Pettegole da seconda media

Io questa cosa di wikileaks non la capisco.
Voglio dire, tolte le facili battute per cui non c’era bisogno delle rivelazioni di wikileaks per sapere che B fosse un sessuomane, e tolto il fatto che non hanno rivelato nulla di speciale, cosa resta?

L’unica cosa che rimane è che hanno fatto i pettegoli.
Metà del mestiere diplomatico consiste nel fare l’ipocrita: devi sorridere e fare tante riverenze anche a chi ti sta sul culo. Si fa così, niente di nuovo. Si fa così perché se un ambasciatore dice pubblicamente che un capo di stato straniero è un pirla va a finire che si fa la guerra. E allora si fa finta di fare quelli che ci si vuole bene.
Ipocrisia, certo. Ma in un sistema con molte variabili è un punto di equilibrio che consente di mantenere il mondo calmo e di non farlo degenerare, che consente di evitare conflitti tra gli stati e di continuare con i rapporti commerciali. Che poi è più o meno quello che fanno quasi tutte le persone nei loro rapporti di lavoro e famigliari. Tu pensi che la zia Cosimina sia una baldracca, però per il quieto vivere quell’unica volta all’anno che la incontri al pranzo di Natale fai finta di volerle tanto bene.
Poi sì, sarebbe un mondo migliore se tutti fossero sinceri. Ma se tu fai il sincero con zia Cosimina i danni sono limitati. Se fanno i sinceri gli ambasciatori salta fuori un rebelotto.

Ecco, a me il comportamento di ‘sto tizio qua di wikileaks ricorda tanto la ragazzina pettegola che va a dire all’amica che la compagna di classe parla male di lei. Così, per il gusto di veder litigare due persone.

Piesse: posso dire che non me ne frega niente della morte di Monicelli?

5 Comments

  1. Lorenzo said:

    In parte è vero quello che dici. Però bisogna anche tener conto che in mezzo a quel marasma di carte non c’erano solo pettegolezzi di seconda mano. In Italia hanno fatto notizia solo le rivelazioni su B. (beh, rivelazioni…), ma se tu vivessi in Egitto o in Siria o in Arabia Saudita ti importerebbe non poco sapere che il tuo governo fa la faccia truce in pubblico parlando di palestinesi, ma in realtà appoggia gli Usa contro l’Iran. Questo al di là dell’essere favorevoli o meno (e direi anche “o meno”) alla repubblica islamica.
    Giusto per fare un esempio.

    30 Novembre 2010
  2. mattia said:

    Certo, in quel marasma ci saranno sicuramente cose che contano.
    Io commentavo quello che è uscito sulla stampa.
    Però a questo punto perché pubblicare tutto senza ritegno.
    Se ci sono dati importanti dal punti di vista politico pubblicate quello, ed evitate di pubblicare i pettegolezzi.
    Probabilmente un lavoro del genere richiederebbe fatica, perché dovresti fare un lavoro di tipo giornalistico-politico.
    Molto più facile scaricare tutto in rete, e chi s’è visto s’è visto.
    Boh, io continuo a preferire il giornalista che scova 10 documenti scottanti e costruisce un’inchiesta coi crismi del giornalismo, piuttosto che un tizio che pubblica tutto, pettegolezzi compresi, facendo finta di essere il paladino della libertà.
    Fai così perché non hai voglia di lavorare, dillo chiaramente.

    1 Dicembre 2010
  3. Matteo said:

    PERCHè NON HA VOGLIA DI LAVORARE OPPURE PERCHè LA MAGGIOR PARTE DI QUELLI CHE LEGGONO E QUINDI PORTANO SOLDI VOGLIONO SAPERE IL GOSSIP E NON GLIENE PUò FREGARE DI MENO DELLE INCHIESTE SCOTTANTI…
    BISOGNA CHIEDERSI SEMPRE…CHI CI GUADAGNA?? SE LA RISPOSTA è NESSUNO ALLORA POTREBBE ESSERE UNA COSA SANA E GENUINA, SE LA RISPOSTA INVECE è QUALCUNO, BEH ALLORA C è QUALCOSA CHE PUZZA

    1 Dicembre 2010
  4. Ariakas said:

    Confesso che ho seguito poco la vicenda causa trasloco ed internet non ancora allacciato nel nuovo appartamento (Sono tornato in ufficio oggi).
    Comunque, secondo me anche certi pettegolezzi sono utili e ti spiego il mio punto di vista.

    Il politico XYZ si comporta in un certo modo, credendo di essere simpatico, ben accetto, ben voluto, sostenuto a livello internazionale etc. Per lui chi lo critica e’ solo un oppositore senza argomenti.
    Poi arrivano questo documenti segreti internazionali che confermano che non lo trovano simpatico, non e’ ben accetto, non e’ ben voluto e non e’ sostenuto, e addirittura non e’ considerato come serio.
    A quel punto il politico XYZ se e’ intelligente si fa un esame di coscienza e cambia il modo di fare perche’ si accorge che il suo modo di fare sta affossando il paese.

    Rimane solo a pettegolezzi se il politico di turno e’ un deficente.

    1 Dicembre 2010
  5. ErreBi said:

    Quelle sul premier sono rivelazioni come i “vaffanculo” dopo aver abbassato la cornetta. Che se uno li pubblicasse tutti (i vaffanculo intendo) con tanto di nomi e cognomi quella certo che sarebbe libertà; innanzitutto libertà sua di pubblicare, poi libertà di tutti di essere informati su tutto e dulcis in fundo, libertà dei menzionati di esercitare la vendetta nelle sue espressioni più atroci. Viva la libertà.

    5 Dicembre 2010

Comments are closed.