A me questa legge causa problemi. Ma dico che è giusta.

Ieri la Camera à approvato definitivamente il “decreto salvini” sulla sicurezza. Tra le altre cose questa norma cambia anche la legge sulla cittadinanza italiana. Ora si potrà ottenere per naturalizzazione, sia per residenza che per matrimonio, solo dimostrando di conoscere la lingua italiana a livello B1.

Perché, fino a ieri era possibile ottenere la cittadinanza italiana senza saper parlare italiano? Ehm… sì.
Tanto che alcuni si trovavano davanti al sindaco a prestare giuramento e non sapevano pronunciare la formula perché non parlavano italiano. Così per dire.

Io non so in quanto tempo questa norma diventerà operativa. La norma è molto vaga, dice che il richiedente deve presentare certificazione rilasciata da un ente certificatore riconosciuto dal ministero…
Ma a questo ente chi è? Come certifica il livello B1?

Il Rep. Ceca, dove il sistema è analogo, l’ente certificatore è l’Università Carolina che organizza una sessione di esami al mese. I centri di prova sono distribuiti su tutto il territorio della Repubblica ma la prova è identica per tutti in modo da rendere l’esame uniforme. Non solo, ma lo stesso esame è preparato secondo alcuni standard da renderlo aderente a un modello di esame che è stato deciso equivalere al livello B1. Ad esempio, tra le prove di ascolto c’è sempre un’intervista radiofonica a un personaggio, una conversazione tra persone a uno sportello o per strada, il racconto di una storia…
C’è una commissione di esperti di ceco che prepara questi esami, ci sono attori che registrano i dialoghi per fare in modo che la prova di ascolto sia fatta con voci ceche standard e non con uno che si mangia le parole. Non dimenticate che è un esame che à effetti sul diritto di presentare domanda di cittadinanza, non puoi permetterti contestazioni.

Le regole arrivano a descrivere nei più minuziosi dettagli, anche tutta la procedura del test. Come si viene identificati dalla polizia per stranieri, la procedura di registrazione, il fatto che ogni volta che esci dall’aula e rientri per la prova successiva devi essere identificato di nuovo… persino il fatto che non puoi usare una penna tua ma devi usare il la matita e il temperino che ti dànno loro.
Organizzare un sistema del genere richiede tempo. A questo punto l’italia o farà le cose alla carlona – il che poi implicherà una montagna di ricorsi di persone bocciate all’esame – oppure ci vorrà qualche mese per qualche decretino che rende il tutto operativo.

Ma sapete cosa, non è di questi tecnicismi che volevo parlare. La ragione per cui commento questa norma è che mi crea un danno. Non sto qui a spiegare il motivo perché sono, francamente parlando, cazzi miei, ma mi sarebbe tornata molto utile quella norma che consente di acquisire la cittadinanza italiana anche senza conoscere l’italiano. Non per me ovviamente, ma per qualcuno a me vicino. Invece così svanisce nel nulla la possibilità di avere la cittadinanza italiana, quindi europea, quindi la possibilità di vivere in un paese UE senza rotture di maroni di visti e questure.

Eppure io sono qua a dire che è giusto così. Ottenere la cittadinanza italiana senza saper parlare italiano era semplicemente demenziale e ànno fatto bene a cambiare la legge. Lo dico io che ricevo un danno personale da questa modifica alla legge: è giusto che sia stata cambiata.

Io penso che si debba ripartire da qui: giudicare una legge non per quello che ci torna comodo ma restando obiettivi, dire che una legge è giusta se è giusta anche se ci crea un danno. Così facendo elimineremmo dal dibattito pubblico il 99,7% delle discussioni nelle quali prima le persone decidono cosa gli conviene e poi dicono che quella è la strada giusta. Prima decidono che una legge è giusta perché porta loro un vantaggio e poi trovano le motivazioni per sostenerla, quando in realtà dovrebbe essere il contrario: prima analizzi le motivazioni e poi decidi se è giusta o sbagliata, indifferentemente dal fatto che ti convenga o meno.
Alla fine ci troviamo a discutere attorno a finte motivazioni che servono solo per mascherare un concetto semplicissimo: io voglio questa legge perché mi conviene. Dite così e ci risparmiamo fiumi di discussioni inutili.

