Chi mi spiega Battisti?

Io la faccenda di Cesare Battisti non l’ho seguita molto bene. Ho letto tutta la storia, che questo qui ha ammazzato delle persone, poi è scappato dal carcere, è andato in Francia e poi in Brasile. Nel frattempo è stato condannato in contumacia per degli omicidi.

Ma ci sono delle persone per cui non dovrebbe essere estradato. Però non dicono i motivi.
Cioè, perché della gente pensa che Battisti non debba scontare la sua pena?
Senza polemica, era per capire delle ragioni per entrambe le parti, perché da quella parte lì non me le hanno ancora spiegate.

21 Comments

  1. Lorenzo said:

    Probabilmente perché lo vedono come un Che Guevara in salsa nostrana. Sono le conseguenze della disinformazione.

    7 Gennaio 2011
  2. Alessandro said:

    Anni bui in Italia, io ero fanciullo, lei dott. probabilmente non era ancora nato.
    Comunque, ha commesso direttamente 2 omicidi e fu complice in altri due nel corso di rapine per il “finanziamento” della lotta armata.

    tutto qui, è un criminale e di grazia ce lo rendano.

    7 Gennaio 2011
  3. mattia said:

    Ma sì, ho capito che lo vedono come un Che Guevara.
    Però è come la storia di quelli che rubavano il cibo nei negozio e dicevano che era una azione di riscossa proletaria.
    E a gente così puoi solo ridere in faccia.
    Ché la lotta proletaria è una cosa seria, mica una scusa per non pagare il pane e il formaggio.

    Io volevo capire se, oltre a questo c’era dell’altro.

    7 Gennaio 2011
  4. mattia said:

    Comunque sì, io negli anni ’70 nemmeno ero nato.

    Piesse: “espropri proletari”, volevo dire.

    7 Gennaio 2011
  5. Alessandro said:

    Può forse influire il fatto che da una certa sinistra, anzi dalla Kultura, è stato sempre ben visto e protetto, il motivo mi sfugge, vero è che non ho mai letto nessuno dei suoi gialli, ma non penso che sia roba da premio Pulizer

    7 Gennaio 2011
  6. mattia said:

    il motivo mi sfugge

    ed è proprio quello che vorrei capire.
    Ci sarà tra i miei lettori qualcuno che fa il tifo per Battisti…

    7 Gennaio 2011
  7. Turz said:

    Fermo restando che i terroristi sono pazzi e somari (cit.), anche quando si riciclano come scrittori di libri gialli (perché Battisti non è mica l’unico).

    Un’obiezione ragionevole sarebbe che tutti questi tizi tipo Priebke, Sofri, Noriega (ma un domani potrebbe capitare a Bush o a Li Peng) avrebbero l’attenuante che hanno compiuto i loro crimini in un particolare contesto storico che non c’entra più niente con quello di oggi.

    Poi non credo che i sinistri facciano tutto questo ragionamento, ma probabilmente dicono semplicemente “eh sì, ma lui era di Sinistra quindi lo faceva per il Popolo”.

    7 Gennaio 2011
  8. gab said:

    anch’io sono poco informato, ma secondo me è una questione che interessa poco alla gente. è una cosa lontana nel tempo e nello spazio. sarebbe infatti interessante capire perché interessa tanto a qualcuno. ma forse è solo una notizia alla yara…

    7 Gennaio 2011
  9. mattia said:

    Turz,
    ho letto su wikipedia le brevi descrizioni dei delitti.
    L’unico omicidio “per il Popolo” mi sembra quello di Antonio Santoro. Gli altri mi sembrano solo beghe private.
    Cioè, anche di fronte a un “tribunale storico” la scusante non resisterebbe…

    7 Gennaio 2011
  10. mattia said:

    Ah, mi ero dimenticato di dire che una volta sul TGV ho incontrato Oreste Scalzone.
    Non che c’entrasse molto, ma mi piaceva dirlo.

