Il giorno in cui riceverò la cittadinanza…

Lunedì alla terza lezione del corso di ceco abbiamo fatto una simulazione della prova di ascolto simile a quella dell’esame per la cittadinanza. Avevo paura per la qualità del suono nell’aula, visto che le altre prove le avevo fatte con le cuffiette per i cazzi miei, e invece si sentiva benissimo: 25 risposte corrette su 25.
Il mercoledì precedente la maestra ci ha riconsegnato i temini e mi ha fatto leggere il mio davanti a tutti come modello di come va fatto (vocali lunghe che mi sono perso per strada a parte).

A questo punto posso dire che – toccando tutto il ferro di una fonderia – penso di essere al livello adeguato per passare l’esame. Per essere bocciato dovrei avere una botta di sfiga (tipo che in un testo ci sono molte parole chiave che non conosco) oppure farmi fregare dal nervosismo. In effetti, da quanto tempo non faccio un esame? Anni… non sono più abituato a stare dall’altra parte. Spero di rimanere rilassato.

Dopodiché i tempi sono tre settimane per avere i risultati, durante l’estate preparo i documenti e a metà settembre presento domanda di cittadinanza.
Non so quanto tempo ci metteranno a darmela (se me la vogliono dare, ché mica è un diritto, possono anche dirmi di no perché gli sto sul culo). Ma se tutto va per il verso giusto fra non molto potrei dire di essere ceco.

Già mi è capitato di raccontare questa cosa e insospettabili mi hanno detto: eh, ma tu non sarai mai ceco. Avrai il passaporto ceco… ma suvvia, Mattia Butta… non è mica un nome ceco!

Ora, tralasciamo pure il fatto che il patriarca della chiesa hussita cecoslovacca si chiama Butta, quindi un po’ di sticazzi sul nome. La cosa che mi sorprende è che l’obiezione viene da gente che in italia invece fa tutti quei discorsi sull’accoglienza, l’italia sono anch’io, siamo tutti italiani…
Ok, io non sarò mai ceco perché non sono nativo di qui? Bene, è come dire che un negro non può essere italiano, che non esistono negri italiani.

E lì si bloccano. Perché si rendono conto che non possono sostenere entrambe le posizioni contemporaneamente. Perché un negro può naturalizzarsi italiano e tu mi dici che è italiano al 100% mentre io non posso dire, una volta naturalizzato, di essere ceco al 100%?

Ecco, io non vedo l’ora di avere il passaporto ceco in tasca per prendere questi qua e chiedere loro di riconoscere che sono ceco al pari Pavel Nedvěd o Jaromír Jágr. Uguale uguale, senza mezza virgola di cechità in meno. Chi si azzarda a dire che non sono un vero ceco viene asfaltato.

23 Comments

  1. Tigre da laptop said:

    Una obiezione più efficace sarebbe contrapporre nigeriano (per esempio) ad italiano visto che negro di per se non è una nazionalità. [compito per casa: Convincere un “accoglione” a tutti i costi più sprovveduto della media che “nigger” indica un abitante del Niger].

    9 maggio 2018
    Reply
    • mattia said:

      Convincere un “accoglione”

      Mi piace il termine “accoglione”. Se me lo consenti lo riciclo.

      9 maggio 2018
  2. Sciking said:

    Per l’ascolto come avevo detto su Twitter sto studiando ceco e devo dire che, nonostante stia studiando solo da un paio di mesi, gli ascolti vanno benino anche solo con la fonetica senza conoscere alcune parole e i casi, gli errori sono tipicamente nelle “ch”, nelle particelle consonantiche come “v” e “z” o in quelle pronunce un po’ atipiche come “osm” che a volte si pronuncia, e non ci credevo, “osUm”.
    Valutando che tu il ceco lo vivi e che hai anche fatto il grammarnazi da drogato!11! è probabilmente ansia da non esame 🙂

    9 maggio 2018
    Reply
  3. Mauro said:

    Pura curiosità: ma avrai doppia cittadinanza o rinunci a quella italiana?

    9 maggio 2018
    Reply
    • mattia said:

      Pura curiosità: ma avrai doppia cittadinanza o rinunci a quella italiana?

      Avrò la doppia cittadinanza (cosa consentita solo da qualche anno in Rep. Ceca, prima se ti naturalizzavi ceco dovevi rinunciare alla tua cittadinanza originaria).
      I motivi sono due:
      1) faccio sempre in tempo a rinunciarvi dopo;
      2) voglio farmi seppellire al cimitero del mio paesello.
      Se non fosse per questo secondo motivo avrei cagato sul passaporto italiano in diretta feisbuc.

      9 maggio 2018
  4. White_Rabbit said:

    Esistono leggi italiane e ceche per la sepoltura? Non sono libero, io cittadino italiano parente del defunto, di seppellirlo dove mi pare? Effettivamente non ci avevo mai pensato: un cadavere immagino non sia proprietà privata di qualcuno…

    9 maggio 2018
    Reply
    • mattia said:

      Non sono libero, io cittadino italiano parente del defunto, di seppellirlo dove mi pare? E

      Alcuni comuni per ragioni si spazio accettano solo morti che erano residenti nel comune (o che vi erano nati).
      Io per sicurezza ho chiesto in Comune e mi hanno confermato che come iscritto aire posso essere sepolto al mio paesello.

      9 maggio 2018
    • mattia said:

      Per la legge ceca invece puoi comprarti uno spazio al cimitero dove vuoi.
      Su internet nei siti di compravendita immobiliare ci sono anche le inserzioni per la vendita di posti al cimitero.

      9 maggio 2018
  5. brain_use said:

    Se non fosse per questo secondo motivo [cut]

    Comprensibile. Perfettamente.
    Tra l’altro, probabilmente, usando il passaporto e non la bandiera per tale espletamento delle pratiche di… naturalizzazione, probabilmente non incorreresti nemmeno nel reato di vilipendio.