 

24 Comments

  1. ava said:

    bah francamente non si capisce per quale ragione non sia stata fatta prima, per difendere gli interessi di chi , dei delinquenti mezza tacca ?
    il PD ha scelto di suicidarsi non recependo la richiesta di maggior rigore contro il crimine ( e specialmente la microcriminalità) menando il torrone sul pericolo del ” fascismo”.

    Io i fascisti li ho dietro casa ( Casapound ha affittato una sede a 50 metri da dove abito). Praticamente sono quattro gatti che si trovano in un edificio mezzo diroccato a stendere bandiere del ventennio e bere birra . Una tristezza unica. In genere ci sono più carabinieri fuori dalla sede che militanti dentro. Ragazzi se questo è il nuovo fascismo l’ unica pericolosità che ne deriva è di quando costoro riprendono la macchina dopo l’ ennesima pinta. In compenso al paesello ci sono sempre più casi di accoltellamento, pestaggi, ricatti e spaccio anche fuori dalle scuole medie: il morto non ci è ancora scappato ( per miracolo) ma qualcosa bisogna fare. Delinquenti tutti immigrati di 2° generazione, e causa di grossi problemi di ordine pubblico, nel loro piccolo mondo di delinquenza. è ora di dare un bel giro di vite, negando cittadinanze a questi personaggi e spedendoli al paese d’origine al calci in culo fin che è possibile , altro che ius soli. In pratica la sinistra riformista e la società democristiana hanno deciso di autodistruggersi facendo leva sul senso di colpa ; un fenomeno non nuovo in realtà , già visto in termini simili nella russia pre bolscevica.

    29 novembre 2018
    Reply
  2. robinet said:

    dobbiamo scoprire da dove arriva la tua morosa….. suocera a 10.000 km….. 🙂

    29 novembre 2018
    Reply
    • mattia said:

      suocera a 10.000 km…..

      che poi manco ò specificato se la distanza è calcolata passando attraverso la Terra o in superficie.
      In entrambi i casi calcola il luogo geometrico dei punti distanti 10 mila km da Praga 😀
      Dopodiché, ovunque sia si tratta di uno stato extra UE, per quello che riguarda il post.

      29 novembre 2018
    • robinet said:

      in effetti la distanza massima che ho trovato tra praga e un territorio ue è di 8908 km…
      quindi per forza è extra-ue

      29 novembre 2018
    • mattia said:

      in effetti la distanza massima che ho trovato tra praga e un territorio ue è di 8908 km…
      quindi per forza è extra-ue

      Così tanto?
      Sei andato a prendere la Guayana francese?

      29 novembre 2018
    • Mauro said:

      La Guyana Francese è a tutti gli effetti UE.

      29 novembre 2018
    • claudio said:

      visto che ha vissuto un gran tempo in giappone ci sono grandi possibilita’ che l’extracomunitaria sia giapponese. Cmq non e’ che che se fosse americana o brasiliana cambierebbe qualcosa.
      un mio caro amico aveva la morosa greca (entrata nella UE nel 2000), ovvero extracomunitaria, e le problematiche di visto erano inenarrabili. Gia’ all’epoca si arrabbiava per gli extra africani che semplicemente non si ponevano il problema.
      Alla fine non e che non ci sono le leggi in italia. Il problema e’ che si applicano con il gusto del momento a seconda se sei amico della politica di quel momento.

      30 novembre 2018
    • Mauro said:

      La Grecia è entrata nella UE (allora CEE) nel 1981, non nel 2000.

      30 novembre 2018
  3. Mc said:

    Con il permesso del padrone di casa, possiamo aprire la caccia alla nazionalità della morosa del Butta?

    29 novembre 2018
    Reply
    • mattia said:

      Con il permesso del padrone di casa, possiamo aprire la caccia alla nazionalità della morosa del Butta?

      No.
      (quella parte in cui dicevo che erano cazzi miei avrei dovuto metterla in grassetto)

      29 novembre 2018
  4. robinet said:

    no, isola di réunion

    29 novembre 2018
    Reply
  5. mc said:

    secondo me è un’ottima norma: per essere italiani (oltre che nascere in Italia), è necessario saper parlare e capire l’italiano. ora applichiamola a tutti (anche ai sedicenti Italiani che solo perché nati in Italia vogliono essere italiani!).

