Guida a LaTeX

Una delle tante cose che sono nella lista delle cose da fare che ora ho ripreso in mano è imparare a usare LaTeX, anche perché nella lista delle cose da fare ci sono diversi punti che iniziano con – scrivere …

Ho già installato Emacs. Ho bisogno di una buona guida (non necessariamente gratuita, se mi sapete consigliare un buon libro lo compro) per imparare a usare LaTeX.

Piesse: questo è un post di servizio. Se sapete consigliarmi qualcosa bene. Altrimenti non è che venite qua a dirmi che vi fa schifo LaTeX. Non vi ho chiesto cosa ne pensate.

19 Comments

  1. Paolo said:

    Se hai bisogno, posso dare un occhio alle guide che ho io e passarti un template, che mi sembra la cosa più semplice per iniziare e pasticciare un po’. Scrivimi pure una mail.

    A margine, io uso TexMaker che è un editor di testo pensato proprio per scrivere in latex senza dover compilare da linea di comando. C’è sia su Linux che su Mac, puoi provare a installarlo per avere un’idea se ti trovi meglio con un editor di testo semplice o uno già impostato per la scrittura in LaTex.

    29 Gennaio 2018
  2. Ugo said:

    Ti dirò… io ho imparato così: mi hanno dato un template e l’ho riempito. Quando mi serviva qualcosa me la cercavo, fatta abbastanza esperienza sono riuscito a mettere le mani nelle impostazioni del template.
    Io farei così: scrivi il testo, magari con un template “sbagliato”, in questo modo ti focalizzi sui contenuti (e.g. imparare a scrivere formule o simboli particolari). Lo stile verrà.

    29 Gennaio 2018
    • mattia said:

      ok, quindi dite che questo template è davvero fondamentale?

      C’è una raccolta di template? Tipo… che ne so, template per libro di testo.
      Che poi io lo guardo, dico “fico, mi piace”, lo scarico e inizio a lavorare su quello

      29 Gennaio 2018
  3. Paolo said:

    ok, quindi dite che questo template è davvero fondamentale?

    Come suggeriva Ugo, è il metodo più semplice per iniziare senza diventare matto su ogni singolo comando e per iniziare a fare qualche semplice modifica, imparando mano a mano quello che serve. Giusto per darti un riferimento online per dei template, qui ne trovi una quantità industriale che puoi anche scaricare in locale. Questo, per esempio, è il template della classe di Latex più utilizzata per scrivere articoli scientifici per riviste di Fisica, ma ce ne sono tantissimi altri (anche dell’IEEE se vuoi 🙂 ). La cosa comoda di questi template è che hanno già al loro interno alcuni comandi di base, come quello per le figure e le tabelle, senza la necessità di dover andare nei bassi fondi di internet per capire come funzionano.

    Per quanto riguarda le guide, sempre basandomi su quelle online, ti posso consigliare proprio quella di ShareLaTeX: ogni sezione spiega quali sono i comandi da usare con pratici esempi già scritti in formato LaTeX. Mi sembra molto completa e utile sia per chi è alla prime armi, sia per chi è più esperto e ha bisogno di fare cose un filino più complicate.

    Nel caso trovassi altre cose utili te le posso linkare.

    29 Gennaio 2018
  4. Francesco said:

    https://www.latextemplates.com/ mi sembra abbia un buon numero di template.
    Io ho imparato a usare LaTeX (male) come ha detto Ugo, partendo da un sorgente di una tesi di laurea e modificandolo.
    Avevo usato come riferimento “LaTeX per l’impaziente” ma probabilmente per scrivere un libro di testo non è abbastanza approfondito.
    Ho visto qui ( http://www.lorenzopantieri.net/LaTeX.html ) che l’autore ha scritto altri due libri sull’argomento, dacci un occhiata.

    29 Gennaio 2018
  5. Andrea said:

    Io ho iniziato con “Arte Latex” di Lorenzo Pantieri. Un ebook gratuitamento pubblicato su internet. Mi trovai benissimo, c’è tutto ciò che serve.

