Ieri Leone

In pratica emma bonino si è messa a frignare nell’aula del senato perché il governo à imposto al parlamento la manovra per il 2019 senza nemmeno dare il tempo ai parlamentari di leggerla. Vergoniaaa!!!11!! Calpestate le istituzioni!111!!!

Dimentichiamoci un attimo il fatto che ormai sono più di due decenni che il governo – qualsiasi governo – strozza il parlamento imponendogli norme da votare così come sono, prendere o lasciare (dove lasciare significa andare tutti a casa, quindi è prendere e basta). Complimenti alla bonino per essersene accorta solo adesso (che al governo lei non c’è più).

La cosa più ironica è che parla di rispetto delle istituzioni una come emma bonino. Già questo dovrebbe far scompisciare dalla risate chiunque non sia stato su Marte negli ultimi decenni.
Una come emma bonino che parla di rispetto delle istituzioni è come matteo salvini che fa la pubblicità alle arance del Marocco.

Non solo perché emma bonino è una che in senato ci va ogni tanto per sbaglio. Nella legislatura in corso à già collezionato il 35% di assenze e nella sedicesima legislatura addirittura il 61% (ok, in quei cinque anni era vicepresidente del Senato, quindi quando era presidente di turno non votava ma non è che faceva il presidente nel 61% delle votazioni).
Se vuole parlare di rispetto delle istituzioni potrebbe iniziare a frequentare il parlamento, così per dire.

Ma quella delle assenza non è nemmeno la cosa peggiore che à fatto emma bonino alle istituzioni. Basta non avere la memoria di un pesce rosso per ricordarsi di quando, nel 1978, la campagna di emma bonino e del suo sodale pannella fece dimettere il presidente della repubblica Leone per lo scandalo Lockheed. Leone non c’entrava niente ma il fango che emma bonino gli à tirato addosso l’à spinto a dimettersi.

Affinché sia chiaro, il problema non è criticare o attaccare il presidente della repubblica. Sono io il primo a dire che non esiste il dogma dell’infallibilità del presidente della repubblica, e le tante volte che un presidente à fatto una cazzata non ò avuto alcun timore reverenziale nel dirlo. Si può attaccare eccome il presidente della repubblica: ma su fatti e responsabilità accertati. Nel caso Lockheed emma bonino e i radicali lo accusarono per colpe che non aveva.

Dopo vent’anni emma bonino scrisse una patetica lettera di scuse a Leone. Una lettera che non solo è tardiva e ridicola nei toni, ma è anche inutile.
Un politico che prendere una cantonata del genere non deve fare la letterina di scuse, deve dimettersi e non farsi più vedere sulla scena pubblica.

Nel 1978 emma bonino era una ragazza di 30 anni che gioca a fare la rivoluzionaria ribelle. Viene eletta a 28 anni alla camera, entra in parlamento e la prima cosa che fa è abboccare a una bufala.
In pratica è una versione primordiale dei ragazzetti del M5S. Con la differenza che questi per ora non ànno ancora fatto dimettere un presidente della repubblica con le loro bufale, al massimo si sono fatti prendere per il culo da mezzo mondo.

Dopo aver fatto una cazzata colossale come questa all’inizio della sua carriera emma bonino si sarebbe dovuta dimettere (con tante scuse) e si sarebbe dovuta ritirare dalla vita pubblica. Il danno è fatto e non puoi più rimediare, almeno abbi il buon gusto di fare un passo indietro e ammettere che quella posizione non fa per te.

Invece no, dopo aver infamato un presidente della repubblica innocente fino a farlo dimettere rimane in politica come se niente fosse.
Questo è il suo rispetto per le istituzioni.

Cari tutti voi che avete fatto l’elogio della frignata di emma bonino, ve lo siete dimenticati di questo fatterello? Glielo perdonate così allegramente? No, ecco, spiegatemi un po’.

5 Comments

  1. ava said:

    ma è lei che ha parlato di cessione di sovranità del parlamento? La stessa che aveva dichiarato che ci eravamo presi centinaia di migliaia di immigrati clandestini per avere in cambio più flessibilità dall’ europa grazie ad un accordo clandestino di cui non sapeva un caxxo nessuno ? la stessa che ha caldeggiato il bombardamento di molti stati sovrani in nordafrica? La stessa che appoggiava Renziloni che hanno fatto passare le finanziare col medesimo metodo?
    Riportatela al museo egizio da cui è uscita e buttate la chiave

    24 Dicembre 2018
    • Carlo said:

      è anche la stessa che non sapeva dove era candidata alle ultime elezioni (indimenticabile il suo “ehhhh, non me lo ricordo” dalla Gruber) e che proponeva di risolvere il problema dei 600.000 clandestini regolarizzandoli tutti

      25 Dicembre 2018
  2. ava said:

    riflettevo sul fatto che dovremo abituarci sempre più ad assistere a manovre economiche votate con la fiducia in zona Cesarini. i motivi sono che ormai con l’ europa di mezzo i tempi della discussione in parlamento non son più compatibili con le tempistiche necessarie all’ approvazione.
    POi quest’anno sinceramente è stato un caso particolare perchè il governo è partiti a giugno, con una parte politica con zero esperienza e con una alleanza mai provata prima, e con un paio di emergenze ( ponte di Genova, sbarco migranti) che han tolto tempo.
    Ma anche Renzi e Gentiloni se non ricordo male non sono andati tanto distanti: fiducia e voto dopo Natale

    24 Dicembre 2018
  3. Francesco said:

    E gli aborti eseguiti clandestinamente, con la pompa della bicicletta ?

    2 Gennaio 2019
    • mattia said:

      E gli aborti eseguiti clandestinamente, con la pompa della bicicletta ?

      Ma quella è una scelta (idiota) di tipo ideologico.
      La bonino (e i suoi belanti adoratori) ti diranno che rivendicano quelle scelte.
      Io mi limito al campo delle istituzioni e delle vaccate che à fatto nelle istituzioni, visto che si è messa a frignare per il mancato rispetto istituzionale verso il Parlamento.

      2 Gennaio 2019

Comments are closed.