Da far ritirare il prepuzio

Prima ò chiamato il centralino di trenitalia per avere qualche informazione sulle tariffe agevolate dei treni nel fine settimana delle elezioni.
Mi era venuta una mezza idea di tornare per votare per le regionali (mentre per il parlamento voto via posta).

Questo è l’annuncio in inglese che mandano in automatico. Da far accapponare la pelle. Anzi, da far ritirare il prepuzio.
Ce la mette tutta per imitare la pronuncia inglese, poverina, e probabilmente avranno preso la persona che nell’ufficio riusciva a parlarlo meglio, ma il risultato è disastroso.

No, non mi aspetto che chi registra i messaggi in italiano sia anche capace di una pronuncia ottima in inglese.
Basta assumere un madrelingua e far registrare a lui i messaggi in inglese con la pronuncia corretta. Possiamo discutere su quale pronuncia sia migliore (io propendo per l’americana, ché secondo me è più facilmente comprensibile nel mondo rispetto a quella britannica).
Ma qualsiasi sia la scelta devi chiamare un madrelingua per registrare questi annunci.

Non ò idea di dove sia il centro di gestione di queste cose. A Roma? Bene, reperisci uno studente americano a Roma (ci sarà uno studente americano a Roma!) gli metti in mano 50 Euro e gli fai registrare quella dozzina di frasi per il centralino. In una mezz’ora si porta a casa 50 Euro, dici che non trovi uno studente disponibile a farlo? Non gli mancheranno mica quei 50 Euro.

Ecco, quando si parla di potenziare il turismo, mica bisogna inventarsi chissà che cosa. Un turista si fa una buona impressione del paese quando trova un servizio efficiente e di qualità. Un messaggio del genere al centralino della maggiore azienda ferroviaria italiana è una porcata che rovina l’immagine di tutto il paese. Cosa deve pensare uno straniero? Che l’italia è un paese dove si fanno cose così raffazzonate?

11 Comments

  1. Stefano said:

    Strano che però quando in stazione chiamano il Frecciarossa di turno la voce in inglese risulta ottima all’ascolto. Avranno risparmiato sulla voce telefonica

    Stefano

    PS: Comunque la voce telefonica è proprio tipicamente non pronuncia all’italiana

    7 Febbraio 2013
  2. mamoru said:

    Appunto. A proposito di fare le cose col culo.

    Fai conto che diedi la voce ai dei messaggi (in realta erano solo dei sample da rilasciare con il sw) per un servizio di telemetria che entro’ in esercizio a Cuba (molti) anni orsono. Tutto in spagnolo. 😀 😀 😀

    Spero che il cliente abbia avuto il buon gusto di customizzarli come da istruzioni altrimenti: HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!

    LOL

    7 Febbraio 2013
  3. Mauro said:

    Senza polemica (anzi no: con pelmica 😀 ): se preferisci la pronuncia americana allora non vuoi un annuncio in inglese.
    Sarebbe come dire che per un annuncio in italiano preferisci un qualcosa detto in napoletano o bergamasco o qualsiasi altro dialetto, ma non in lingua.
    Saluti,
    Mauro.
    P.S.:
    Non conta che sia più comprensibile (e credimi, non è più comprensibile in generale… per te forse, ma in generale no), semplicemente non è inglese. Almeno non inglese corretto.

    7 Febbraio 2013
  4. fgpx78 said:

    Pare quel famoso filmato di youtube “un italiano a Malta”.

    7 Febbraio 2013
  5. mattia said:

    se preferisci la pronuncia americana allora non vuoi un annuncio in inglese.

    Vabbe’, facciamo che lo voglio in americano.

    Non conta che sia più comprensibile (e credimi, non è più comprensibile in generale… per te forse, ma in generale no)

    Mmmmm, non so.
    Penso a tutta la gente che à imparato l’inglese (pardon, l’americano) guardando i film e i telefilm americani. Penso a tutti quelli, né inglesi né americani, che parlano con pronuncia più americana che inglese.
    O meglio, sotto senti il sottofondo della pronuncia inglese che ànno appreso a scuola, ma sopra sovrasta la pronuncia americana.
    Poi vabbe’, è anche questione di gusti. Tra la pronuncia chiara e limpida della California e la pronuncia con la patata in bocca della campagna inglese preferisco la prima.

    8 Febbraio 2013
  6. mattia said:

    ah, per precisazione: io, volendo essere non coerente del tutto, parlo una sorta di via di mezzo schifosa tra l’inglese e l’americano.

    8 Febbraio 2013
  7. mattia said:

    Strano che però quando in stazione chiamano il Frecciarossa di turno la voce in inglese risulta ottima all’ascolto. Avranno risparmiato sulla voce telefonica

    Intendi questo?
    Be’, sì, la pronuncia è ottima. Poi il sistema di composizione dei messaggi dovrebbe essere un po’ sistemato…

    8 Febbraio 2013
  8. Vogliamo parlare degli annunci in inglese su Regionali? Vogliamo parlarne?

    NB In provincia di Roma i regionali sono spesso frequentati dai turisti, soprattutto per la tratta Ciampino-Roma e viceversa.

    8 Febbraio 2013
  9. camicius said:

    Beh, e allora, sulla metropolitana romana, quando viene annunciata la prossima fermata, dopo l’italiano viene un annuncio in inglese con un accento anglo-romano che mi fa spanciare.

    Nextestoppe!

    8 Febbraio 2013
  10. Valentina said:

    Perché l’inglese americano non dovrebbe essere considerato inglese? Non ci sono differenze tali da rendere l’inglese americano una lingua diversa da quello inglese e infatti inglesi e americani, se si parlano ciascuno nella propria varietà, si capiscono perfettamente. Che poi anche parlare di inglese britannico e inglese americano è generico e riduttivo, visto che in realtà in entrambi i paesi le rispettive varietà standard di fatto sono parlate solo da una minoranza della popolazione (se mi ricordo bene in UK la Received Pronunciation è usata da circa il 3% della popolazione, soprattutto nel sud e di posizione sociale elevata) e ci sono variazioni regionali e sociali anche molto forti (mi vengono in mente l’accento di Newcastle o l’African American Vernacular English). Senza contare tutte le varietà presenti negli altri paesi anglofoni.
    Comunque anch’io ho la sensazione che la pronuncia americana, più o meno standard, sia più conosciuta di quella inglese standard, proprio per una questione di influenza culturale americana. Io stessa quando parlo inglese uso lo standard americano perchè lo trovo più semplice da pronunciare, anche se in realtà mi piace molto di più la Received Pronunciation inglese.

    8 Febbraio 2013
  11. Stefano said:

    Intendi questo?
    Be’, sì, la pronuncia è ottima. Poi il sistema di composizione dei messaggi dovrebbe essere un po’ sistemato…

    Si, anche se il tuo messaggio è quello che danno a bordo del treno stesso. In verità intendevo il messaggio che ti danno in stazione. Tempisticamente quello è fatto un cincinnio meglio. Purtroppo non ho trovato un esempio sul tubo.

    Stefano

    9 Febbraio 2013

Comments are closed.