    29 Gennaio 2018
  6. Marcello said:

    Ciao Mattia,

    In rete trovi tantissimo materiale gratis e fatto bene; io partirei dalla “not so short introduction to LaTeX”:
    https://tobi.oetiker.ch/lshort/lshort.pdf

    Poi per la formattazione delle tabelle faccio spesso riferimento alll’articolo di Mori:
    https://www.tug.org/pracjourn/2007-1/mori/mori.pdf

    Sul tema template, dipende da quello che vuoi fare; puoi iniziare anche senza, volendo, e imparare a poco a poco come modificare la formattazione in modo da raggiungere il tuo obiettivo, oppure lasciar fare al template una serie di cose al posto tuo… La curva di apprendimento è un po’ lenta, ma immagino tu lo sappia già.

    Molte conferenze indicano un template per i paper, see vuoi puoi iniziare a vedere quelli mesi a disposizione da IEEE o ACM:
    https://m.ieee.org/conferences_events/conferences/publishing/templates.html
    https://www.acm.org/publications/proceedings-template

    29 Gennaio 2018
  7. Gianni said:

    “Not so short introduction to Latex”.
    Per il resto, si impara subito. Inizia usando un template semplice per prendere dimestichezza coi caratteri speciali.
    Sembra complicato, ma non lo è.
    Poi mon potrai più farne a meno.

    30 Gennaio 2018
  8. Diego said:

    Ai tempi della tesi (si parla di 20 anni orsono) avevo usato LyX per produrre il risultato finale in LaTeX.
    Mi ero trovato bene ma, ripeto, sono passati parecchi anni (magari adesso c’è qualcosa di meglio) e la complessità del documento era non troppo alta (tesi di laurea con molte formule e poche decine di schemi).

    https://www.lyx.org/Home

    Ciao
    Diego

    30 Gennaio 2018
  9. Mauro said:

    Io il Latex lo usavo molto da studente e da ricercatore. Da quando ho lasciato la ricerca per l’industria (2001) non lo ho più usato.
    Quindi non ti consiglio guide o altro, visto che quelle che conosco sono per versioni ben vecchiotte…

    Quello che mi sento però di dire è che coloro che ti hanno consigliato di partire da un template hanno assolutamente ragione.
    È il modo migliore di cominciare. Senza se e senza ma.

    30 Gennaio 2018
  10. Emanuele said:

    Chi ti dice che LaTeX fa schifo va bannato a vita dall’Internet. Come alcuni dei tuoi commentatori, io ho scritto LaTeX a partire da template, come nel caso della mia tesi di laurea. Più recentemente ho scritto della documentazione per un progettino che ho curato e ho usato un template “articolo IEEEE”. La resa tipografica è notevole, ma già lo sai. Ho trovato un certo beneficio, a suo tempo, usando lyx, che è un editor con un certo livello di astrazione, comunque non eccessivo, a LaTeX e mi hai fatto venir voglia di riprenderlo in mano.

    30 Gennaio 2018
  11. DG said:

    visto che siamo nel 2018, e non nel 1988, mentre impari LaTeX, potresti voler usare questo http://compositorapp.com come coadiuvante ed antidolorifico.

    30 Gennaio 2018
  12. Ugo said:

    Ah sì, la not so short introduction to Latex, grande classico.

    30 Gennaio 2018
  13. Davide said:

    Consiglio anch’io di iniziare con “L’arte di scrivere con LaTeX”, scaricabile dalla pagina http://www.lorenzopantieri.net/LaTeX.html, già citata sopra.

    In caso di dubbi si può chiedere aiuto nel forum del GUIT (gruppo utilizzatori italiani di TeX, https://www.guitex.org/) oppure in https://tex.stackexchange.com/: in entrambi rispondono abitualmente dei grandi esperti di TeX/LaTeX, tra cui, tanto per citarne alcuni, Claudio Beccari (OldClaudio), Enrico Gregorio (egreg), Barbara Beeton, David Carlisle, Ulrike Fischer, Frank Mittelbach, Heiko Oberdiek, Joseph Wright.

