MtR: back to 20km!

Altra settimana così così per gli allenamenti. Con qualche serata pioggiosa che ti ferma, e qualche festa a cui non si può mancare.

Tirando però i remi in barca però non mi posso lamentare. Martedì e Venerdì in piscina, a cui ho aggiunto 10 km il Venerdì (ero in ferie!) e un 20 km la Domenica.

Il 10 km mi ha lasciato un po’ con l’amaro in bocca. Dopo mezzo km dalla partenza mi sono dovuto fermare causa minzione; ho accostato al bordo del percorso al parco e non mi sono accorto – complici le foglie autunnali – di un mezzo dirupo dove mi sono distrutto il piede sinistro. Una marea di bestemmie verso tutti gli dei non cristiani per due minuti e poi sono ripartito. Agli 8 km uno strappo al gluteo sinistro (cioè, non credo fose uno strappo, però dava la sensazione di… “stac!” e una fascia muscolare che dice ciao ciao). Ma anche in quella occasione ho resistito e ho portato a termine l’allenamento. Alla fine ho un po’ faticato, ma i 10 km con un ritmo di 5’50” costante sono usciti.

allenamento_28

Purtroppo la fascia cardiofrequenzimetra, come si vede nel grafico ha iniziato a dare i numeri. Oggi ho provato a cambiare la pila, ma niente, non trasmette alcun segnale. Boh!

Peccato, perché oggi, sono ritornato ai 20 km!!! Distanza che non percorrevo ormai dallo scorso giugno (quando feci la maratona di Stoccolma). Mi sono stupito, perché la scorsa settimana ero arrivato ai 16 (e l’ultimo km era stato un po’ sofferto). Pensavo di arrivare ai 20 con più gradualità, e invece eccoli, che mi sorridono dallo schermo del mio garmin. Iniziano ad essere distanze serie, sulle quali si può iniziare a impostare qualcosa.

Ma soprattutto sono soddisfatto perché è stato un buon allenamento. Sono partito con un ritmo un po’ più alto del solito (6’07”), ma alla fine sono riuscito a tenerlo costante lungo tutto il percorso, che ho concluso senza patire fatica. Anzi, l’ulti km mi sentivo quasi ringalluzzito. Avrei potuto continuare, insomma.

allenamento_29

Ovviamente ricordo – soprattutto a me stesso – che lo scorso Maggio feci una mezza maratona (21 km) a 5’18”. Sono ancora lontano da quel ritmo, ma qui si pone la questione: devo puntare sulla velocità e abbassate il passo, oppure devo cercare di allungare le distanze con questo ritmo? Me lo chiedo perché se con una mezza a 1h51’30” poi approccio le 5 ore in maratona, allora meglio cercare di allungare. Tenere un 6’07” per tutti i 42 km e 195 metri sarebbe un sogno…