. Anche perchè , so che pare strano ma era così, Erode fu processato per massacri molto meno gravi di quello di Betlemme, e quindi è assolutamente impossibile che una mattanza di neonati passase sotto silenzio, anche solo perchè sarebbe stata tutta legna sul fuoco dell’ opposizione politica ad Erode , che sarebbe parso infermo di mente.
      Oltretutto se c’è un genere di storie a cui si deve credere poco in storia è quella delle ” profezie “.

      27 Dicembre 2018
    • ava said:

      Altre ” piccole ” questioni:
      1) Erode IL GRANDE è morto nel 4 AC. In seguito ci fu Erode Archelao suo figlio ma la ” srtage degli innocenti ” non viene attribuita a lui ma al padre.
      2) Gesù è nato nello 0
      3) il censimento è stato fatto nel 6 dc ed è impossibile che sia stato fatto prima perchè nel 6 DC Archelao venne deposto per inglobare le terre a seguito di rivolte a cui il re non sapeva porre fine. Il censsimento ha proprio lo scopo di capire quanta gente abitava la nuova provincia

      inoltre

      1) le condanne a morte in giudea non erano facili da applicare come credi. guarda la morte di Gesù; Ponzio Pilato dichiara che se ne lavava le mani, perchè ogni condanna a morte che la gente percepiva come ingiusta era causa di rivolte e guerre civili. E parliamo dei romani, gente che sopprimeva il dissenso nel sangue; figurati 30 anni prima, in una condizione di lotta politica intestina perenne, solo un pazzo avrebbe fatto massacrare neonati a casaccio. Oltretutto viene riportato che fece il macello su indicazione dei Magi , ma Erode non ebbe mai nulla a che fare con i Magi ed è solo ulteriore fango sul ventilatore.
      2) in ogni caso se avesse vluto condannare qualcuno , Erode sarebbe dovuto passare attraverso le autorità romane o il Sinedrio in quanto non era un monarca assoluto.
      questi sono fatti e non pugnette di natale. prendiamo i vangeli per quel che sono , testi spirituali religiosi, con qualche legame storico, e fine.

      27 Dicembre 2018
    • mattia said:

      2) Gesù è nato nello 0

      no, aspetta, l’errore di calcolo di Dionigi il piccolo ormai mi sembra accettato universalmente

      27 Dicembre 2018
    • ava said:

      mattia secondo te quelli che dichiarano che gesù era un migrante considerano anche che gesù non sia nato nell’ anno zero?

      27 Dicembre 2018
    • Fabius said:

      Era difficile mettere a morte sotto Roma? Eppure Erode è riuscito a far compiere la strage (di ebrei) dell’Ippodromo durante il suo funerale in modo che ci fosse qualcuno (i parenti delle vittime) che piangesse poichè sapeva che tutti sarebbero stati felici per la sua morte. è riuscito ad uccidere figli, mogli e parenti (cittadini romani).
      Non era il potere romano che doveva passare per il sinedrio per mettere a morte, ma il sinedrio (composto dalle autorità giudaiche) che per mettere a morte qualcuno doveva passare per l’autorità romana. Erode era re, era lui l’autorità romana, sopra di lui aveva l’imperatore.

      La fonte principale di Giuseppe Flavio per scrivere le “antichità giudaiche” sono stati gli scritti del vecchio testamento (quindi tu senza volerlo dai valore storico agli scritti del vecchio testamento e gli dai addirittura un 99 %) per il periodo di Erode si affida agli scritti (quando ci sono) di Nicola di Damasco, il quale però era amico e ministro di Erode e nei suoi resoconti potrebbe aver con buona probabilità nascosto le colpe più infamanti del suo amico.
      Quindi, per non divagare troppo, il racconto di Matteo sulla strage dei bambini fatto compiere da Erode è credibile allo stesso modo di come sono credibili gli scritti di Giuseppe Flavio.
      Caspita, adesso mi viene voglia di leggere le “Antichità Giudaiche” di questo Giuseppe Flavio ….azz.. 1300 pagine!!! ….un’altra volta….