    7 Gennaio 2011
  11. Turz said:

    L’unico omicidio “per il Popolo” mi sembra quello di Antonio Santoro. Gli altri mi sembrano solo beghe private.

    Magari ad altri non lo sembrano.
    Comunque non voglio giustificare nessuno, tanto meno un terrorista, sto solo cercando di calarmi nello stretto cervello dei sinistri integralisti.
    Un’altra possibile spiegazione che si danno è “se viene estradato subirà terribili e spropositate persecuzioni politiche da parte dei Cattivoni di Destra perché lui è di Sinistra”. Ma sto sempre cercando di indovinare, non ho il microscopio per vedere cos’hanno certe persone sotto i capelli 🙂

    7 Gennaio 2011
  12. AlesSab said:

    Nessuno auspica la libertà di Battisti perché ha commesso degli omicidi “in un particolare contesto storico” o perché “era di Sinistra quindi lo faceva per il Popolo” o perché “se viene estradato subirà terribili e spropositate persecuzioni politiche da parte dei Cattivoni di Destra perché lui è di Sinistra”.
    Chi si pronuncia a suo favore lo fa molto semplicemente perché ritiene sia innocente, e vittima di una montatura politica e di un processo irregolare. Personalmente non mi pare un’ipotesi così assurda, visto il periodo dei fatti. Insomma Battisti è stato giudicato colpevole di aver organizzato alcuni omicidi e di averne eseguito personalmente altri, mentre gli elementi probatori non paiono sufficientemente certi da stabilire la colpevolezza, anche tenuto conto di alcune oggettive anomalie processuali e della debolezza giuridica odierna delle rivelazioni dei pentiti.
    Personalmente ritengo la posizione di Battisti molto grave a prescindere. Dovrebbe essere estradato.
    Comunque se volete approfondire: http://www.carmillaonline.com/archives/2009/01/002924.html#002924

    7 Gennaio 2011
  13. mattia said:

    Chi si pronuncia a suo favore lo fa molto semplicemente perché ritiene sia innocente, e vittima di una montatura politica e di un processo irregolare.

    Oh, finalmente capisco.
    Quindi tutta la faccenda è basata sul fatto che le quattro condanne siano sbagliate?
    Mah, a questo punto non ho elementi per valutare, visto che non conosco i processi…

    7 Gennaio 2011
  14. Turz said:

    @AlesSab:
    Personalmente non mi pare un’ipotesi così assurda, visto il periodo dei fatti.

    Quindi l’ipotesi è che durante i processi abbia già subito “terribili e spropositate persecuzioni politiche da parte dei Cattivoni di Destra perché lui era di Sinistra”.
    E quindi processi sommari, torture, ecc.

    Comunque ecco il “particolare contesto storico” cacciato dalla porta che rientra dalla finestra 🙂

    7 Gennaio 2011
  15. mattia said:

    Però boh, io non l’ho mai sentito gridare la sua innocenza.
    Magari mi sono perso io le sue dichiarazioni, ma non mi sembra che gridasse “No! Avete sbagliato, io quel giorno era a dire il rosario, è tutto un fraintendimento…”
    Cioè, se la condanna fosse stata fatta per un reato che non ha commesso dovrebbe saltare fuori più spesso la faccenda, no?

