Il ponte San Carlo

L’altra sera ero in Puerta del Sol, e ho sentito un gruppo di turisti anglofoni che dicevano: sì, è laggiù, vedi dove c’è il cavallo.

È che in realtà non hanno messo lì il cavallo perché era importante. Il cavallo era solo un accessorio. Quello per cui hanno fatto la statua era il Re (Carlo III). Però la gente non dice: lì dove c’è Carlo III. Tutti fanno riferimento a quello meno importante della statua, ossia il cavallo.

La stessa cosa succede a Praga, dove ti dai appuntamento alla statua del cavallo, e non alla statua di San Venceslao.

In effetti non capisco perché faccia più presa il cavallo, di quello che ci sta sopra. Forse una volta era normale vedere i cavalli in giro, e allora uno non ci faceva caso al fatto che  ci fosse un cavallo sotto al Re. Adesso i cavalli non ci sono più in città e quindi uno vede il cavallo come qualcosa di inusuale. Però nemmeno i Re ci sono più. O meglio, a Praga, perché a Madrid il Re c’è ancora. Però se facessero la statua di un Re adesso non la farebbero col cavallo, ma con l’automobile dotata di autista, visto che il Re si muove con quella. E a quel punto mi viene da pensare che la gente si darebbe appuntamento alla statua della macchina, ché vedere una maccina di bronzo su un piedistallo è inusuale tanto quanto un cavallo.

Ah, il titolo del post si riferisce a un’altra perversione toponomastica, particolarmente comune tra gli italiani, come quel gruppo di diciottenni che un giorno incontrai nella metro. Mandarono avanti quello “che parlava inglese”: “Excuse me, where is Ponte San Carlo?”.

Il ponte SAN Carlo magari lo trovi a Milano, o in qualche zona della diocesi ambrosiana. Quello di Praga è il ponte Carlo, senza SAN. Perché Carlo IV, quello a cui hanno dedicato il ponte, non è che era poi santo. Anzi, con il Papa c’ha anche avuto io sui cazzi e mazzi, per cui non è che ci si poteva aspettare che lo facessero santo.

2 Comments

  1. Uidar said:

    Mi viene in mente la famigerata “Proeuva del stupid”:

    <> <>

    13 Febbraio 2010
    Reply
  2. Uidar said:

    Qualche carattere di escape deve essersi mangiato il contenuto delle angolate.
    Comunque: “Cosa vedi appena arrivi in piazza Duomo?” “Eh… i piccioni!”

    13 Febbraio 2010
    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota sui biscottini: questo sito usa solo i biscottini di base di Wordpress per il funzionamento del sito. Non usa biscottini per memorizzare vostri dati personali, anche perché non me ne frega niente. Pensate che non vengono nemmeno fatte le statistiche sugli accessi di questo sito. Non ci sono nemmeno i pulsanti per mettere apprezzamenti sul feisbuc, il tuitter o altre reti sociali. Ciao.