Giornali che se chiudono è meglio

Milleduecentocinquanta gigawatt al giorno, watt più, watt meno. E’ il consumo stimato dei 45 milioni di televisori presenti in Italia, impostati in modalità stand-by.

via repubblica.it

E già iniziamo male, ché gigawatt misura la potenza, non l’energia. Quindi dire che i televisori italiani consumano in un giorno X gigawatt è una idiozia.

Avranno voluto dire gigawattora?

Bene, fate i conti della potenza assorbita da un televisore se 45 milioni di essi in un giorno assorbono Milleduecentocinquanta gigawattora. Poi scrivere la risposta nei commenti. Ah, per semplicità considerate pure il televisore permanentemente in stand-by.

Nel frattempo, facciamo due conti della serva: un normale televisore, anche uno di primo prezzo, oggi in stand-by assorbe 0,5 W. Lasciandolo sempre in stand-by in un anno assorbe:

0,5W * 24 h * 365 = 4 380 Wh

Ossia un po’ più di 4 kWh. Considerando che qualche ora terrete acceso le ore di stand-by sono meno, quindi facciamo 4 kWh. Se condiseriamo 0,20 euro al kWh in totale lo stan-by del televisore costa 0,80 euro all’anno.

Quindi quando repubblica scrive:

La scelta della modalità stand-by per gli elettrodomestici è uno degli errori quotidiani che fanno diventare salata la bolletta.

dice una solenne puttanata.

Sì, questi giornali è bene che chiudano.

19 Comments

  1. ava said:

    Anche se il tema dell’ articolo è il risparmio, mi permetto di aggiungere che questi giornali fanno la morale ambientalista da una vita, ma la produzione della loro versione cartacea inquina parecchio , visto il numero di copie invendute o comunque buttate senza essere lette che finiscono al macero ogni giorno .
    A mio modesto avviso, cosiccome adesso si è fato un giro di vite sui motori diesel farei un bel giro di vite sulle riviste in cartaceo .
    Peccato che al momento non ci siano ebook a colori validi sul mercato: il passaggio all’ e-paper obbligatorio per tutti i periodici, con sconti statali per l’ acquisto del dispositivo, sarebbe una bella notizia per l’ ambiente.

    10 ottobre 2018
    Reply
  2. Giampaolo said:

    Non sanno nemmeno farele moltiplicazioni… E poi pretendono di parlare di fake news!

    10 ottobre 2018
    Reply
    • mattia said:

      ma di gente con televisori pre-2012 ce ne è molta.

      Nemmeno un televisore del 1950 consuma 28 kWh… al giorno.

      10 ottobre 2018
    • fgpx78 said:

      Aspé aspé… mi era fuggito quel “al giorno”.
      Uahaha, copiano, e pure male, as usual.

      10 ottobre 2018
    • claudio said:

      Fgpx
      Giusto per capirci.
      Un tv di marca, es philips, nel 2008 consumava 0.05W, ovviamente se non sta aggiornando il DTT
      Un tv di M koreano che piace ai 4kappisti selfanti consumava 3W.
      Una lampada ikea, che non ha il leddino tanto bistrattato dalle riviste come altroconsumo, arriva a sfiorare i 10W in stby. L’alimentatore cinofallico arriva ad essere rovente a luce spenta
      Avevo fatto degli articoli sul blog quando vi era l’ondata grillina sui leddini accesi.
      Volete consumare di meno?
      Comprate prodotti di marca.
      Al mondo, purtroppo, non piace andare avanti, e molti sono piu’ indietro del 2012, anzi del 1980.
      In particolare nei TV vi e’ stato un proprio stop qualitativo.

      11 ottobre 2018
  3. Nicola said:

    Forse intendevano 1250 GWh/d, non mi stupirei.
    0,18TWh/y comunque, 0,056% del fabbisogno italiano?

    10 ottobre 2018
    Reply
    • mattia said:

      Forse intendevano 1250 GWh/d, non mi stupirei.

      Ma anche intendendo 1250 GWh al giorno i conti non tornano, per tre ordini di grandezza.

      10 ottobre 2018
  4. Shevathas said:

    Che poi c’è anche una altra chicca che non hai notato.
    1250 Gigawatt (ora) di consumo, watt(ora) in più o in meno; misure della precisione di una parte su 10^9. caspita se a repubblica misurano con precisione…

    Mi sa che repubblica vuol contendere a Lercio la palma di rivista scientifica migliore del mondo.

    10 ottobre 2018
    Reply
    • mattia said:

      misure della precisione di una parte su 10^9.

      Anche di più 😉

      10 ottobre 2018
    • Mauro said:

      Ehi tu! Non osare criticare Lercio!

      10 ottobre 2018
    • Shevathas said:

      @mattia, ammetto di essere una pippa in fisica, btw per curiosità qual’è l’ordine di grandezza dell’errore di repubblica con un misura di 1,250 * 10^12 +-1? 1 su 10^12 ?

      10 ottobre 2018
  5. Beppe Grullo said:

    Secondo me il dato era 1250 MWh al giorno, che fa 1,16 W di potenza in media per televisore, il che è plausibile.

    Comunque questa gente deve essere presa a schiaffi dai genitori, ma sul serio. Vorrei vedere le loro reazioni se mi permettessi di dire frasi del tipo “ogni giorno in macchina percorro 100 km/h”.Poi, purtroppo, i genitori non fanno nulla e ci ritroviamo alcuni di questi elementi a capo di ministeri.

    10 ottobre 2018
    Reply
    • mattia said:

      Secondo me il dato era 1250 MWh al giorno, che fa 1,16 W di potenza in media per televisore, il che è plausibile.

      oppure ànno scritto 1.250 intendendo uno virgola duecentocinquanta e quelli ànno capito milleduecentocinquanta

      10 ottobre 2018
  6. Giampaolo said:

    “oppure ànno scritto 1.250 intendendo uno virgola duecentocinquanta e quelli ànno capito milleduecentocinquanta”

    Mi sa che è così. Ti stupirebbe sapere quanta gente in Italia (anche tecnici, con anni di esperienza) non sa che nel sistema anglosassone si usa il punto e non la virgola…

    10 ottobre 2018
    Reply
  7. itwings said:

    L’unità di misura è sbagliata. Quella corretta è “Gigabyte di Watt” (Cit.).

    10 ottobre 2018
    Reply
  8. Massimo G. said:

    tutte vere le considerazioni fin qui fatte. Io il TV lo spengo con l’interruttore la notte, ma solo per abitudine e per una questione di sicurezza antincendio, non certo per risparmiare. Che anzi, prima o poi si scasserà l’interruttore e mi toccherà cambiarlo.

    10 ottobre 2018
    Reply
    • ava said:

      sul rischio incendio hai ragione, i vigili del fuoco mi hanno confermato che gli schermi in standby sono tra le principali cause di incendio nelle abitazioni

      11 ottobre 2018
  9. stugis said:

    Io gli ho segnalato la cosa, ma proprio non sono capaci di beccarla giusta: la pezza è obbrobriosa quasi come l’originale. Alla seconda volta che gli ho detto che ancora non andava bene sembra abbiano capito (ma ancora non hanno corretto).

    12 ottobre 2018
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota sui biscottini: questo sito usa solo i biscottini di base di Wordpress per il funzionamento del sito. Non usa biscottini per memorizzare vostri dati personali, anche perché non me ne frega niente. Pensate che non vengono nemmeno fatte le statistiche sugli accessi di questo sito. Non ci sono nemmeno i pulsanti per mettere apprezzamenti sul feisbuc, il tuitter o altre reti sociali. Ciao.