Sussulto di coscienza

Ore 4 del mattino (o notte) circa. Arrivo nei pressi dell’aeroporto di Orlando. Sulle mappe del telefono intelligente ho memorizzato qualche benzinaio vicino all’aeroporto, così che posso fare il pieno e restituire la vettura senza problemi.

Evito il distributore più vicino, che secondo gugol applica un prezzo mostruoso: 4 dollari – contro gli usuali 2,25 – per 3,785 litri. Vado a quello un zic più là, mi fermo ed entro nel negozio a dare i soldi (qui si dànno i soldi prima, poi fai benzina). Trovo una signorina al banco e le porgo la banconota:

  • Cinque dollari alla pompa undici
  • Vuoi fare benzina qui?
  • Eh, sì.
  • Ma guarda che qui cosa 5,69 per 3,785 litri. Ti conviene proseguire… lo vedi quello lì… fa prezzi normali, 2,20 dollari.
  • Quello lì dall’altra parte della strada?
  • Sì, sì. Va’ lì. Non fare benzina qua.

Giuro, mi ha dissuaso dal far benzina da loro e mi ha mandato dalla concorrenza perché era consapevole di fare prezzi mostruosi (approfittandosene di quelli che prendono l’automobile a noleggio e devono fare il pieno nei pressi dell’aeroporto prima di restituirla).
Non so quante altre volte mi capiterà nella vita.

One Comment

  1. Mauro said:

    Mai più.
    Per lo meno mai più dove non sei cliente fisso (mi spiego: dove sono cliente fisso mi capita talvolta che certe cose me le danno e altre me le “negano” per le motivazioni che hai raccontato tu).

    6 Novembre 2016

Comments are closed.