Piccolo promemoria per gli zucconi

Gesù sta molto a suo agio tra la scienza.

IMG_8984

Foto fatta stamani alla Pontificia Università Cattolica di Rio.

35 Comments

  1. Enrico said:

    Coreograficamente fa il suo effetto; quanto alla convivenza…sarò zuccone ma essendo il simbolo di una fede per me non ha nulla a che vedere con la scienza.

    18 Settembre 2015
    Reply
    • mattia said:

      infatti non ho detto che “ha a che vedere”, ho detto che sta a suo agio.
      Tradotto: che scienza e fede convivono pacificamente a differenza di quello che dice qualche zuccone.

      18 Settembre 2015
  2. marco said:

    Convivono pacificamente se chi ha fede non pretende di giustificare con l’amico immaginario tutto il “creato”.
    O si inventa teorie bislacche per giustificare i 6000 anni biblici, o la teoria gender, o elucubrazioni sulla procreazione assistita.
    Ad esempio.

    18 Settembre 2015
    Reply
    • mattia said:

      Convivono pacificamente se chi ha fede non pretende di giustificare con l’amico immaginario tutto il “creato”.

      Su come il creato si è creato c’è una elegante teoria.
      Viene chiamata Big Bang.
      Ed è stata fondata da un sacerdote cattolico.

      Ciao.

      18 Settembre 2015
  3. Theodore said:

    Dove hanno inventato il linguaggio di programmazione con meno stupidaggini da scrivere: Lua!

    18 Settembre 2015
    Reply
  4. Ariakas said:

    Allora parlo da ateo e “mangiapreti”, se mi si dice che la scintilla della creazione (Big Bang) sia data da Dio, e poi da li’, essendo l’universo un sistema complesso si e’ sviluppato per evoluzione, non ho nulla da obiettare. E’ una teoria che pur non avendo la fede posso trovare convincente.
    Se invece mi si dice che Dio controlla tutto, qualsiasi cosa succeda e’ volere di Dio (Anche un incidente stradale per dirne una) allora no, non sono d’accordo e le cose “cozzano” un po’.

    Purtroppo pero’ la maggior parte di cattolici (Quelli praticanti, gli altri non li considero) che conosci sono piu’ per la seconda ipotesi.

    18 Settembre 2015
    Reply
    • mattia said:

      Ariakas,

      c’è qualcosa che non torna in quello che dici. Tu accetti che Dio possa aver dato origine al Big Bang, però non accetti tutto quello che è venuto dopo.
      Ma tutto quello che è venuto dopo, compreso il tavolo su cui stai mangiando o il desiderio di prendere a sberle quello che scoreggia in ascensore è frutto del Big Bang.
      Poste le condizioni iniziali e le regole da rispettare ciò che viene dopo è deterministico. Il neurone che mi fa venire voglia di ammazzare il vicino di casa non nasce dal niente. È frutto di atomi che si sono creati nel Big Bang e sono arrivati fino al mio cervello.
      Se accetti che Dio abbia creato il Big Bang accetti anche che il neurone che ti dà impulsi omicidi sia frutto di ciò.

      18 Settembre 2015
  5. Beppe Grullo said:

    Le P sono i pani o i pesci?

    18 Settembre 2015
    Reply
  6. martino said:

    >Ed è stata fondata da un sacerdote cattolico.

    Peggio: gesuita.

    18 Settembre 2015
    Reply
  7. gian said:

    Il fatto che ci siano religiosi che riescono ad andare oltre i loro dogmi non significa che la religione vada a braccetto con la scienza.
    Anzi molto spesso capita di leggere “notabili della chiesa” contro la scienza.

    21 Settembre 2015
    Reply
    • mattia said:

      Il fatto che ci siano religiosi che riescono ad andare oltre i loro dogmi non significa che la religione vada a braccetto con la scienza.

      Già la premessa che fai (andare oltre ai propri dogmi) indica che non hai capito il punto della questione.
      Fa intendere infatti che certi dogmi siano contrari alla scienza, e se pensi questo sei fuori strada.

      Anzi molto spesso capita di leggere “notabili della chiesa” contro la scienza.

      Tipo certi Papi, per rimanere all’esempio di prima, che abbracciano la teoria del Big Bang negli anni cinquanta, prima ancora che fosse scoperta la radiazione cosmica di fondo?