    Riguardo ai template, cito da un’intervista a Ulrike Fischer (http://tex-talk.net/2012/12/textalk-an-interview-with-ulrike-fischer/):
    Q: What do you recommend for a newbie eager to learn TeX, LaTeX and friends?
    A: Don’t use a large template. Start with small documents. Run (in a test folder) as many “minimal examples” as you can and play around with them. If you use a new package read the first pages (after the installation instructions) of its documentation and try out some of the commands so that you have at least a vage clue what the package is doing.If you have a problem: Don’t google around for hours but set you a time after which you should try to get sensible external help: This can – depending on the type of problem – be a forum, a friend, a local TeX group or professional help.

    Per quanto riguarda gli editor, imparare a usare Emacs non è proprio una passeggiata: non lo farei se l’unico scopo è usarlo con LaTeX.
    Io uso TeXShop (Mac) e TeXworks (Mac, Linux, Windows), che hanno un approccio più minimalista che preferisco, ma sono molto ben fatti anche TeXmaker (Mac, Linux, Windows) e TeXnicCenter (Windows), che hanno molte più funzioni che aiutano nella scrittura e gestione del documento.

    Infine, il modo migliore per imparare LaTeX è metterci le mani e sperimentare, ma quando ho iniziato a usarlo ho trovato molto utile anche mostrare i miei tentativi a persone più esperte che mi hanno dato consigli, corretto errori e spiegato aspetti poco chiari.

    30 Gennaio 2018
  14. Peto said:

    Ho usato LaTeX solo un paio di volte per dei rapportini all’uni, usando l’approccio template+scopiazza-ciò-che-già-c’è+google. E ok, tu vuoi proprio imparare e non semplicemente produrre un documento nel minor tempo possibile, ma può essere una buona idea per iniziare: ci giochi così per una settimana/un mese, poi inizi a imparare seriamente. Sembrerebbe solo un modo per allungare il processo, ma secondo me aiuta a rompere il ghiaccio.
    Sei sicuro che valga la pena usare Emacs? Magari sei un Emacsaro di tuo, ma se stai iniziando anche con quello, magari è meglio evitare la combinazione mortale.

    30 Gennaio 2018
  15. Zhelgadis said:

    Non ho indicazioni aggiornate su Latex (lo usai per la tesi, a distanza di anni lo ricordo ancora con grande affetto – avevo fatto un primo tentativo con word e ooo, alla quinta pagina stavo per avere un collasso nervoso), ma mi associo a Davide per quel che riguarda la scelta di emacs – se hai una ragione specifica per usarlo bene, diversamente guarderei altrove.

    Personalmente, appoggio la tesi “Emacs is a great operating system, lacking only a decent editor” 😉

    30 Gennaio 2018
  16. johndoe said:

    Potrebbe valer la pena anche dare uno sguardo a https://www.overleaf.com/ che è sostanzialmente un editor + “compilatore” (non so bene come chiamarlo) tutto online.
    Ti permette di concentrarti su LaTeX, senza perdere tempo ad installare/configurare i vari pacchetti aggiuntivi.

    31 Gennaio 2018
  17. Panda said:

    Se usi il Mac, posso consigliare Aquamacs come “versione” di emacs. Più moderno e soprattutto comodo rispetto ad installare l’ultima versione (25.3, credo) con Macports o simili.

    31 Gennaio 2018
  18. Ti han già spiegato quasi tutti gli altri. Solo una nota: voler imparare contemporaneamente Emacs e LaTex mi pare eccessivo, visto la disponibilità odierna di strumenti più specifici come Lyx, TexMaker eccetera.
    Diverso è se intendi iniziare ad usare un editor di testo “vecchia scuola” di quelli difficili da imparare ma che una volta appresi sono molto più produttivi dell’approccio mouse+tastiera.

    2 Febbraio 2018

Comments are closed.