L’idiozia, in due frasi

Come Presidente del @maggiomusicale sostengo la decisione di cambiare il finale di #Carmen, che non muore. Messaggio culturale, sociale ed etico che denuncia la violenza sulle donne, in aumento in Italia.

Faccio persino fatica a commentarla un’idiozia simile. Secondo il sindaco di Firenze nardella dovremmo cambiare le opere musicali eliminando gli omicidi femminili per dare un messaggio sociale ed etico.
E poi? Violetta la facciamo guarire per mandare un messaggio a tutte le prostitute e dire loro che c’è sempre una speranza e che non sono destinate a morire? Il duca di Mantova lo facciamo diventare un sostenitore della boldrinova perché altrimenti manda un messaggio sessista? Gli facciamo cantare “Donna ministraaaaaa, e sindachessaaaaaa, le quote rosaaaaaa, che bella cosaaaaaa“.

E poi, cos’è quella statua in piazza della Signoria con un pisellino mignon? Non si rende conto che offende gli uomini più sfortunati che sono nati con il pisello piccolo.
Forza, nardella, metta un paio di mutande alla riproduzione del David.

Che gente…

Piesse: una riflessione la si potrebbe anche fare. Il problema è che il dibattito sull’omicidio femminile non è mai stato un dibattito. È sempre stato un starnazzare slogan, dati statistici errati e fallacie logiche.
Quando non porti ragionamenti ma slogan starnazzati poi va a finire che uno continua a starnazzare slogan senza pensare a cosa sta dicendo e pesta una torta di prato come questa.

 

5 Comments

  1. Andrea Occhi said:

    è lo stesso movente che ha portato il “Braghettone” a coprire piselli e tette nel giudizio universale di Michelangelo.
    Solo che quello è stato tacciato di bacchettonismo, questo è segno di progresso e civiltà.

    9 gennaio 2018
    Reply
  2. Anonimo said:

    “Donna ministraaaaaa, e sindachessaaaaaa, le quote rosaaaaaa, che bella cosaaaaaa”.

    L’ho cantata mentre la leggevo

    9 gennaio 2018
    Reply
  3. DG said:

    ora aspetto che “aggiustino” anche “Madama Butterfly” e “La Traviata”. e vogliamo parlare di quanto sia pervasivo il patriarcato fallocratico in opere come “Le Nozze di Figaro”?

    10 gennaio 2018
    Reply
  4. Mauro said:

    e vogliamo parlare di quanto sia pervasivo il patriarcato fallocratico in opere come “Le Nozze di Figaro”

    Però “Le Nozze di Figara” sarebbe ancora più problematico ????

    10 gennaio 2018
    Reply
  5. max said:

    E poi siamo sicuri che Marinella sia veramente scivolata nel fiume? Non sarà che il re senza corona e senza scorta (forse un mafioso?) dopo averla violentata l’abbia spinta?

    13 gennaio 2018
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *