Ci sono già i carabinieri sotto casa a pizzicarlo



Allora i gruppi che irridevano la morte di quella ragazza hanno dato fastidio anche a me. E tanto.
Ma erano talmente estremi che mi viene difficile pensare che una persona sana di mente li abbia potuti aprire con quella consapevolezza.
Mi viene da pensare piuttosto che fossero una provocazione.

Ora leggo dal corriere che la polizia postale sarebbe sulle tracce degli autori. Bene, e quando li trova? Per cosa li denuncia? (ammesso che siano su territorio italiano)
A naso l’unica cosa che mi viene in mente è l’art. 724 del codice penale:

Art. 724 Bestemmia e manifestazioni oltraggiose verso i defunti
Chiunque pubblicamente bestemmia, con invettive o parole oltraggiose, contro la Divinità è punito con la sanzione amministrativa da lire centomila a seicentomila. La stessa sanzione si applica a chi compie qualsiasi pubblica manifestazione oltraggiosa verso i defunti.

Poi ci sarebbe da capire cosa in giudice intende per manifestazione oltraggiosa verso i defunti.
Ad ogni modo male che vada i colpevoli sborsano trecento euro.
E sì, le cose si fanno per giustizia, non per i soldi. Ma scomodare l’interpol, contattare il quartier generale di FB in California, mobilitare una task force di informatici e hacker per risalire agli autori di un reato punito al massimo con una sanzione amministrativa di trecento euro mi sembra semplicemente sproporzionato. Dal punto di vista giuridico. Mi sembra che lo facciano solo per fare scena.
Ma siamo già abituati a vedere le autorità, come quella giudiziaria, agire per dare risposte alla gente. Già.

Ah, quando ho passato io un’informazione alla polizia postale come indizio di reato molto più grave, questi non mi hanno neanche risposto.

Piesse: se qualcuno più esperto di me mi segnala quale altro e più grave reato avrebbero commesso gli autori di quei gruppi è il benvenuto.

19 Comments

  1. Lorenzo said:

    Fra l’altro, in questo modo gli regalano una visibilità che difficilmente avrebbero avuto altrimenti. Esattamente quello che volevano…

    1 Marzo 2011
  2. Bufalo70 said:

    Un baccano incredibile.
    Vorrei che venisse spottato anche il peggiore info-trash televisivo, dal plastico della villetta di Cogne in poi … poi, si faccia un confronto con la pagina-web additata (e non ancòra incriminata).
    E’ la fiera ufficiale dell’ipocrisia !

    1 Marzo 2011
  3. mamoru said:

    “Successful troll is successful”

    Da palo alto risponderanno prontamente coi dati dei responsabili:

    Name: anonymous
    Surname: rulez
    Age: 99
    Country: Iceland
    email address: uradumb@mail.ru

    E finalmente giustizia sara’ fatta!

    PS in quelle regioni dove la bestemmia e’ usata come congiunzione tra due frasi sarebbe una tragedia l’enfocement della legge!!!

    1 Marzo 2011
  4. zurota said:

    il reato è circonvezione d’incapace…

    1 Marzo 2011
  5. AlesSab said:

    Mi irritano maggiormente i tg e i vari programmi che ti scassano i coglioni per settimane come se nel mondo non fosse pieno di gente che scompare e/o viene uccisa.

    1 Marzo 2011
  6. mattia said:

    Tra l’altro mi chiedo se dire “Hitler troia” è una manifestazione oltraggiosa verso i defunti.

    2 Marzo 2011
  7. Lorenzo said:

    Soprattutto è scorretto dal punto di vista semantico.

    2 Marzo 2011
  8. mattia said:

    quello non è reato

    2 Marzo 2011
  9. Nicola said:

    Invece io avevo sentito che le bestemmie erano state abrogate dalle sanzioni penali.

    2 Marzo 2011
  10. mattia said:

    No, è una balla.
    L’art. 724 c.p. non è stata abrogato. E’ stato depenalizzato.
    Cosa mooooooolto diversa.
    Il reato esiste ancora, solo che te la cavi con una multina.
    In pratica te la cavi con una multina da 300 euri massimo, ma il processo penale te lo fanno comunque.

