Angelaaaaaa

Sikinos, negozietto di alimentari su di una strada che nemmeno ha un nome.
Entrano tre burini italiani.

– Angelaaaaaa
– EEH???
– Come si dice costume da bagno in inglese?
– Boh!

A quel punto interviene l’uomo del gruppo che fa il segno del costume alla cassiera portando le mani ai genitali. Fortuna vuole che non abbia equivocato, che era un attimo.

Avevano tutti e tre la mia età o giù di lì, forse anche più giovani: di tre manco uno sapeva come si diceva costume da bagno in inglese. E mica dovevano tenere un discorso o fare una lezione. Non dovevano nemmeno sapere come si dice tettonica a placche. Costume da bagno, dovevano sapere quello.

Adesso non c’è più la scusa che “non tutti hanno avuto l’opportunità di studiare”, ché questi non erano 65enni che sono andati a lavorare a 14 anni, erano miei coetanei. Non sono nemmeno poveri se vanno in giro a fare le vacanze sulle isole greche. Questa è ignoranza pura.

5 Comments

  1. Raoul Codazzi said:

    Il tuo Angelaaaaaa mi ha ricordato un Guidooooo che purtroppo non posso documentare perché il filmato è stato eliminato da YouTube (forse per espressa richiesta dell’interessato, me se ne trovate una copia – vi prego – linkatemela). Il burino in questione in questo caso è ben più famoso e a essere precisi non è nemmeno tecnicamente un burino perché originario della Sicilia, sebbene nato in Toscana e cresciuto a La Spezia. Trattasi di Toto Cotugno che, durante il concerto tenuto il 20 Dicembre 2011 alla Žalgiris Arena di Kaunas (il tempio del basket lituano), dimentica le parole del suo brano più celebre (L’Italiano). Si vede Cotugno attaccare il pezzo, poi – accortosi di non avere il testo sul leggio (sì, aveva un leggio!) – prima ripete la strofa iniziale, poi si indirizza verso un tizio fuori palco e, a microfono acceso, dice: Guidoooooo, ca**o, le parole! Nel 2011 erano 28 anni che Cotugno cantava quel brano, e ancora non lo aveva imparato a memoria?

    7 luglio 2018
    Reply
    • Mauro said:

      Cotugno alla Žalgiris Arena??? Scempio! Blasfemia! Nel tempio di Sabonis e Marciulonis!!! 😱😱😱

      7 luglio 2018
  2. Raoul Codazzi said:

    Sì esatto, e ha anche cantato una (mezza) canzone in Lituano.
    Qui è abbastanza di casa e viene spesso in concerto. Ricordo nell’Aprile del 2011, quando mi sono sposato, che ho accompagnato i miei genitori in un albergo del centro di Vilnius e nella hall campeggiavano le sue foto. Vedi tu!

    Faccio il precisino con la grafia del secondo cestista: Raimondas Šarūnas Marčiulionis (comunque le prime due “i” praticamente non si leggo, servono solo come “ammorbidenti” della consonante che seguono; non sto nemmeno a spiegarti, una roba molto complicata).

    7 luglio 2018
    Reply
    • LightKnight said:

      E allora lo faccio anch’io il precisino: Cutugno, non Cotugno 😉

      7 luglio 2018
  3. Raoul Codazzi said:

    @ LightNight

    Vero, questa la sbaglio praticamente sempre e – come noterai se fai una ricerca in Google – sono persino in buona compagnia 😉

    8 luglio 2018
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *