ぴちゃーぴちゃ

Sicché, oggi ero sul tram e andavo agli allenamenti.
Davanti a me una signora giapponese con la figlia che evidentemente era mista giappo-caucasica, ma con la quale parlava giapponese. Bambina piccolina, forse 4 o 5 anni.

A un certo punto la bimba si mette a ripetere píča! píča!
La mamma prova a fermarla ma non ci riesce: più viene ammonita e più la bambina birichina ripete píča! píča!

Sui due piedi ho sospettato fosse un’onomatopea, una delle tantissime del giapponese. Arrivato a casa ho fatto una breve ricerca e ho scoperto che ぴちゃーぴちゃ dovrebbe essere l’onomatopea del suono dell’acqua quando viene spruzzata (mi correggano i giapponofoni, nel caso).
Forse perché aveva piovuto tutto il giorno e la bambina aveva in mente questa idea (magari da qualche pozzanghera calpestata?)

Be’, per i passeggeri del tram cechi suonava diversamente.

Piesse: per quelli meno svegli, guglare píča nella sezione immagini.

3 Comments

  1. Faber said:

    Un po’ come il preside toscano che chiamò la madre di una bambina bresciana che a scuola diceva pota.

    5 Ott 2016
    Reply
  2. camicius said:

    per quelli meno svegli, guglare píča nella sezione immagini.
    Se uno non è sveglio, anche cercando su google immagini (da un google in italiano) non è che lo capisca molto…

    5 Ott 2016
    Reply
  3. Faber said:

    camicius,
    io sono tontolone, ma ti assicuro che l’ho capito prima ancora di aprire Google 🙂

    8 Ott 2016
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota sui biscottini: questo sito usa solo i biscottini di base di Wordpress per il funzionamento del sito. Non usa biscottini per memorizzare vostri dati personali, anche perché non me ne frega niente. Pensate che non vengono nemmeno fatte le statistiche sugli accessi di questo sito. Non ci sono nemmeno i pulsanti per mettere apprezzamenti sul feisbuc, il tuitter o altre reti sociali. Ciao.