Anche i servizi di proofreading non sono tutti uguali

Quelli che sbandierano prezzi bassi poi va a finire che fanno un lavoro del cazzo.

#Bestemmie che girano vorticose sul cielo di Fukuoka

Piesse: qualcuno mi sa consigliare un buon servizio di proofreading inglese?

5 Comments

  1. Alex said:

    Ciao
    ho visto da poco il tuo blog. non ti commento il contenuto o le tue idee.

    Ma solo: da quanto tempo stai in giappone?:
    hai dimenticato che il verbo avere presente prevede l’acca?
    Io HO
    tu HAI
    Essi HANNO

    quasi non usi l’H!!!

    30 Agosto 2012
  2. Turz said:

    In italiano ne conosco diversi (infatti ti stai servendo dal migliore :-)) però in inglese no perché in genere quando ho un dubbio chiedo a gente del mestiere piuttosto che a traduttori, e di quei pochi traduttori di madrelingua inglese che conosco non sono in grado di dirti “questo/a sì, è proprio bravo/a”.
    Prova a chiedere a Paolo Attivissimo, magari lui che è British ne conosce di più ed è anche più capace di me a dire chi è bravo davvero.

    Due raccomandazioni:
    1) Deve essere madrelingua inglese. Un non-madrelingua non può pretendere di essere pagato per fare revisioni in una lingua che non è la sua.
    2) Deve conoscere un po’ di terminologia. Se è un paper su quelle robe elettromagnetiche che fai tu, ti serve un ingegnere o uno scienziato, non un economista o giurista. L’ideale è che sia un fisico o ingegnere elettrico o elettronico, ma non si può avere tutto dalla vita.

    30 Agosto 2012
  3. mamoru said:

    I came
    I read
    I LOLLED

    😀

    30 Agosto 2012
  4. mattia said:

    Deve essere madrelingua inglese.

    Ovvio.
    Di solito mi rivolgo a un servizio che funziona bene: ànno uno sfottio di revisori catalogati per tipo di inglese (UK, US, australiano…) così che puoi scegliere anche lo stile che più ti aggrada.
    E sono persone esperte, con studi tecnici alle spalle.
    Il lavoro è solitamente molto buono.
    Solo che questa volta mi ànno sparato un prezzo il 50% superiore del normale (stesso numero di parole, stesso pessimo inglese – il mio).
    Mi sono girate le palle e ò provato un altro servizio.
    Molto economico, ma davvero pessimo.
    In pratica ànno solo cambiato punteggiatura e qualche preposizione.
    Un lavoro fatto in una mezz’ora al massimo. Al punto che anche quel poco prezzo che avevo parato risultava esorbitante per il lavoro svolto.

    Alla fine sono tornato dal servizio precedente, ò strappato uno sconticono e amen.

    La cosa curiosa è che poi questi qui che lavorano coi piedi ti mandano le email con in coda messaggi del tipo “ci affidiamo al passaparola dei nostri clienti: consigliaci a un amico e vinci un ….”.
    Sì, proprio. Ve lo faccio come dico il il passaparola…

    31 Agosto 2012

Comments are closed.