Ridicolo

Come sapete mesi fa (la scadenza era il 20 novembre 2012) ò fatto domanda di partecipazione all’abilitazione scientifica nazionale.
Più per sport che per necessità. Volevo vedere da vicino come funzionavano queste cose.
Ebbene, lo svolgimento dei lavori delle commissioni sta rasentando il ridicolo.

La mia commissione à 94 candidati professori associati e 61 ordinati.
All’inizio per le commissioni con meno di 500 candidati il termini ultimo per la conclusione dei lavori era il 30 aprile.

Dopodiché ànno spostato il termine al 31 maggio.

Poi è diventato il 20 giugno.

Il giorno prima della scadenza… patabum… ànno spostato la data al 28 giugno.

Dai, dai… ormai ci siamo, manca poco…

Ma proprio quel giorno si sono arresi e ànno spostato tutto al 23 settembre.

Dopo tutto ormai è estate, si va al mare, si fa il bagno e quando si torna si fa tutto a settembre.

Ora, a me non cambia nulla, davvero. Non è che senza quell’abilitazione mi salta un concorso.
E per carità, meglio che lavorino bene, prendendosi il loro tempo per valutare correttamente le domande piuttosto che fare una valutazione alla cazzo. I commissari lavorano anche gratis (se non sbaglio).
Però pretendo un po’ di serietà. Le domande le avete da novembre: avevate tutto il tempo per valutare quante erano e per decidere quanto tempo ci voleva ad esaminarle.
Se non ài idea del tempo che ci vuole per ogni domanda inizi a lavorare, guardi quanto ci metti per le prime dieci domande, e fai una stima del tempo che ti ci vuole. Metti giù un calendario della commissione e mi dici quando finisci.
Ti consento di rinviare la data del termine dei lavori se ti accorgi che ti ci vuole più tempo, per l’amor del cielo.
Ma una volta. Non continui a rimandare il rimandato e posticipare il posticipato.
Rinviare prima di una settimana – dal 20 al 28 giugno – e poi rimandare tutto a settembre significa prendermi per il culo.
Se sai che ti manca tanto non rinvii di 8 giorni, rinvii direttamente a settembre.

Perché poi continuerete a parlarmi del bunga bunga, ma guardate che le cose che rendono l’italia un paese ridicolo sono queste.

 

2 Comments

  1. Antonio said:

    Ma due parole sul fatto che hanno fatto l’incentivo fiscale sugli elettrodomestici e per assumere gli ignoranti no?

    4 Luglio 2013
  2. clessidravuota said:

    Attento a come parli (e scrivi)!!!
    Dire “Italia paese ridicolo” è vilipendio alla nazione !!!
    Reato!!! Reato!!!
    (Riferimento alla cronaca di oggi)

    4 Luglio 2013

Comments are closed.