    2 Marzo 2011
  11. mamoru said:

    ma il processo penale te lo fanno comunque.

    ….ma >> inserire qui una bestemmia a piacere << , ecccheccavolo!!!

    PS Ma se oltraggio il Tennou e' vilipendio a capo di stato/di governo, bestemmia (formalmente non e' piu' divino , ma con lo shinto c'entra eccome) o tutte due le cose assieme?

    =P

    2 Marzo 2011
  12. mattia said:

    Be’, se la bestemmia la fai qui tieni presente che questo blog si trova negli stati uniti di america.
    Potrebbero incriminarti perché fisicamente ti trovi a Brescia, e quindi l’atto bestemmiatorio l’ha compiuto su territorio italiano.

    Per il Tennou penso si proceda con l’oltraggio a capo di stato straniero ma (vado a memoria, non ho voglia di controllare) viene punito come se fosse oltraggio al Presidente dell Repubblica solo se c’è reciprocità nell’altro paese.

    2 Marzo 2011
  13. mamoru said:

    Ma transitando su internet la bestemmia digitale attraversa una dozzina di stati prima di arrivare sul server, pertanto potrebbero darmi l’ergastolo comulando le pene o una sanzione astronomica!! A scelta.

    OMG!!! (<<< e' tecnicamente bestemmia?)

    In ogni caso siamo rovinati.

    2 Marzo 2011
  14. mattia said:

    Ma transitando su internet la bestemmia digitale attraversa una dozzina di stati prima di arrivare sul server

    No, no, non sarebbe pubblicamente intelleggibile, quindi non vale.

    OMG!!! (<<< e' tecnicamente bestemmia?)

    Gosh non è una divinità.

    2 Marzo 2011
  15. mamoru said:

    troppo tardi la magistratura si stara’ gia’ muovendo.

    …………….. \(°Д°)/ si salvi chi puo’

    2 Marzo 2011
  16. Nicola said:

    Aaaaaah, ecco. Quindi se in una rissa (per esempio) dico “pop star italo-americana + donna poco di buono” 😀 il giudice in sede processuale mi può appioppare una sanzione pecuniaria di 300 euro massimi.

    2 Marzo 2011
  17. mattia said:

    No, perché ella non è una divinità.
    Infatti benché concepita senza peccato originale, ha sempre conservato solo natura umana e non divina.
    E il codice penale descrive la bestemmia solo contro una Divinità.

    3 Marzo 2011
  18. Manuel said:

    ma se dico “cantante heavy metal da poco deceduto + migliore amico dell’uomo” sono 300 carte?

    e in ogni caso stiamo divergendo dal topic
    e il problema dei contenuti in rete è più complesso di quanto io riesca a capire.

    3 Marzo 2011
  19. mattia said:

    Per me la questione è molto semplice.
    In uno stato di diritti c’è la legge: quella ti dice quello che si può fare e quello che non si può.
    In questo caso, magari, hanno violato un articolo del codice penale. Bene, li condannino. Ma le indagini devono essere proporzionate al reato.
    Non ha senso spendere risorse immani per un reato puntito con una multina.
    Così come non mobiliteresti 150 carabinieri per scoprire chi ha rubato il campanello alla tua bicicletta. Ed è lo stesso principio per cui esiste la prescrizione: c’è un limite temporale o materiale per cui lo stato dice che oltre a quel limite non ha più interesse a perseguire il reato.
    In questo caso spendono tutte queste risorse per perseguire un reatuncolo solo perché c’è di mezzo la valutazione soggettiva del cattivo gusto della cosa.
    Ma il cattivo gusto non fa parte della legislazione.
    Se uno fa una cosa di cattivo gusto è un pirla, ma in uno Stato laico anche il cattivo gusto è ammesso.
    Semplificando: perché perseguono questi e non tutti i bestemmiatori su facebook?
    Non ha senso giuridicamente.
    E’ solo che le autorità si muovono per soddisfare gli istinti popolari. Ma ciò è una delle più enormi cazzate che si possano fare. E lo si sa già dai tempi della cononna infame.

    4 Marzo 2011

Comments are closed.