      21 Settembre 2015
  8. Ariakas said:

    No, Mattia, non sono completamente d’accordo, ma e’ una questione di punti di vista.

    Poi ne parliamo meglio davanti ad un golosissimo Pivo 😉

    21 Settembre 2015
    Reply
    • mattia said:

      Carlo,

      che tu non sia d’accordo è un conto, ma non è una questione di punti di vista.

      Mi spiego: se tu prendi un sistema, stabilisci delle leggi di funzionamento e imposti una condizione iniziale quello evolverà univocamente in un determinato modo.
      Facciamo un esempio. Tu prendi un dado, lo lanci e ottieni un numero casuale da 1 a 6. Se lo tiri abbastanza volte ti accorgi che ogni numero compare 1/6 delle volte.
      Così sei portato a pensare che sia un evento casuale.

      In realtà è solo l’effetto di come lanci il dado.
      Se tu invece di lanciarlo con le mani lo lanci con un sistema meccanico che applica sempre la stessa forza al dado (proprio la stessa identica forza), se imponi immutate tutte le altre condizioni (tipo che proteggi il dado dagli sbuffi d’aria costruendo una teca attorno al sistema di lancio) e così via otterrai sempre lo stesso numero.
      Perché non c’è nulla di casuale: il movimento del dado segue solamente le leggi della meccanica per cui applicata una forza a un oggetto ottieni un movimento. Ripeti l’esperimento applicando la stessa forza allo stesso oggetto senza cambiare alcuna condizione al contorno?
      Otterrai lo stesso movimento (e quindi lo stesso numero sul dado).

      Ora pensa alla stessa cosa a livello dell’universo.
      Dio crea l’universo tramite il Big Bang. Si formano tutti gli elementi che compongono l’universo e si formano le leggi della natura che gestiscono come funziona l’universo. Da quel punto in poi ogni elettrone che compone le tue sinapsi arriva al tuo cervello dal quel Big Bang seguendo le leggi della natura, come il dado a cui applicata una forza effettua un movimento.
      Ora, se accetti che Dio abbia creato il Big Bang come fai a rifiutare l’opera di Dio nel risultato del Big Bang?
      Per dire una cosa del genere dovresti dire che Dio crea gli elementi ma poi come evolvono sono cazzi loro. Ma quindi non accetti che Dio abbia creato il Big Bang perché non solo nascono gli elementi ma anche le leggi che ne regolano il “comportamento”. O uno o l’altro.

      21 Settembre 2015
  9. gian said:

    >Fa intendere infatti che certi dogmi siano contrari alla scienza, e se pensi questo sei fuori strada.

    quindi, correggimi se sbaglio sto entrando in un campo minato, la verginità di Maria ad esempio?
    Tu dici che è possibile partorire (e naturalmente concepire a quel tempo) rimanendo vergine?

    21 Settembre 2015
    Reply
    • mattia said:

      Sì, perché?

      21 Settembre 2015
  10. Claiudio said:

    @mattia
    Lo so, sono un pessimo commentatore, perché ogni tanto mi scappano dei post talmente cazzoni (uno me lo hai censurato pochi giorni fa) che mi domando addirittura come sono riuscito a partorirli, oppure sembra che ti faccia delle domande come se volessi solo romperti le balle e farti perdere tempo.

    Ma… ci tenevo comunque a farti questa domanda: al momento, regno dell’indeterminismo mi sembra possa essere la MQ: a parità di condizioni, due sistemi possono evolvere in due modi diversi, a seconda delle probabilità. L’esempio che mi viene in mente è il decadimento di due nuclei instabili: impossibile sapere chi dei due decadrà per primo, o se lo faranno insieme, o se lo sperimentatore farà in tempo ad andare in pensione.
    La genesi di questi due nuclei non è stata identica, però è anche vero che a genesi differente non si esclude una fine comune.
    Al momento l’unico strumento che permetta di affrontare il caso sembra essere la statistica.

    Ecco che allora la visione deterministica non mi sembra sufficiente a spiegare “tutto”.

    21 Settembre 2015
    Reply
    • mattia said:

      Claiudio,

      attenzione: non farti confondere dal fatto che non siamo in grado di costruire un modello raffinato al punto tale da poter determinare come evolve un sistema. Il fatto che non abbiamo gli strumenti così precisi non significa che non esistano regole che determinano come funziona l’universo.