    29 novembre 2018
    Reply
    • mattia said:

      secondo me è un’ottima norma: per essere italiani (oltre che nascere in Italia), è necessario saper parlare e capire l’italiano. ora applichiamola a tutti (anche ai sedicenti Italiani che solo perché nati in Italia vogliono essere italiani!).

      il livello richiesto è un B1, difficilmente un madrelingua non raggiunge un livello B1. Forse faresti fuori un po’ di gente nelle periferie napoletane, ecco.
      Dopodiché sì, io farei sicuramente un test non solo di italiano ma anche di cultura generale anche ai nati in italia. Test che nemmeno in questa nuova modifica è previsto. Io per ricevere la cittadinanza ceca e ricevere quindi il diritto di voto qui ò dovuto passare questo esame, perché un nativo no?

      29 novembre 2018
    • ava said:

      è ovvio, se facessero il test i pentastellati perderebbero almeno 2/3 dell’ elettorato tra terrapiattisti, alienofili, chimicofobi delle scie , complottari e soggettoni vari 😉

      29 novembre 2018
  6. Peto said:

    Credo sarà la CILS Uno (non CISL, eheheh battutona).
    Comunque, sacrosanto. E l’estenderei non solo ai residenti di seconda generazione, ma anche agli oriundi di seconda generazione: fottesega se il nonno era italiano (ché magari l’Italiano non lo parlava nemmeno lui).

    29 novembre 2018
    Reply
  7. mc said:

    mi trovi perfettamente concorde rispetto anche al tuo commento (sebbene non sempre sia in linea con tutte le tue riflessioni – echisseneinporta-). buon tutto, mauro.

    29 novembre 2018
    Reply
    • mc said:

      ehm.. echisseneimporta*

      29 novembre 2018
    • Andrea Occhi said:

      Beh, ma la differenza di vedute e il confronto tra opinioni diverse è la base della crescita. Se no finiamo in una echo chamber in cui tutti ci diciamo le stesse cose e nessuno cresce…

      30 novembre 2018
  8. Ugo said:

    Senza aspettarmi conferme o smentite, io dico Singapore. Così ci spieghiamo anche la frequenza dei viaggi.

    Comunque è lo stesso per me, solo che non è una morosa, ma la legittima consorte da cinque anni e mezzo con tre figli di cui due di tre anni.
    Avremmo potuto fare richiesta alla nascita dei primi due, visto che non viviamo in Italia. Invece abbiamo rinviato. Abbiamo solo ora cominciato a raccogliere i documenti ed ora la conoscenza della lingua diventa un ostacolo.
    Colpa nostra. Ma la cosa probabilmente più fastidiosa è che ora chissà quanto ci vorrà prima che sia chiaro cosa serve per presentare la domanda. A questo punto facciamo prima a prendere la cittadinanza tedesca, ognuno per conto suo.

    29 novembre 2018
    Reply
    • mattia said:

      ragazzo mio, avesse la cittadinanza di Singapore i problemi sarebbero solo sulla carta, ché il passaporto di Singapore è praticamente il più potente del mondo

      29 novembre 2018
    • Ugo said:

      Vabbè, Malesia, toh.

      30 novembre 2018
  9. Hedges said:

    “Prima decidono che una legge è giusta perché porta loro un vantaggio e poi trovano le motivazioni per sostenerla”
    Le megadiscussioni che escono sulle nuove leggi elettorali sono la prova lampante di questo pensiero.
    Come votano contro provvedimenti buoni, giusti e super-partes solo perché proposti da un partito avverso, o insultano i “franchi tiratori” quando votano secondo scienza e coscienza.
    E c’è pure chi vorrebbe il vincolo di mandato.
    Non se ne esce.

    P.S.: per la Morosa…dopo tutti gli indizi disseminati nei vecchi commenti dovreste gia capire.

    30 novembre 2018
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota sui biscottini: questo sito usa solo i biscottini di base di Wordpress per il funzionamento del sito. Non usa biscottini per memorizzare vostri dati personali, anche perché non me ne frega niente. Pensate che non vengono nemmeno fatte le statistiche sugli accessi di questo sito. Non ci sono nemmeno i pulsanti per mettere apprezzamenti sul feisbuc, il tuitter o altre reti sociali. Ciao.