Ogni posto è buono

Quando vai al gabinetto e niente, ci trovi dentro un violinista che suona.

5 Comments

  1. fgpx78 said:

    Sai che ‘st acosa di suonare al gabinetto è abbastanza normale? Quasi tutti i musicisti che conosco lo hanno fatto in varie occasioni, me compreso. In molti luoghi, è il posto più tranquillo dove scaldarsi o ripassare i passaggi difficili.
    Ricordo chiaramente almeno un’ora passata in un bagno (delle donne) di una villa antica, con la mia insegnante, a scaldare gli strumenti prima di una Masterclass.

    22 Gennaio 2017
    • mattia said:

      In molti luoghi, è il posto più tranquillo dove scaldarsi o ripassare i passaggi difficili.

      In effetti stava suonando lì perché nella sala principale in quel momento suonava una banda di fiati che aveva un volume altissimo.
      [la serata era strutturata in modo che si alternavano questa banda di fiati e un gruppo di musica per cimbalom]

      23 Gennaio 2017
  2. fgpx78 said:

    Ho anche il dubbio che i bagni siano spesso ben insonorizzati, per evitare situazioni imbarazzanti 😀

    23 Gennaio 2017
    • mattia said:

      Ho anche il dubbio che i bagni siano spesso ben insonorizzati, per evitare situazioni imbarazzanti

      Be’, quelli no. Non c’era nemmeno la chiave nella cabina del cesso… figurati l’insonorizzazione acustica 😀
      Eravamo pur sempre in una casa del popolo.

      23 Gennaio 2017
  3. mamoru said:

    meno male. pensavo fosse uno che ti chiede soldi per non suonare mentre te ne vorresti stare sulla tazza in santa pace a defecare…
    che tortura con quello fuori dalla porta che raglia il violino mentre tu sei dentro… che spingi. 😀

    24 Gennaio 2017

Comments are closed.