    9 maggio 2018
    Reply
    • mattia said:

      Tra l’altro, probabilmente, usando il passaporto e non la bandiera per tale espletamento delle pratiche di… naturalizzazione, probabilmente non incorreresti nemmeno nel reato di vilipendio.

      Il passaporto contiene l’emblema della repubblica quindi comunque sarebbe vilipedio dell’emblema (art. 299 cp)
      Ma lo farei sul territorio ceco, quindi devo controllare il codice penale ceco.

      9 maggio 2018
  6. Tigre da laptop said:

    Ero quasi certo di averlo fregato a qualcun altro l’ “accoglione”, anche se non avrei mai saputo dire da chi, ma c’era la possibilità che mi fossi più o meno inconsciamente ispirato all’ “orgoglione” di gialappiana memoria.
    Comunque, non essendo un mio copyright, te ne concedo graziosamente l’utilizzo.

    9 maggio 2018
    Reply
  7. Sciking said:

    Beh, tecnicamente cagare sul passaporto non penso sia una rinuncia alla cittadinanza, però poi devi pagare per averne uno nuovo…

    9 maggio 2018
    Reply
    • mattia said:

      Beh, tecnicamente cagare sul passaporto non penso sia una rinuncia alla cittadinanza,

      No, per rinunciare alla cittadinanza devi presentare una serie di scartoffie e pagare 200 euro.
      Figurati se io pago 200 euro per mandare a fare in culo l’italia.

      9 maggio 2018
  8. MC said:

    Hai il passaporto italiano… ma suvvia, MC… non è mica un nome italiano/ma non potrai mai essere italiana/eh beh, ma mica sei nata qua/ma mica sarai mai come noi e declinazioni varie.

    Quando insospettabili personcine parto con questa roba, mi salgono su tutti i santi in ordine alfabetico. Abito qui da quasi vent’anni: ho studiato qui, lavoro qui, leggo, penso, parlo e sogno in italiano. E mangio pure le lasagne, mannaggia alle messaline.

    P.S. In bocca al lupo per l’esame e la cittadinanza!

    9 maggio 2018
    Reply
  9. Raoul Codazzi said:

    Mattia, se rinunci alla cittadinanza italiana i 200 euro ce li metto io (tu mi offri una birra ceca però). Ci stai?
    NB: non è mia abitudine scherzare sul mandare a fare in culo la cosidetta Italia.

    10 maggio 2018
    Reply
  10. Martyn said:

    È una curiosità che ho da tempo: Perché diventare Ceco adesso?

    Per gli altri (perdona se esco dall’argomento principale): il passaporto italiano permette di entrare in moltissimi paesi senza chiedere il visto di ingresso (fonte passport index https://www.passportindex.org/byRank.php).

    Proprio l’anno scorso, per una problematica legata alla compagnia aerea con cui viaggiavamo, abbiamo dovuto passare una notte in Turchia. Non ho avuto alcun problemi per uscire dall’aeroporto. La mia compagna con passaporto spagnolo ha dovuto chiedere il visto e sborsare denaro per la marca da bollo.

    10 maggio 2018
    Reply
    • mattia said:

      È una curiosità che ho da tempo: Perché diventare Ceco adesso?

      Perché ho maturato adesso i 10 anni necessari per ottenere la cittadinanza.

      Per gli altri (perdona se esco dall’argomento principale): il passaporto italiano permette di entrare in moltissimi paesi senza chiedere il visto di ingresso

      Il passaporto ceco richiede il visto solo per 4 paesi in più. Fin quando dovevi fare il visto per gli USA con il passaporto ceco allora ok, ma ora che si può andare con ESTA negli USA anche con passaporto ceco chissenefrega.

      10 maggio 2018
    • mattia said:

      Le differenze sono per Australia, Guyana, Namibia e Vietnam.
      Si sopravvive anche con il passaporto ceco.

      10 maggio 2018
  11. Shuren said:

    “Anni… non sono più abituato a stare dall’altra parte. Spero di rimanere rilassato.”

    Ok, ma in questi anni hai comunque studiato o ricercato, giusto? Quindi avrai perfezionato il metodo di studio e ridotto moltissimo la probabilità di insuccesso.

    Se ripenso ai tempi dell’università, studiavo con una tale inefficienza che mi vengono i brividi ora che faccio altro.

    10 maggio 2018
    Reply
    • mattia said:

      Ok, ma in questi anni hai comunque studiato o ricercato, giusto? Quindi avrai perfezionato il metodo di studio e ridotto moltissimo la probabilità di insuccesso.

      sì, ma se ti arriva la botta di nervosismo tu puoi aver studiato quanto vuoi ma va tutto a farsi benedire

      11 maggio 2018
  12. Anonimo said:

    Si sopravvive anche con il passaporto ceco.

    Ma quindi vuoi rinunciare alla cittadinanza italiana non ho capito?

    21 maggio 2018
    Reply
    • mattia said:

      Ma quindi vuoi rinunciare alla cittadinanza italiana non ho capito?

      No, quella la tengo perché voglio farmi seppellire al mio paese.

      Intendevo dire che posso anche vivere lasciando il passaporto italiano nel comodino e usando solo quello ceco.

      22 maggio 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota sui biscottini: questo sito usa solo i biscottini di base di Wordpress per il funzionamento del sito. Non usa biscottini per memorizzare vostri dati personali, anche perché non me ne frega niente. Pensate che non vengono nemmeno fatte le statistiche sugli accessi di questo sito. Non ci sono nemmeno i pulsanti per mettere apprezzamenti sul feisbuc, il tuitter o altre reti sociali. Ciao.