      27 Dicembre 2018
    • ava said:

      Boh mi pare che parli veramente a casaccio. Io ho letto almeno un paio di libri sull’ argomento.
      Senza tirar fuori comunque, principi d’autorità varie, ti ricordo che non tornano neanche gli anni ; uno dei due vangeli ha scritto una fesseria, decidi pure tu quale. io opto per Matteo perchè il censimento sappiamo per certo che c’è stato.
      E poi sarà anche che associo abitualmente il nome Matteo a panzane colossali.

      27 Dicembre 2018
    • Lucie said:

      @fabius
      Comunque, per essere precisi, G. Flavio si affida all’antico testamento come fonte, solo per il periodo biblico. La sua fonte è principalmente Dionigi di Alicarnasso 👍

      8 Gennaio 2019
  4. Beppe Grullo said:

    Premesso che secondo me è un falso storico, Gesù fu tecnicamente un rifugiato in Egitto per il Vangelo secondo Matteo (2,13-15). Gli altri vangeli canonici non si esprimono in merito. Magari le “capre” il vangelo l’hanno letto e si riferiscono a quell’episodio.

    Buone festività in ogni caso

    24 Dicembre 2018
    Reply
  5. Luca2 said:

    Magari si intende che fosse un migrante durante la fuga in Egitto.

    24 Dicembre 2018
    Reply
  6. fabius said:

    Non è stato un migrante per il censimento a Betlemme.
    Però, quando Erode ha saputo che era nato il “re dei Giudei” e quindi aveva paura che un condottiero militare potesse mettersi a capo dei giudei e rivoltarsi in massa a Roma decise di uccidere tutti i bambini di Betlemme sotto i due anni. Da qui la famiglia di Gesù fu ricercata e dovette fuggire in Egitto lasciando tutto (perseguitati e rifugiati). Mt 2,1-23.
    Non sono informato sulle polemiche attorno a Gesù Migrante o clandestino, volevo solo ricordare che la famiglia di Gesù non ha vissuto tanto tranquillamente.

    25 Dicembre 2018
    Reply
  7. mattia said:

    Tutti:

    1. La fuga in Egitto non c’entra una beata fava con il Natale. Basterebbe leggere il vangelo per saperlo.

    2. Ma se proprio volete fare la punta al cazzo, l’Egitto a quel tempo era una provincia dell’impero romano da trent’anni. Come dire, se uno spagnolo va a lavorare in Francia non dici che è un migrante.

    25 Dicembre 2018
    Reply
    • ava said:

      1) ovviamente concordo.
      2) allora; anticipo ricordando che la strage degli innocenti è un falso storico ( Erode è morto nel 4 AC, il censimento avvenne nel 6 DC quando le terre vennero inglobate nell’ impero)
      ma , se accettiamo invece questa narrazioen fantastica come vera ( e quindi eventi improbabili e date sballate), effettivamente Gesù sarebbe stato un migrante.
      Non tanto un migrante economico che dall’ italia va in Spagna, ma ( non voglio essere blasfemo ma capiamoci) tipo Battisti che fugge dell’ italia per trovare rifugio in Francia. nell’ anno ” zero” la giudea non era propriamente dentro l’ impero romano , era gestita in ” devolution” da Erode figlio come re ” amico ed alleato” in una condizione ” ibrida”. Questo status di ” re in casa d’altri ” gli venne garantito perchè il padre si era schierato con Augusto nella guerra civile, ed era una fase di transizione tra l’ indipendenza e l’ annessione completa che in effetti avvenne pochi anni dopo. Comunque, ripeto, parliamo del nulla; la strage degli innocenti non ci fu ed è una vergogna che ancora oggi venga accettata come fatto storico. Comunque il tema di debunking è interessante e lo sviscererò per quanto possibile nel mio blog.

      27 Dicembre 2018
    • Martyn said:

      Faccio un po’ la punta al ceppo.

