La camicia è stirata

La camicia l’ho stirata. Il vestito è lì appeso in corridoio. La cravatta è pronta e la cintura… oh cazzo la cintura [break]… trovata. Fiuuuu!

E adesso si va a dormire. Perché domani la sveglia è alle 5.30: il treno parte alle 6.52. Il treno per Roudnice Nad Labem, il paese di Petr, che domani si sposa con Klara.

Sì, in Repubblica Ceca si va a sposa in treno. E poi tutti assieme in pullman, affittato per l’occasione, accompagnando lo sposo fino al paese della sposa. Può sembrare un po’ spartano andare a nozze in pullman, ma almeno ti risparmia lo stress di dover lavare e lucidare la macchina. E la gara a chi ce l’ha più bella.

Lo zaino è pronto, con il sacco a pelo e il materassino. Perché finito di danzare (sì, al matrimonio ceco si balla, non ci si limita a mangiare) si dorme da qualche parte alla casa della cultura dove c’è la festa.

E non mi era mai capitato di andare a sposa con il sacco a pelo.

Klara e Petr, tanti auguri.