Per quelli di Torino e dintorni

Il 20 settembre sarò a Pinerolo su invito del gruppo consigliare dei 5 stelle per parlare di ius soli.
Se siete nelle vicinanze potete venire a sentire il dibattito.

Ci sarà un confronto: io dalla parte del No e un magistrato a riposo dalla parte di sì.
La struttura della serata sarà, a quanto mi hanno confermato gli organizzatori, la classica dei questi dibattiti. Prima un intervento di 20-25 minuti a testa per entrambi i relatori, poi cinque minuti di replica e infine domande dal pubblico.

Se vi state chiedendo come mai ho accettato un invito dai 5 stelle, per i quali notoriamente nutro la stessa simpatia che provo per il dentista, è perché hanno voluto organizzare questo dibattito prima di discutere in consiglio comunale una mozione sul tema, quindi volevano informarsi.
E tanto mi basta: se qualcuno vuole fare un dibattito perché vuole informarsi significa che c’è il giusto approccio al tema. Sarebbe stato sciocco da parte mia rifiutare l’invito perché il M5S non mi sta simpatico. Tra l’altro la persona con cui ho parlato mi sembra in gamba, se poi lo stesso partito manda in parlamento gente come sibilia non posso farne una colpa a lui.

La mia speranza, ve lo dico chiaramente, è che si faccia un dibattito sui contenuti. Sono personalmente disgustato da quanto il dibattito sullo ius soli si è trasformato in una lotta di simboli, di bandiere. Nessuno, né da una parte né dall’altra parla dei contenuti.
Nel mio piccono la prossima settimana proverò a farlo.

Ovviamente i provocatori sono invitati a prendere atto che – almeno da parte mia – si parlerà solo di contenuti.

17 Comments

  1. Mauro said:

    In bocca al lupo.

    14 Settembre 2017
  2. Beppe Grullo said:

    Contro un magistrato…. ma tutte tu le fortune :-/

    Tra le ragioni del NO: ma che scelgano loro, alla maggiore età, se essere italiani o no. «fondamentale evitare automatismi» (cit. Piercarlo Pazé)

    14 Settembre 2017
    • mattia said:

      Contro un magistrato…. ma tutte tu le fortune :-/

      Non capisco, che problema c’è a confrontarsi con un magistrato?

      14 Settembre 2017
  3. Alessio said:

    Ma non c’è lo streaming? Dai,non me lo voglio perdere!!!
    Se non c’è,fai registrare il dibattito da qualche tuo amico

    14 Settembre 2017
    • mattia said:

      Ma non c’è lo streaming?

      Non penso.
      Io porterò una videocamera da battaglia ma dipende se mi fanno registrare. Alla peggio registro solo la mia parte.

      14 Settembre 2017
  4. Shuren said:

    Bene Mattia.

    E ora a lavoro. Prepara una degna presentazione tutta testo e sfora abbondantemente quei ridicoli 20 minuti.

    14 Settembre 2017
    • mattia said:

      E ora a lavoro. Prepara una degna presentazione tutta testo e sfora abbondantemente quei ridicoli 20 minuti.

      Battute a parte, 20 minuti sono pochi davvero.
      Perché da una parte ho chi può usare slogan a effetto e immagini pucciose per far leva sui sentimenti, mentre io devo smontare le bufale: richiede ragionamenti un filino più complessi, quindi più tempo…

      15 Settembre 2017
  5. Peto said:

    Preparati a genialate tipo “Ridurrà il rischio di attentati”, o “Il padre degli stupratori di Rimini ha elencato la mancanza di cittadinanza tra i fattori di degrado”… 😀 peccato che non possa venire… Spero vivamente nello streaming!

    14 Settembre 2017
    • mattia said:

      “Il padre degli stupratori di Rimini ha elencato la mancanza di cittadinanza tra i fattori di degrado”…

      L’ha detto davvero?!?

      15 Settembre 2017
  6. Mauro said:

    L’ha detto davvero?!?

    Non mi rsulta, ma non mi stupirebbe se qualcuno glielo avesse messo in bocca.

    15 Settembre 2017
  7. brain_use said:

    Registra, se puoi.
    E’ interessante. Certo che 20 minuti…

    15 Settembre 2017
  8. Nippur de Lagash said:

    Perché da una parte ho chi può usare slogan a effetto e immagini pucciose per far leva sui sentimenti, mentre io devo smontare le bufale: richiede ragionamenti un filino più complessi, quindi più tempo…

    Purtroppo vero, come stabilito dal “Bullshit asymmetry principle”, conosciuto anche come “legge di Brandolini” (si, l’autore è italiano) che dice:

    The amount of energy needed to refute bullshit is an order of magnitude bigger than to produce it.

    15 Settembre 2017
  9. Peto said:

    L’ha detto davvero?!?
    No, ricordavo male, ma ha detto a Sky che il fatto che né lui né i figli avessero documenti* in regola li ha resi degli esclusi.

    *lui era stato espulso in quanto clandestino, e una volta rientrato non è stato ri-espulso perché ha qui 4 figli minori nati in Italia: fonte1 fonte2.
    Se i figli avessero avuto cittadinanza italiana, a maggior ragione non l’avrebbero mai espulso, credo

    15 Settembre 2017
  10. Raoul Codazzi said:

    Mi unisco anch’io all’in-bocca-al-lupo di cugino Mauro. Il giorno del tuo post ho scritto una mail all’indirizzo info@pinerolo5stelle.it per sapere se era in programma una streaminghizzazione o youtubizzazione dell’evento, ma per ora nessuno si è degnato di rispondere.

    17 Settembre 2017
    • mattia said:

      per sapere se era in programma una streaminghizzazione o youtubizzazione dell’evento, ma per ora nessuno si è degnato di rispondere.

      Io la mia videocamera la porto. Poi vediamo se mi consentono di registrare (quanto meno la mia parte la registro).

      Comunque, è vero che 20 minuti sono pochi. Però…
      Il mese prossimo si elegge il nuovo rettore della mia università e i candidati hanno solo 20 minuti per illustrare il proprio progetto davanti al senato accademico che li dovrà votare.
      Se in 20 minuti uno può illustrare la sua idea su come cambiare un’università nello stesso tempo si può anche smontare una bufala come quella dello ius soli.

      18 Settembre 2017
  11. Raoul Codazzi said:

    Spero ti facciano registrare e che ti facciano riprendere tutto. Sei sicuramente preparato sull’argomento, ma – al di là di ciò – credo sia importante non reagire alle possibili provocazioni e non innervosirsi di fronte alle interruzioni (brutto vezzo diffuso alle nostre latitudini).

    Ho visto i tuoi video recenti, dove ovviamente parli solo tu perché esponi le tue idee, ma (come sai sto leggendo il tuo blog al contrario – sono ad Aprile 2012) mi pare di ricordare un vecchio video in cui – credo qui a Milano – parlavi in radio di campi magnetici, di induzione, ecc.; lì ti interrompevano in continuazione, ma eri rilassato (più che rilassato avevi una pazienza da santo); ecco quell’atteggiamento è stato perfetto.

    18 Settembre 2017
    • mattia said:

      ) mi pare di ricordare un vecchio video in cui – credo qui a Milano – parlavi in radio di campi magnetici, di induzione, ecc.; lì ti interrompevano in continuazione, ma eri rilassato (più che rilassato avevi una pazienza da santo); ecco quell’atteggiamento è stato perfetto.

      Sì, ok… tieni presente però che in una trasmissione radiofonica devi tenere un ritmo vivace e spezzato altrimenti la gente si addormenta dopo tre minuti. Non possono lasciare una persona parlare 20 minuti da sola.

      18 Settembre 2017

Comments are closed.