Contro il razzismo, ma solo per alcune razze

«Nessun pregio ha il riferimento alla cosiddetta legge Mancino posto che tale fattispecie non può riferirsi ai fatti enunciati in querela».

via corriere.it

Ho spiegato più volte perché la legge mancino sia una porcata indegna di un paese civile.
Se uno “propaganda idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico” tu lo contrasti sul piano dei contenuti.
Spiego perché quelle teorie sono sbagliate, ma non gli tappo la bocca.
Perché se mi confronto sul contenuto dell’idiozia che uno dice posso convincere gli altri che quella è davvero un’idiozia. Ma se gli tappo la bocca non ho l’opportunità di smontare pubblicamente l’idiozia, che sotto sotto poi continua a dilagare.
Le idiozie non si zittiscono dicendo che “questo è il male quindi è vietato dirlo“, quasi come se fosse un dogma incontestabile. Le idiozie si smontano, e se tu hai gli strumenti per smontarle non hai alcun problema se altri le proferiscono.

Al pari della legge mancino adesso sta arrivando la legge che impedirà il negazionismo dell’olocausto, con tutto il parlamento scodinzolante dietro alla lobby ebraica (con rarissime eccezioni, come la Sen. Cattaneo).
Anche in questo caso, se uno dice che l’olocausto è un’invenzione e i campi di sterminio sono stati costruiti a Cinecittà, io gli porto tonnellate di analisi storiche che ne dimostrano l’autenticità secondo tutti i criteri storiografici usati dagli esperti.
E gli faccio fare una figura di palta davanti a tutti.

Tolti i pochi casi in cui certe affermazioni possono portare a un pericolo effettivo, per il resto le leggi che tappano la bocca sono sempre da evitare.

Ma questo ce lo siamo raccontati mille volte.
C’è però un altro motivo che rende queste leggi inadatte a un paese civile, ed è la loro applicazione pratica.
Perché tutti noi sappiamo che le leggi devono essere quanto più generali possibile. Non posso fare una legge che vieta esprimere idee fondate sull’odio verso una razza, ma devo necessariamente formularla in modo che siano condannate le espressioni di odio verso tutte le razze.
Dal punto di vista teorico tutto a posto. Il problema è quando si applicano queste norme. Perché per quanto la norma sia estremamente generale in realtà è stata forgiata dal legislatore con preciso e non celato intento di proteggere solo un caso specifico. Chi poi la fa rispettare segue esattamente questo intento.

La cronaca di questi giorni ci porta un ottimo esempio pratico.
Un signore famoso non si sa per quale motivo ha insultato i veneti in radio dicendo che sono tutti ubriaconi.
Alcuni veneti l’hanno denunciato.
Ora, di per sé la diffamazione non aveva grandissime basi per andare avanti: affinché ci sia diffamazione deve essere leso l’onore di qualcuno, che è il bene tutelato; tuttavia questo avviene solo se le persone insultate sono ben identificabili. Devo dire che Giovannino, Melchiorre e Stanislao sono ubriaconi: in questo caso le persone sono ben identificabili e il loro onore davvero compromesso. Ma se dico che tutti i veneti sono ubriaconi, sono talmente generico nell’identificare le persone che nei fatti non scalfisco l’onore di nessuno. E fin qui ci siamo.
C’è però la legge mancino.
Frasi come

I veneti sono un popolo di ubriaconi. Alcolizzati atavici, i nonni, i padri, le madri (…) Poveretti i veneti, non è colpa loro se uno nasce in quel posto, è un destino (…) Basta sentire l’accento: è da ubriachi, da alcolizzati, da ombretta, da vino.

non costituiscono forse “idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico”?
Superiorità relativa, nel senso che parla di inferiorità di un altro popolo. Odio? Se non è odio questo.

Per la procura di Verona però la legge Mancino non c’entra niente.
Come si fa a dire una cosa del genere?

Semplice, in italia la legge mancino vale solo per alcune razzeper alcune etnie.
Per altre, come in questo caso, no.

Eppure, dal punto di vista giuridico non c’è alcun motivo per cui un insulto a indiani o africani debba rientrare sotto l’ombrello della legge mancino e un insulto ai veneti no. A meno che tu non sia capace di portarmi dimostrazioni biologiche che dimostrino che gli indiani siano una razza o un’etnia mentre i veneti no (auguri).

Questo caso dimostra tutta l’idiozia della legge mancino, per cui – applicandola in modo neutrale – si dovrebbero condannare anche gli insulti tra pisani e livornesi.
Siccome però è stata creata per condannare il razzismo solo verso alcuni e non verso tutti, questa poi viene applicata proprio per lo scopo per cui è stata creata.
E fa niente se la legge è tutta perfettina nella sua generalità. È stata fatta per alcune razze e viene fatta rispettare solo per quelle.

Mai fidarsi di leggi come queste. Non solo perché tappare la bocca è sbagliato come principio, ma anche perché per quanto le infiocchettino di generalità poi nella pratica vengono usate solo per alcuni. E usare una legge con alcuni ma non con altri è una delle cose più odiose che puoi fare in uno stato di diritto.

4 Comments

  1. Marco Veneti said:

    bhe però, correggimi se sbaglio, mi sembra che nello statuto della Regione Veneto si parli espressamente di “popolo veneto”, questa dicitura non dovrebbe significare che lo stato italiano riconosce i veneti come popolo a se stante?
    http://www.issirfa.cnr.it/5007,46.html

    28 Febbraio 2015
  2. mattia said:

    questa dicitura non dovrebbe significare che lo stato italiano riconosce i veneti come popolo a se stante?

    credo piuttosto che significhi solo che la regione Veneto ha scritto quella cosa nel proprio statuto, niente di più, niente di meno.

    Ma anche se fosse… la legge Mancino non parla di popoli bensì di razze ed etnie, concetti che non possono essere definiti se non usando criteri del tutto arbitrari.

    1 Marzo 2015
  3. shevathas said:

    Le leggi si applicano ai nemici e si interpretano agli amici.
    [Giovanni Giolitti]

    1 Marzo 2015
  4. Andrea Ber. said:

    L’etnia è un costrutto sociale; non è un concetto biologico e non è legata all’aspetto fisico di una persona.
    L’ etnia di una persona è quella a cui essa stessa sente di appartenere; per cui per saperla bisogna chiedergliela. Non esistono criteri esterni per stabilire l’etnia di una persona.
    A parte questo confrontate la voce “Legge Mancino” sulla Wikipedia italiana con il testo della legge scoprite la differenza.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Legge_Mancino

    1 Marzo 2015

Comments are closed.