Rilassatevi

L’altro giorno ò incontrato un tizio canadese. Era un amico della sorella di una collega di un amico. Quelle situazioni in cui tu ti metti d’accordo per andare a bere qualcosa con un amico e poi questo si porta qualcun altro che a sua volta chiama qualcun altro e ti trovi con gente che non conosci.
Il tipo canadese aveva fattezze orientali, allora dopo un po’ gli ò chiesto: ma di preciso di dove sei? cioè, sei canadese, l’ò capito, però di dove sei originario?

Il tizio, simulando un sorrisino acido, mi risponde: al massimo puoi chiedere di dove sono originari i miei genitori perché io sono nato in Canada.

Non te la prendere – gli ò risposto – mica volevo contestare la tua canadesità. È che sai, sono appena tornato da un lungo periodo in Giappone, e pensavo che magari fossi di origine giapponese. Così, se parlavi giapponese, avremmo potuto scambiare due chiacchiere in questa lingua. Sai, mi piacerebbe tenermi allenato col giapponese.

Ecco, quando qualcuno vi chiede di dove siete originari, magari a causa dei vostri tratti somatici, non partite in tromba pensando che chi vi pone la domanda è razzista o anche solo uno che pensa che una persona con quei tratti somatici non possa essere cittadino di quello Stato.
Delle volte la domanda è solo motivata da un genuino interesse linguistico o culturale.
Quindi rilassatevi e non pensate subito male di chi vi sta davanti; ché a pensar male, oltre ad essere peccato, capita pure di sbagliarsi.

 

 

18 Comments

  1. disma said:

    e di dov’era? I giapponesi di solito te lo dicono subito se sono giapponesi anche di seconda o terza generazione. Era cinese?

    16 Novembre 2012
  2. mattia said:

    giusto, mi sono dimenticato di aggiungere che era di hong kong.

    16 Novembre 2012
  3. disma said:

    ecco, vedi, cinese

    16 Novembre 2012
  4. mattia said:

    il che dimostra che ancora non so bene distinguere tra cinesi e giapponesi!

    OT
    sentivo che cerchi mutande a basso prezzo: io ti ri-consiglio il fundoshi, ché lo ricavi persino da vecchie lenzuola di cotone fatte a strisce

    16 Novembre 2012
  5. Mauro said:

    E comunque – razzismo o non razzismo – la tua domanda era corretta sotto ogni punto di vista: l'”origine” non è la “nascita”. Non necessariamente, almeno.

    Saluti,

    Mauro.

    16 Novembre 2012
  6. disma said:

    ecco, non volevo essere insistente, ma tu mi promisi di spedirmi un fundoshi… Tra l’altro ho scoperto che la mia marca di boxer preferiti, diffusa nel vigevanese, è ormai introvabile.

    16 Novembre 2012
  7. mattia said:

    ah, te l’avevo promesso? sai che davvero non mi ricordo (cazzo, sto diventando davvero vecchio).
    Bon, lunedì te lo mando.
    Dimmi la misura: tre metri ti bastano?

    16 Novembre 2012
  8. disma said:

    non lo so mica quanto serve, mi fido di te. Ma mi mandi il tuo usato? No, vero? Uno nuovo nuovo fresco fresco?

    16 Novembre 2012
  9. mattia said:

    Certo che te lo mando nuovo. Ne ò ancora una confezione di dieci metri ancora intatta. Per quello ti domandavo la misura, così ti taglio la lunghezza che ti serve.
    Più o meno devi mettere in contro due volte il giro vita più due volte la lunghezza dalla cintola davanti alla cintola dietro passando davanti al pisello, in mezzo alle gambe e davanti al culo.

    16 Novembre 2012
  10. disma said:

    sai che non ho capito come fare le misure… fai te che mi fido, fai una L 😀 tu sei M credo no?

    16 Novembre 2012
  11. mattia said:

    Guarda, è molto semplice.
    Prendi uno spago. Ce l’ài lì uno spago a portata di mano vero?
    Ecco, te lo giri attorno alla vita, sotto la panza, dove normalmente tieni l’elastico dell mutande (a meno che tu non tenga l’elastico delle mutande a livello ombelico).
    Quello è il giro vita. Taglia lo spago a quella lunghezza e misuralo. Ti viene poniamo 1 m. Ecco, moltiplicalo per due, 2 m.
    Poi misuri il cavallo. Cioè la misura che c’è andando dall’elastico delle mutande davanti all’elastico delle mutande dietro passando in mezzo alle gambe.
    Facciamo che è mezzo metro. Moltiplicalo per due, ti viene 1 m.

    In totale 2 m + 1 m = 3 m

    16 Novembre 2012
  12. disma said:

    Yo! Lo faccio a casa che qui non ho lo spago, potrei farlo col cavo delle cuffie ma credo non sia sufficientemente lungo

    16 Novembre 2012
  13. robinet said:

    questo scambio di battute mi ha fatto scompisciare!!

    16 Novembre 2012
  14. Turz said:

    al massimo puoi chiedere di dove sono originari i miei genitori perché io sono nato in Canada.

    Un altro sostenitore dello ius sola? 🙂

    16 Novembre 2012
  15. Alessandro said:

    guarda, durante una vacanza ad Istanbul, era un continuo controllo del passaporto, la polizia pensava fossi un curdo, forse sotto sotto… è per quello che in campagna elettorale ho “accarezzato” con un destro un senatore della Lega (sono ex militante Lega)

    16 Novembre 2012
  16. Stefano. said:

    Normalmente mi fido abbastanza del Butta Dr. Mattia però l’idea che tre metri di lenzuolo possano essere più comode e/o funzionali rispetto ad un paio di mutande tradizionali non mi fa breccia.
    Poi lui l’ha provata ed io no, metodo scientifico…
    Però…

    16 Novembre 2012
  17. mamoru said:

    ma se ti viene un attacco di diarrea quanto ci impieghi a liberarti dai 3 metri di lenzuolo?

    18 Novembre 2012
  18. mattia said:

    però l’idea che tre metri di lenzuolo possano essere più comode e/o funzionali rispetto ad un paio di mutande tradizionali non mi fa breccia.

    sì, ma sono tre metri solo per la lunghezza.
    la larghezza è di solo 30 centimetri.
    Ok, la quantità di stoffa è maggiore, ma risulta una cosa grande solo quando lo metti sullo stendono.
    Quando ce l’ài addosso non lo senti nemmeno.

    Sul fatto dell’essere funzionali l’ò già spiegato: legandolo come vuoi tu puoi dargli la forma che desideri, cosa che è impossibile da fare con mutande preconfezionate.
    Tipo, quando fai sport è perfetto perché puoi legarlo in modo che il pisello ti rimanga fuori dalle gambe e sia ben sollevato.

    ma se ti viene un attacco di diarrea quanto ci impieghi a liberarti dai 3 metri di lenzuolo?

    a toglierlo ci vogliono due secondi, come ogni altra mutanda.
    dopo di metti più tempo a rimetterlo, ma toglierlo proprio non è un problema

    18 Novembre 2012

Comments are closed.