La beffa. Portata al secondo livello.

La cosa brutta della beffa del monossido di diidrogeno è che ormai è spoilerata. Basta scrivere monossido di diidrogeno in gugol e ti salta fuori subito che è una beffa.
Così non ci casca più nessuno. O forse no?

Be’, paradossalmente no. Perché vanno sì sul gugol, cercano sì monossido di diidrogeno, trovano sì che è una beffa… ma non capiscono perché.
Tanto che quando fai il finto tonto e chiedi se questo monossido di diidrogeno nella loro frutta alla fine c’è o no… ti dicono di no.

 

 

No, non c’è, capito? Frutta e verdura pure, senza monossido di diidrogen0.

Pensate che finisca tutto qui?
Oh no, perché poi arriva il bello. Domani la seconda parte, ancora più succosa (e inquietante).

5 Comments

  1. Andrea said:

    La nuova frontiera dell’alimentazione salutista: la liofilizzazione.

    6 dicembre 2017
    Reply
  2. brain_use said:

    ‘Stardo… non puoi tenerci sulle spine così! 😀

    6 dicembre 2017
    Reply
    • mattia said:

      ‘Stardo… non puoi tenerci sulle spine così!

      Ok, a mezzodì faccio uscire la seconda parte.

      6 dicembre 2017
  3. Lela said:

    Spero vendicherai tutti quegli innocenti puntini di sospensione buttati così, a caso, in massa.
    #salvaunpuntino
    #usaunavirgola

    6 dicembre 2017
    Reply
  4. Enrico said:

    Trollone 🙂

    6 dicembre 2017
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *