Fukuoka, eccomi qui

Già, sono arrivato.
Viaggio un po’ travagliato, perché il volo che mi doveva portare da Praga a Monaco è stato cancellato, quindi mi sono dovuto far cambiare al volo il biglietto pre Francoforte e da lì a Tokyo. Seconda volta che uso Lufthansa e seconda volta che mi creano un casino. Bravi, bravi.

In compenso il volo Francoforte-Tokyo con la ANA è stato ottimo. Sedili confortevoli anche per noi poveracci in economica e ottimo servizio.

Come è il Giappone? E che ne so? ci sono solo da poche ore, e ho giusto guardato un film in materia sull’aereo.
Alcune cose però mi hanno già colpito.
Sembra che l’inchino sia davvero una cosa seria. Arrivati a Fukuoka c’era uno di quei tizi con la pettorina fosforescente che danno le istruzioni su come posteggiare l’aereo, quelli che portano le scale… avete capito.
Ecco, questo qua è rimasto sull’attenti fino a che l’aereo si è fermato, poi si è inchinato e ha marciato verso l’aereo. Considerando che di solito questa gente aspetta che l’aereo di fermi grattandosi il culo, la differenza è notevole.

Un’altra cosa mi ha sconvonvolto: mentre ero a Tokyo e aspettavo di imbarcarmi a per Fukuoka ho comprato una bottiglia di coca cola. 150 yen e ho pagato con una banconota di 5000. Già mi aspettavo che la commessa mi bestemmiasse adietro, invece mi ha fatto un sorriso e ha detto ohhh come se le avessi fatto un regalo (ma su questo devo dire che mi sembra abbiano espressioni fonetiche diverse dalle nostre per esprimere i sentimenti, indagherò). Ad ogni modo ha preso il resto e ha contato le banconote tre volte: due volte per sé stessa (girando il verso delle banconote) e una ulteriore volta davanti a me. E mi ha continuato a sorridere, per tutto il tempo dell’operazione.
Sconvolto, spero di trovare qualche impoegato antipatico, altrimenti come faccio a incazzarmi in questo paese?

Ah, l’inglese! Sono qui da poche ore ma già mi è capitato due volte di dover parlar giapponese per potermi intendere (tipo per chiedere dove era il gate, ché io mica lo trovavo). Piccole frasettine, ma ce l’ho fatta.
Ma i Kanji, sì, i kanji col cazzo che li trovi tradotti in hiragana sopra. Urge imparare dei kanji!

Ultima cosa, il telefono mi funziona, visto che il mio Nokia 6210 Navigator ha anche l’UMTS. Fico.

Per i non anglofoni: qui sopra c’è scritto che ti forniscono un servizio risveglio. Ti metti a dormire sulla poltrona in attesa dell’aereo e loro ti svegliano all’ora impostata, così non perdi il volo.
Sembra proprio che qui si dorma ovunque.