      21 Settembre 2015
  11. martino said:

    >Anzi molto spesso capita di leggere “notabili della chiesa” contro la scienza.

    Dipende dalla Chiesa (maiuscolo). Mattia probabilmente intende solo quella cattolica. In questo caso, sarei curioso di sapere chi diavolo sarebbero questi notabili contro la scienza.

    21 Settembre 2015
    Reply
  12. Claiudio said:

    @mattia

    Penso sempre al significato dei risultati degli strumenti, anche quando sto facendo risoluzione dei problemi su apparati di rete (“com’è che un secondo segna 0 bps e il secondo dopo mi segna 210 Mbps?!?”).

    Comunque ho appena scoperto che non ho inventato un cazzo: ci sono le teorie sulla “variabile nascosta” che trattano proprio il punto della discussione.

    E siccome non mi va di reinventare (male) la ruota, vado a leggermi qualcosa e sentirmi più preparato più avanti. Tipo fra qualche mese o anno.

    Non ti offendi, vero?

    21 Settembre 2015
    Reply
  13. robinet said:

    però mattia quel “si, perchè” un po’ lo devi argomentare ché anch’io rimango sgomento da una tale risposta.

    22 Settembre 2015
    Reply
    • mattia said:

      però mattia quel “si, perchè” un po’ lo devi argomentare

      Perché dovrei argomentarlo?
      Al massimo sei tu che devi dirmi per quale motivo sarebbe incompatibile con la scienza.
      E a quel punto ti dico perché invece non lo è.

      ché anch’io rimango sgomento da una tale risposta.

      Non sapevi che sono cattolico?

      22 Settembre 2015
  14. gian said:

    >Perché dovrei argomentarlo?

    perché sei tu che fai l’affermazione.
    Altrimenti è pari a “le torri gemelle sono state tirate giù con la nanotermite”.
    E almeno argomenta il tuo si a
    “Tu dici che è possibile partorire (e naturalmente concepire a quel tempo) rimanendo vergine?”
    Tra parentesi ma Maria incinta da un essere ultraterreno è un caso di abduction? Ci manca la videointervista a dipre….

    22 Settembre 2015
    Reply
    • mattia said:

      perché sei tu che fai l’affermazione.

      No. Sei tu che fai l’affermazione.

      Perché l’affermazione qui è che *credere alla maternità verginale di Maria sia in contrasto con la scienza*.
      E questo è qualcosa che dici tu, non io. Quindi la devi dimostrare tu.

      Ora spiegami perché sarebbe incompatibile con la scienza.

      [per spiegarmi meglio: è come dire che a me piace andare in bicicletta o che ascolto musica punk. Se ti dico che ascolto musica punk non mi dici che ciò è incompatibile con la scienza, ma se ti dico che credo alla maternità verginale di Maria sì. Perché?]

      22 Settembre 2015
  15. gian said:

    >No. Sei tu che fai l’affermazione.

    “Gesù sta molto a suo agio tra la scienza.”

    è una tua affermazione. E a questo mi riferivo.

    >Ora spiegami perché sarebbe incompatibile con la scienza.

    L’imene è così elastico da permettere il passaggio di un neonato?
    No giuro non so cosa rispondere…..

    22 Settembre 2015
    Reply
    • mattia said:

      “Gesù sta molto a suo agio tra la scienza.”

      è una tua affermazione. E a questo mi riferivo.

      Ho scritto il famoso saggio su quello.
      Rileggilo (o leggilo, se non lo hai letto).

      L’imene è così elastico da permettere il passaggio di un neonato?
      No giuro non so cosa rispondere…..

      Non mi hai spiegato perché credere nella maternità verginale di maria dovrebbe essere incompatibile con la scienza.
      Vuoi forse dire che la scienza proibisce che un imene faccia passare un neonato?

      22 Settembre 2015
  16. robinet said:

    allora mettiamola così: l’atto di “credere” di mattia butta, e solo di mattia, non è incompatibile con la scienza, quello in cui crede invece si. ho capito bene? almeno così mi sembra di aver capito dopo l’esempio della musica punk

    22 Settembre 2015
    Reply
    • mattia said:

      quello in cui crede invece si. ho capito bene?

      no.