      Magari tu non definisci un migrante una persona che da spagna va in francia.
      Allora come lo definiamo? Expat? 😉

      29 Dicembre 2018
    • mattia said:

      Magari tu non definisci un migrante una persona che da spagna va in francia.

      Spagnolo?

      29 Dicembre 2018
  8. Ugo said:

    Hahahahaha è vero. Una volta sono andato alla parrocchia (protestante) dell’asilo dei bambini e ci hanno dato un volantino sulle attività estive. Solo che al tizio che è passato dopo di me hanno detto “e abbiamo attività specifiche per famiglie con Migrationshintergrund…”, mentre a me no. Io ridevo di questo facendo notare che o il mio tedesco è eccelso, o hanno fatto differenze perché non sono diversamente pigmentato, ma il mio PM ha commentato “tu vieni dall’unione europea e quindi non sei un migrante”.

    26 Dicembre 2018
    Reply
  9. ziopippo said:

    E’ chiaramente il classico artificio del bersaglio mobile: cominciano con l’immagine del presepe e ti dicono che Gesù era un immigrato clandestino (o qualche variante del genere), gli fai notare che era a Betlemme per il censimento e allora dicono “eh ma è scappato in egitto e lì era profugo”. Gli fai notare che non c’entra nulla col natale e con il presepe e che l’egitto era un’altra provincia dell’impero romano e ti dicono che “comunque gesù si è messo dalla parte degli ultimi e quindi anche dei migranti”. Non c’è verso di ragionare così

    27 Dicembre 2018
    Reply
    • ava said:

      gli immigrati ci pagano le pensioni, giusto?
      se questa è la logica dove vuoi finire…

      27 Dicembre 2018
    • Beppe Grullo said:

      @ziopippo
      Ma quale bersaglio mobile? Dopo l’arrivo dei Re magi Giuseppe è scappato in Egitto e lì c’è rimasto da rifugiato con la famiglia per anni. Questo insegnano a catechismo e a molti cristiani (non a me) preme ricordarlo sotto le feste, magari proprio quando sgomberano il presepe. Poi ci saranno pure gli ignoranti che pensano che Giuseppe stesse già scappando dall’inizio, ma ovviamente non parlano a nome di tutti.

      29 Dicembre 2018
    • mattia said:

      Ma quale bersaglio mobile? Dopo l’arrivo dei Re magi Giuseppe è scappato in Egitto

      Comico, a suo modo.

      29 Dicembre 2018
    • ava said:

      ma i vangeli almeno li leggete? secondo Matteo I Re Magi arrivarono nella ” casa ” di Gesù a Betlemme. Quindi Gesù risiedeva a Betlemme e non era un reietto in stalla ma abitava tranquillamente in un immobile.
      Oppure ha ragione Luca, Gesù nacque in stalla come un poveraccio, e allora non aveva una casa.
      In ogni caso la nascita in stalla non ha nulla che fare con l’ eventuale ed improbabile fuga in Egitto.
      Inoltre ricordo che spesso i Vangeli sono tradotti a cazzo. ” non c’era posto per loro nell’ albergo ” che secondo la massa significa ” tutto esaurito” , secondo molti invece andrebbe tradotto ” non c’era un posto adatto a partorire nel caravanserraglio”; con questa traduzione sparirebbe il pietismo da quattro soldi.

      1 Gennaio 2019
    • johndoe said:

      @ava
      Tu sicuramente il Vangelo di Matteo non lo hai letto, altrimenti sapresti che non ha mai scritto che i Magi fossero re.

      2 Gennaio 2019

Rispondi a Mauro Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota sui biscottini: questo sito usa solo i biscottini di base di Wordpress per il funzionamento del sito. Non usa biscottini per memorizzare vostri dati personali, anche perché non me ne frega niente. Pensate che non vengono nemmeno fatte le statistiche sugli accessi di questo sito. Non ci sono nemmeno i pulsanti per mettere apprezzamenti sul feisbuc, il tuitter o altre reti sociali. Ciao.