Pian piano

Nel frattempo continua la mia scalata alla cittadinanza ceca.
In questi giorni sto girando come una trottola per mezza Praga alla ricerca dei documenti necessari per fare la domanda di cittadinanza.

In questo momento mi mancano ancora:
– la fedina penale giapponese, che mi è arrivata da Tochio e che ora sta dal traduttore giurato per essere tradotta in ceco;
– certificato dell’agenzia delle entrate che ò sempre pagato le tasse (richiesto, in preparazione);
– certificato dell’agenzia doganale che non ò evaso tasse d’importazione (richiesto, in preparazione);
– certificato che sono in regola coi contributi sociali (richiesto, in preparazione)

Una volta che mi arrivano questi quattro certificati ò tutto e posso presentare domanda.
Ora non mi resta che aspettare dunque, non posso fare altro.

La sensazione che ò avuto è che cerchino di prenderti per sfinimento. Se uno non è più che motivato rinuncia.

Ah, dimenticavo, tra i vari documenti che ò già messo nel faldone ci sono anche le ultime tre dichiarazioni dei redditi, ché il ministero prima di darmi la cittadinanza vuole verificare se ò mezzi economici sufficienti per mantenermi. Mica me la dànno la cittadinanza se sanno che sarò un peso economico per la società.
Così, giusto per ricordare ai vari SJW nostrani che il requisito del reddito è normalissimo, non c’è nulla di cui scandalizzarsi quando lo chiedono in italia.

9 Comments

  1. Max said:

    Nel Testo Unico sull’Immigrazione si specifica che l’autoritá competente puó chiedere le prove di un reddito per mantenersi per il periodo del soggiorno.
    Quando le sorelle di mia moglie andarono a turistare in Italia nel 2009 ricordo che feci addirittura scrivere a mia madre una lettera di “invito”.

    Comunque 3 dichiarazioni dei redditi mi sembrano eccessive. L’ultima dovrebbe bastare, no?

    12 settembre 2018
    Reply
    • mattia said:

      Comunque 3 dichiarazioni dei redditi mi sembrano eccessive. L’ultima dovrebbe bastare, no?

      A me sembra più che altro eccessivo che me le chiedano.
      Il ministero dell’interno potrebbe chiedere direttamente a quello delle finanze, a cui pago le tasse, quando guadagno, senza chiedere a me di fare da intermediario tra i due ministeri.
      Per il resto, aggiungere le dichiarazioni di tre anni o di un anno non mi cambia niente.

      12 settembre 2018
    • Mauro said:

      Devo informarmi su come è qui in Germania con la dichiarazione die redditti, visto che per chi ha solo redditi da lavoro dipendente, senza niente extra, non è obbligatorio presentarla (certo conviene comunque presentarla, tranne rarissimi casi hai solo da guadagnarci, ma appunto non è obbligatorio).

      12 settembre 2018
    • mattia said:

      Devo informarmi su come è qui in Germania con la dichiarazione die redditti, visto che per chi ha solo redditi da lavoro dipendente, senza niente extra, non è obbligatorio presentarla (certo conviene comunque presentarla, tranne rarissimi casi hai solo da guadagnarci, ma appunto non è obbligatorio).

      Intendi per la cittadinanza, o in generale?
      Perché in generale io la faccio solo perché oltre al reddito da lavoro dipendente ò il reddito di un appartamento che affitto e qualche soldo dai diritti d’autore sui libri.
      Altrimenti avrebbe fatto tutto l’università alle mie spalle.

      12 settembre 2018
    • Mauro said:

      Per la cittadinanza.
      Per le altre cose per mia fortuna lo so come funziona 😉

      12 settembre 2018
    • mattia said:

      Vuoi fare domanda di cittadinanza tedesca?

      12 settembre 2018
    • Mauro said:

      No. Però il tuo racconto mi ha incuriosito su quali siano le condizioni precise (al di là degli anni di residenza, dei quali ne ho in abbondanza) per richiederla.

      12 settembre 2018
  2. Zeno said:

    Immagino che sai che le fedine penali hanno una scadenza. Mentre traducono l’ultima, la prima scade… Perfettamente in linea con il prendere per sfinimento.

    12 settembre 2018
    Reply
    • mattia said:

      Immagino che sai che le fedine penali hanno una scadenza. Mentre traducono l’ultima, la prima scade… Perfettamente in linea con il prendere per sfinimento.

      Vabbe’, quella ceca si fa di nuovo in un pomeriggio. Nello stesso edificio del Comune dove si deposita la domanda di cittadinanza.
      Quindi alla peggio scendo al pianto terra e me ne faccio fare un’altra.
      Devo solo pagare 4 euro di bollo aggiuntivo.

      No, c’è in realtà una tecnica per evitare che scadano i certificati: puoi consegnare la domanda per la cittadinanza incompleta. Poi il comune ti chiede i documenti che mancano prima di mandare la domanda al ministero, così ài altri 3 mesi per presentare i documenti e quelli già presentati non scadono più.

      12 settembre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota sui biscottini: questo sito usa solo i biscottini di base di Wordpress per il funzionamento del sito. Non usa biscottini per memorizzare vostri dati personali, anche perché non me ne frega niente. Pensate che non vengono nemmeno fatte le statistiche sugli accessi di questo sito. Non ci sono nemmeno i pulsanti per mettere apprezzamenti sul feisbuc, il tuitter o altre reti sociali. Ciao.