      22 Settembre 2015
  17. robinet said:

    ci rinuncio.

    23 Settembre 2015
    Reply
  18. gian said:

    >Non mi hai spiegato perché credere nella maternità verginale di maria dovrebbe essere incompatibile con la scienza.
    Vuoi forse dire che la scienza proibisce che un imene faccia passare un neonato?

    Se tu ti fermassi a penetrazione senza rottura ci sta.
    La seconda beh devi fornire qualche prova, no?
    In fondo lo status “normale” dice che l’imene si rompe. Se tu sei a conoscenza di casi in cui non si rompe, ben venga sono disposto ad imparare cose nuove.

    Ah sul tuo pamplet di gesù e scienza aspetterò le giornate invernali….non appena lo troverò visto che non so di cosa stai parlando.

    23 Settembre 2015
    Reply
    • mattia said:

      Se tu ti fermassi a penetrazione senza rottura ci sta.
      La seconda beh devi fornire qualche prova, no?
      In fondo lo status “normale” dice che l’imene si rompe. Se tu sei a conoscenza di casi in cui non si rompe, ben venga sono disposto ad imparare cose nuove.

      Non mi hai risposto. Ripropongo la domanda: secondo te la scienza proibisce una la nascita verginale di un bambino?

      Ah sul tuo pamplet di gesù e scienza aspetterò le giornate invernali….non appena lo troverò visto che non so di cosa stai parlando.

      https://www.butta.org/wp-content/uploads/2009/07/Scienza-e-Fede-for-Dummies.pdf

      23 Settembre 2015
  19. gian said:

    >Non mi hai risposto. Ripropongo la domanda: secondo te la scienza proibisce una la nascita verginale di un bambino?

    a sapere mio la nascita implica la rottura dell’imene.
    ti ripeto tu sei a conoscenza di qualche occasione in cui non si rompe?
    tu hai affermato che si può nascere senza la sua rottura.
    ad affermazioni straordinarie occorrono prove straordinarie.
    Ah ti ricordo che cesareo non deriva da “giulio cesare” ma “taglio”.
    E che in antichità voleva dire squartare la donna per tirare fuori il feto.

    23 Settembre 2015
    Reply
    • mattia said:

      a sapere mio la nascita implica la rottura dell’imene.

      Be’, di solito si rompe un po’ prima.
      Ad ogni buon conto non è quello che ti ho chiesto.

      Io ti ho chiesto se la scienza vieta una nascita verginale.
      Sì o no.
      Mi serve un monosillabo.

      23 Settembre 2015
  20. marco said:

    >Be’, di solito si rompe un po’ prima.

    Appunto. Di solito. Non sempre.

    >Io ti ho chiesto se la scienza vieta una nascita verginale.
    Sì o no.
    Mi serve un monosillabo

    A giocare al tuo gioco l’ho chiesto prima io.
    tu hai detto che si può nascere con l’imene intatto (e ti ripeto no cesareo, non vale)
    io ti ho chiesto le prove.
    tu stai girando attorno.

    23 Settembre 2015
    Reply
    • mattia said:

      tu stai girando attorno.

      Io non ci sto girando attorno. Al contrario, sono ben fermo. Sono fermissimo da una vita a chiederti perché mai la religione dovrebbe cozzare con la scienza.
      Se tu mi usi la cortesia di rispondermi, con un sì o con un no, alla domanda se – per esempio – la maternità verginale di maria sia in contrasto con la scienza poi io ti spiego (spoiler!) perché non ti devo nessuna prova.
      Altrimenti puoi anche non rispondermi e continui a non sapere come funziona la scienza. Il problema è tuo, mica mio.

      24 Settembre 2015
  21. gian said:

    Piccolo scambio di mail.
    il messaggio di marco in realtà è mio.
    la dannazione dei pc condivisi…. 😀

    23 Settembre 2015
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota sui biscottini: questo sito usa solo i biscottini di base di Wordpress per il funzionamento del sito. Non usa biscottini per memorizzare vostri dati personali, anche perché non me ne frega niente. Pensate che non vengono nemmeno fatte le statistiche sugli accessi di questo sito. Non ci sono nemmeno i pulsanti per mettere apprezzamenti sul feisbuc, il tuitter o altre reti sociali. Ciao.