Lo SPAM (spam! spam!) di Anna Paola Concia

Ricevo ieri questa email dalla deputata Anna Paola Concia

Cara Amica, Caro Amico,

mi candido alle primarie per la scelta dei parlamentati del Partito democratico che si terranno il 29 – 30 dicembre.

Se vuoi darmi una mano, scrivimi all’indirizzo concia_a@camera.it e riceverai nel dettaglio le informazioni utili per sostenere la mia candidatura.

Costruiamo insieme un’Italia dei diritti, più moderna, giusta, inclusiva ed europea.

Grazie e a presto,
Anna Paola

Questa la mia risposta

Gent.ma Sig.na Concia,

temo che abbia sbagliato destinatario: non sono un suo “caro amico” (né una sua “cara amica”).
Il motivo per cui si trova il mio indirizzo email nella sua rubrica è diverso.

Circa un anno e mezzo fa le scrissi un messaggio email in merito alla legge sull’omofobia, spiegandole quanto la sua proposta di legge fosse insensata. Le raccontai di quel mio amico eterosessuale che subì violenza da parte di un omosessuale a causa della sua eterosessualità. Ecco, la sua proposta di legge non lo avrebbe tutelato, mentre se le parti fossero state invertite sì.
Si ricorda di quel messaggio email?

Forse sì, perché mi rispose, o forse fece rispondere al suo assistente, ma non è questo il punto.
Il punto è che se io le scrivo un messaggio email su un provvedimento legislativo, ella è autorizzata a scrivermi una risposta su quel tema.
Magari può scrivermi dopo due anni per dirmi che alla fine quella legge è stata approvata o è finita su un binario morto.
Quello che non può fare è immagazzinare il mio indirizzo email e usarlo per mandarmi i suoi messaggi promozionali.

Perché io non le ho dato il permesso di inserire il mio indirizzo email nella sua newsletter.
Perciò non può usarlo per questo scopo.
È contrario alla netiquette, o se vuole anche solo alla buona creanza.
Si chiama SPAM ed è una cosa brutta.

Probabilmente c’è anche qualche legge o regolamento che lo vieta, ma non ho tempo di cercarli.
Mi basta rammentarle che lo SPAM non si fa.
Prima di usare internet leggere il manuale, per cortesia.

Saluti,

Mattia Butta

3 Comments

  1. Luca said:

    Mi piacerebbe un giorno sapere la risposta, se ne avrai una!

    14 Dicembre 2012
  2. Diego said:

    Eh, però hai usato le acca.
    Perchè con la Concia sì e con i tuoi lettori abituali no?
    Vuoi bene più alla Concia che a noi?

    17 Dicembre 2012
  3. mattia said:

    ma no, è che se scrivevo senza le acca facile che ella (o più probabilmente l’assistente) mi rispondeva dicendo di imparare l’italiano.
    Allora io avrei dovuto risponderle che invece era corretto… e così via, deviando verso l’OT.
    Meglio evitare il pericolo, per una volta, e stare sul punto.

    17 Dicembre 2012

Comments are closed.