Facebook e la grammatica

Lo so, rischio di fare la figura del saputello.
Però cavoli, non è un sitarello qualunque: è Facebook.  Potrebbero anche sforzarsi di assumere qualcuno che conosce correttamente una lingua per fargli tradurre i messaggi del sito.

2 Comments

  1. laura said:

    e infatti c’è più di un gruppo che lotta contro la scomparsa del congiuntivo, ad esempio.

    forse il riscatto passa anche dal web…
    🙂

    23 Marzo 2009

Comments are closed.