Confortante

Oggi sono andato alla mia prima lezione di giapponese.
Sono stato fortunato: l’insegnante è davvero in gamba e sa come insegnare la lingua.
Dopo un’oretta già dicevo le mie prime frasettine basilari (quelle sceme, tipo “sei un insegnate? No, sono uno studente di giapponese”).
Il tizio mi ha detto che gli hiragana si imparano in tre ore. In effetti non sembrano difficili. Magari in tre ore no, ma in un paio di giorni dovrei memorizzarli.

La lingua non sembra così difficile: è scritta strana, vero, ma a prima vista è molto più semplice del ceco. Anche come vocabili, non solo per la struttura grammaticale. Voglio dire, computer in giapponese mi diceva che è tradotto con kompyuta (o qualcosa di simile); in ceco è počítač (da počítat, calcolare) quindi mi sono dovuto imparare un’altra parola. Col giappo no. E ciò mi conforta.

La cosa brutta è che il tizio ha una casa in stile giapponese, dove ti fa sedere sui cuscini e i tavoli sono alti due spanne. Spero che in Giappone ci siano dei posti con le sedie normali, ché è un gran scomodo star seduti così (e poi che fai, in laboratorio o in mensa stai seduto per terra? no, dai, almeno fuori casa le sedie ci saranno, vero?).

Bon, mi metto a fare dei disegnini sillabici.

7 Comments

  1. Tyreal said:

    Si, tranquillo, le sedie si vanno diffondendo.

    18 Agosto 2010
    Reply
  2. Tyreal said:

    Ovviamente volevo scrivere “Sì” 😉

    19 Agosto 2010
    Reply
  3. necroclerico said:

    non ti fidare, ci vuole un bel po’ per imparare gli hiragana… io ho fatto tre mesi di esercizio di scrittura assiduo e li ho imparati, ma è bastato un mese senza pratica per dimenticarli.

    è una balla quella di impararli in meno di 5 mesi.

    20 Agosto 2010
    Reply
  4. mattia said:

    5 mesi per imparare gli hiragana?
    Eh?

    stai scherzando, vero?

    Io ormai li ho imparati. Ci ho impiegato quattro giorni. Ogni tanto me ne scappa uno, ok, ma ormai riesco a leggere e scrivere hiragana senza troppi problemi.

    Impiegarci anche solo tre mesi significa impararne uno ogni due giorni. Suvvia!

    21 Agosto 2010
    Reply
  5. Turz said:

    A naso ha ragione Mattia. Alla fine gli hiragana non sono molti di più dei caratteri dell’alfabeto ceco 🙂

    Poi però ci sono i katakana e i kanji, e in particolare questi ultimi sono tanti tanti tanti.

    23 Agosto 2010
    Reply
  6. mattia said:

    be’, i katakana non sono tantissimi nemmeno loro.
    I kanji sì, ma spesso ti scrivono sopra la pronuncia in hiragana, quindi puoi anche sopravvivere senza diventar matto coi kanji, almeno al principio.
    Ad esempio, la guida che mi hanno mandato quelli della fondazione è scritta sia in giapponese che in inglese, e sulla versione giapponese tutti i kanji sono scritti anche in hiragana.
    Curiosità: gli hiragana li ho imparati con un fascicolo per disegnare (tipo per i bambini) dove la pronuncia del singolo hiragana era scritta con la fonetica ceca. Sarà, ma io l’ho trovato utilissimo.

    23 Agosto 2010
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota sui biscottini: questo sito usa solo i biscottini di base di Wordpress per il funzionamento del sito. Non usa biscottini per memorizzare vostri dati personali, anche perché non me ne frega niente. Pensate che non vengono nemmeno fatte le statistiche sugli accessi di questo sito. Non ci sono nemmeno i pulsanti per mettere apprezzamenti sul feisbuc, il tuitter o altre reti sociali. Ciao.