    7 Gennaio 2011
  16. Martino said:

    “io non l’ho mai sentito gridare la sua innocenza”
    Ma se Battisti, negli ultimi sei anni, non ha fatto che ribadire di essere innocente! Lo ha detto in tutte le interviste e in tutte le lettere che ha spedito ai giornali e ai politici.
    Ma che senso ha esprimersi per forza su un argomento se non se ne ha la minima, ma proprio minima conoscenza?
    E prima di scrivere “da quella parte lì non me le hanno ancora spiegate” (le ragioni), non sarebbe stato meglio cercare su google “Cesare Battisti”? Nei primi risultati c’è questo articolo:
    http://www.wumingfoundation.com/italiano/outtakes/cesare_battisti_2.htm
    Che a sua volta linka un dossier ricchissimo, pieno di controinformazione sul caso.
    http://www.carmillaonline.com/archives/cat_il_caso_battisti.html
    A me sembra che sia l’altra parte (quella super-colpevolista che si indigna perché il cattivone è in Brasile) a spiegare troppo poco, al di là delle urla. Per avere una ricostruzione precisa dei capi d’accusa e delle circostanze, perché bisogna andare non dai colpevolisti ma da quegli altri, da Carmilla?
    E perché per sapere che Battisti NON è stato condannato per avere sparato all’orefice Torregiani, e che chi gli sparò è già stato condannato e ha scontato la pena, bisogna andare su Carmilla perché sui giornali continuano a intervistare il figlio sulla sedia a rotelle senza mai precisare (o facendolo in sordina e obtorto collo) che Battisti non era in quel commando?
    Io più si alzano i toni e le preci, e meno sono convinto delle verità ufficiali che ci stanno propinando.

    7 Gennaio 2011
  17. AlesSab said:

    @Turz
    Hai ragione, ma specificando che il contesto storico non fornisce l’attenuante per le azioni di Battisti (ci mancherebbe) bensì rende oppugnabili i procedimenti a suo carico.

    @mattia
    Considera che nei media c’è una certa preponderanza delle posizioni pro-estradizione rispetto a quelle pro-battisti. Inoltre, analogamente ad altri terroristi rossi, credo che battisti abbia rinunciato a difendersi, quindi a proclamarsi innocente, come conseguenza del non riconoscere la legittimità della giustizia italiana.

    7 Gennaio 2011
  18. mattia said:

    Ma che senso ha esprimersi per forza su un argomento se non se ne ha la minima, ma proprio minima conoscenza?

    Forse non hai notato che il post l’ho scritto per chiedere informazioni a chi ne sa qualcosa mica per dire che è così o cosà.
    Sai, quando hai tanta gente che ti legge, con orientamenti ideologici tra i più vari, risulta più comodo chiedere direttamente alla gente che non navigare nel marasma di mille link.
    Dopodiché se io – e tanta altra gente – diciamo queste cose è perché probabilmente chi difende Battisti ha un gravissimo difetto comunicativo. In tutta la pagina di Wikipedia sul personaggio ci sono solo tre righe in cui si contesta il ruolo di un pentito.
    Sai, è la prima cosa che mi salta fuori se Googlo “Cesare Battisti”. Sarà anche capaci di scrivere libri, ma le sue PR fanno cagare.

    8 Gennaio 2011
  19. Luca A. said:

    Grazie Mattia, con la frase “chi difende Battisti ha un gravissimo difetto comunicativo”, oltre a farmi ridere da solo come uno scemo, mi hai ricordato perché ho il tuo blog nella lista di quelli da leggere di tanto in tanto!

    Ah, personalmente (e dopo aver letto le faq su Carmilla) sono dell’idea che debba tornare in Italia e difendersi in un’aula se è innocente, la latitanza non lo aiuta a rifarsi un’immagine. Buon 2011

    9 Gennaio 2011
  20. mattia said:

    Penso che la sinistra italiana un difetto comunicativo l’abbia come marchio di fabbrica.
    Per convincermi che Battisti sia un angioletto e che i processi siano stati falsati non puoi scrivermi delle lenzuolate come quelle linkate sopra.
    Sono come le lettere fiume pubblicate da Bersani. Non le legge nessuno. O come i discorsi giussani-style di Vendola, che alla fine ti chiedi “ma in sostanza, che cazzo ha detto?”.
    Poi non ci si lamenti se vince Berlusconi; egli sa comunicare, sa come trasmettere un messaggio.
    Questa gente no.

    10 Gennaio 2011

Comments are closed.