Essere l’ombelico del mondo