A te che male fanno?

Vi confesso che quando ho letto questa notizia ho pensato a una bufala. Perché è talmente inverosimile che uno fa davvero fatica a crederci. In California hanno depenalizzato la trasmissione consapevole di HIV ad altre persone.
Se prima dunque infettavi un’altra persona sapendo di essere tu stesso infetto ricevevi fino a 8 anni di galera, adesso solo 6 mesi.
Alla stessa maniera viene depenalizzata la donazione consapevole di sangue con HIV. Che poi il sangue viene sempre testato, per carità, però intanto puoi andare a donarlo anche se sai che hai l’HIV. Che sembra una cosa senza senso: se sai che hai l’HIV cosa lo doni a fare sapendo che poi lo testano e lo buttano via?
Un senso ce l’ha, datemi un momento e ci arriviamo.

Dicevo, mi sembrava una bufala. Ma la testata che ha pubblicato la notizia è la CNN e la data non è il primo aprile. La legge esiste davvero, ed è disponibile su siti governativi. Le novità introdotte dalla legge sono riassunte in un pdf del dipartimento di salute pubblica. Per quanto io non riesca ancora a crederci devo arrendermi alla realtà: hanno depenalizzato la trasmissione consapevole dell’HIV.

Sono pazzi scatenati, direte voi. Ovvio, ogni persona sana di mente penserebbe che sono pazzi.
Perché allora sono riusciti ad approvare una legge del genere senza che nessuno li abbia fermati. Possibile che si siano ammattiti tutti?

La spiegazione la trovate nella notizia stessa della CNN (evidenziazioni mie):

“This is an important bill that modernizes California’s HIV laws,” Zbur told CNN. “It will really advance public health and reduce stigma and discrimination that people living with HIV have suffered.”
The Los Angeles LGBT Center also supported the bill. The organization’s director of government relations, Aaron Fox, told CNN the new law will see HIV-positive people “treated fairly under California law.”

In pratica hanno depenalizzato la trasmissione consapevole di HIV perché creava uno stigma sociale contro i malati di HIV. Sul serio, lo stigma sociale.

Cerchiamo di capire da dove arriva questa follia.

Questa legge rientra a pieno diritto nella categoria del vogliamo sentirci normali. Ci sono infatti persone che normali non sono che obbligano lo Stato ad approvare leggi che li aiutano a sentirsi normali.
Che di solito se hai problemi del genere vai dallo psicologo e ti fai aiutare ad accettare la tua diversità. Questi invece vogliono che lo Stato menta e approvi leggi che li rendano uguali agli altri. Anche quando non lo sono, anche quando queste leggi provocano un danno enorme agli altri, come in questo caso.

Vista da questo punto di vista ha un senso la depenalizzazione della donazione di sangue infetto. Il donatore sa che il sangue sarà buttato via appena testato, ma intanto può andare al centro donazione sangue, mettersi in coda, fare la sua donazione e magari farsi un autoscatto da pubblicare su instagram dicendo “ho donato il sangue stamattina, fatelo anche voi! Salvate una vita“. La donazione è totalmente inutile (e potenzialmente dannosa), fa sprecare tempo e risorse all’ospedale, ma è utile per il diverso che può fare la sceneggiata e sentirsi normale.

In un paese civile lo stigma non si rimuove depenalizzando un comportamento gravissimo come l’infezione consapevole, bensì facendo informazione sul virus. Si fa informazione sui reali meccanismi di trasmissione del virus in modo che lo stigma sociale scompaia perché la gente è informata. Dopodiché punisci, duramente, chi consapevolmente diffonde il virus. In una repubblica come la California invece ti dicono che punire chi diffonde il virus crea una discriminazione verso chi ha l’HIV e quindi dobbiamo depenalizzare il reato.
Come se questo facesse scomparire il virus.
No, ragazzi miei, un virus non scompare perché tu approvi una legge. Chi ha l’HIV non diventa magicamente uguale agli altri. Tu puoi chiedere allo Stato di mentire, ma la realtà non cambia perché la legge mente. Anche se ci metti la firma del governatore, del potus o della corte suprema. Chi ha l’HIV è diverso e deve comportarsi in modo diverso per salvaguardare gli altri. Farlo comportare come gli altri per ridurre lo stigma è mentire.

Bisogna avere il coraggio di smetterla con questa mentalità per cui si mente per far sentire più normale chi è diverso, ché di solito lo si fa nei manicomi coi casi irrecuperabili, non con le leggi.
Perché poi mi dicono “ok, ma a te che male fanno?” Eccovi qui il danno che fanno queste leggi, servito su di un piatto d’argento. Non vi basta?

6 Comments

  1. Beppe Grullo said:

    Raccontata dalla CNN sembra che il livello di idiozia sia pari a quello dell’Indiana Pi Bill, se non peggio.

    Ma leggendo altri link la questione mi sembra più complessa. Alcuni sostengono che prima di questo Bill l’HIV era trattato diversamente da altre malattie, e in effetti cosa cambia se ti passano l’HIV o il virus dell’epatite C? La vita è rovinata lo stesso.

    Comunque potevano semplicemente mettere su una campagna di informazione per dire che se hai la viremia azzerata non sei più infettivo, così tutti vanno a fare i test, come vogliono loro, e lo stigma scompare. Ma si sa, sono americani

    30 luglio 2018
    Reply
    • mattia said:

      Alcuni sostengono che prima di questo Bill l’HIV era trattato diversamente da altre malattie, e in effetti cosa cambia se ti passano l’HIV o il virus dell’epatite C? La vita è rovinata lo stesso.

      quindi la soluzione è quella di depenalizzare chi rovina la vita agli altri con l’HIV, non aumentare la pena per chi lo fa con l’epatite C?
      Siamo alla follia pura.

      30 luglio 2018
  2. Tiziano said:

    Senza dimenticare che così facendo si espone il personale sanitario ad un rischio maggiore di contagio, consapevolmente.

    30 luglio 2018
    Reply
  3. Blueberry said:

    E’ follia allo stato puro.
    Probabilmente rinsaviranno quando apriranno gli occhi all’incremento esplosivo di gente infetta e morti di Aids. Ma per tanti sarà troppo tardi.

    30 luglio 2018
    Reply
  4. mamoru said:

    e’ un discorso che potrebbe essere esteso a qualunque cosa: la stigma della pedofilia, quella delle coltellate alla schiena, quella dello spaccio di eroina… perche’ poi sempre di arrecare danno ad altri su tratta.

    chi consapecolmente infetta o cerca di infettare altre persone e’ pari a chi tenta di investirti con la macchina: uno stronzo criminale.

    la smania di risolvere i problemi cambiando le etichette anziche’ attaccandone le cause e’ odiosa.

    30 luglio 2018
    Reply
  5. Lela said:

    “facendo informazione sul virus. Si fa informazione sui reali meccanismi di trasmissione del virus”
    Eh, poi però se lo fai sul serio, ti tocca dire che alcuni tipi di rapporti sono più rischiosi di altri. E ti tocca una querela per diffamazione a Torino. Ogni riferimento a fatti accaduti è puramente voluto.

    31 luglio 2018
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *