Tre livelli di delirio

November 13th, 2017 by mattia | Filed under Uncategorized.

Nel frattempo voi ridete pure degli strafalcioni di di maio, come l'ultimo sull'alter ego. Ma uno strafalcione rimane. Nel frattempo ci sono altri deputati del M5S che la combinano grossa. Ma molto più grossa.

Prendete questo post di sibilia sul feisbuc che accompagna il video delle iene sui supposti brogli all'elezioni degli italiani all'estero


Brogli elezioni: ecco come si fa con il voto all'estero. Il PD, con il voto all'estero, ha vinto le scorse elezioni, altrimenti il premio di maggioranza sarebbe stato del MoVimento 5 Stelle e il corso della storia sarebbe stato un altro. Ecco perché ci siamo battuti contro la norma "Salva-Verdini", quella che permette anche a chi è residente in Italia di candidarsi all'estero.

Questo post è un puro delirio.
Poteva essere tollerato da uno che è seduto al bar, ma scritto da chi fa il deputato da quasi cinque anni appare allucinante.

Livello n. 1 di delirio.

Sibilia dice che senza il voto estero (falsato da questi presunti brogli) il M5S avrebbe ricevuto il premo di maggioranza. Il voto degli italiani all'estero però non contribuisce al premio di maggioranza in italia. Ops...

Così come non contribuisce il voto dei valdostani. Fondamentalmente per la Camera dei Deputati ci sono tre distinte elezioni: territorio nazionale (con esclusione della Valle d'Aosta), Valle d'Aosta e Circoscrizione estero.

Queste tre elezioni sono totalmente indipendenti. Non hanno nulla a che vedere l'una con l'altra. In Valle d'Aosta si elegge un deputato con un maggioritario sull'unico collegio valdostano, all'estero si eleggono 12 deputati con un proporzionale puro sulle singole ripartizioni e nel resto del territorio nazionale si eleggono tutti gli altri deputati con la legge elettorale del momento, nel 2013 il porcellum. Il premio di maggioranza del porcellum dunque riguardava solo il territorio nazionale (esclusa VdA).

All'estero potevano fare tutti i brogli elettorali che volevano, ma questo non avrebbe cambiato di nulla l'attribuzione del premio di maggioranza alla coalizione "Italia, bene comune" (PD+Sel+cespugli).

L'affermazione di sibilia è semplicemente una panzana.

 

Livello n. 2 di delirio

Non solo su questo livello. Perché sibilia se ne è uscito con questa idiozia perché si ricordava del fatto che il M5S era stato il partito più votato in italia, e di questo andava in giro a vantarsi, prima che qualcuno gli facesse notare che il PD aveva preso più voti contando anche gli italiani all'estero. Era convinto quindi che il premio di maggioranza fosse scattato per gli italiani all'estero.
Ma non capisce che il premio di maggioranza era dato alla coalizione non al singolo partito. E la coalizione di sinistra in italia prese 10.049.393 voti contro i 8.691.406 del M5S. Sì, il PD ne prese meno del M5S (8.646.034) ma ciò che conta è la coalizione, che li ha staccati di oltre 1,3 milioni di voti.
In italia, senza il voto estero.
Nel 2013 dunque il M5S ha perso il premio di maggioranza arrivando terzo tra le coalizioni. Terzo.

 

Livello n.3 di delirio

C'è poi un terzo elemento di delirio in quel post, quello in cui dice che per questo "ci siamo battuti contro la norma "Salva-Verdini", quella che permette anche a chi è residente in Italia di candidarsi all'estero".
Che razza di senso logico ha questa frase?
Perché mai candidare gli italiani residenti in italia favorirebbe i brogli? Se uno è un mascalzone e vuole fare dei brogli li fa sia da residenti in italia sia da residente all'estero. O forse i residenti in italia sono più propensi a fare i brogli?

 

Ecco, in quattro righe ha rilasciato un messaggio pieno di idiozie su ben tre livelli. E qui, badate bene, non si parla di politica (su cui si può avere opinioni diverse) ma di fatti tecnici. Una mancanza di razionalità imbarazzante per chi vota le leggi di un paese.

 

 

 

7 Responses to “Tre livelli di delirio”

  1. ava says:

    Secondo me alle prossime politiche inizierà ad apparire evidente e conclamato il declino dei M5s. Vorrei far notare che in Sicilia, il M5s ha raccolto il 26% dei voti e il blocco PD al 25. Il candidato M5s è arrivato al 34 solo pechè i Pdini sapevano benissimo che avrebbero perso, ed hanno preferito votare disgiuntamente il presidente M5s per rompere le scatole al cdx. Alle politiche il M5s aveva preso il 33%. Le precedenti regionali non contano perchè all’ epoca il M5s ancora praticamente non esisteva.
    Inoltre Di Maio comincia a parlare di alleanze ed unioni alla sinistra radicale. Siccome questo movimento ( direi a questo punto ondivago) vive dell’ indeterminatezza delle posizioni sostenute, una bella alleanza con la sinistra dura , pura e magari manettara segnerebbe la fine immediata del consenso al partito per un terzo buono degli elettori ( che sono gli ex cdx delusi) .
    Di Maio e sodali appaiono a mio avviso sempre più insulsi e sconclusionati.

  2. fgpx78 says:

    Qualcuno ha avuto il coraggio di farglielo notare?

  3. mattia says:

    Qualcuno ha avuto il coraggio di farglielo notare?

    vuoi che mi legga i duemila commenti? 😀

    Piesse: porto il mio moscato novello domani?

  4. Peto says:

    Perché mai candidare gli italiani residenti in italia favorirebbe i brogli?

    Candidare all’estero gli italiani residenti in Italia è già di per sé un brolio!!!1!!1

  5. Mauro says:

    è già di per sé un brolio

    O un Braulio? 😉

  6. shevathas says:

    cercare la logica nelle affermazioni dei grillini? cos’è una nuova forma di masochismo mentale?

  7. Andrea Occhi says:

    Vorrei far notare che in Sicilia, il M5s ha raccolto il 26% dei voti
    Peraltro con un impegno massacrante per Di Maio, Di Battista, Grillo eccetera. Tutto il gotha dei 5 stelle si è sbattuto per questa elezione, che è miseramente fallita. Di contro nessuno o quasi dei big del PD ha mosso un passo in Sicilia, dandola già per persa…

Leave a Reply


Nota importante per i commenti: i commenti sono moderati, perché ho voglia che lo siano (sostanzialmente non ho voglia di prendermi la responsabilità delle eventuali diffamazioni che scrive il primo che passa). Abito a Praga, quindi se qui è notte io vado a godermi questa magnifica città, non sto chiuso in casa a moderare i commenti: aspettate. E comunque li modero quando mi pare.
Non sono ammessi commenti che possono configurare reati, quindi evitate di rivolgere insulti, a me o ad altri. Si possono esprimere gli stessi concetti anche senza insultare. Non sono ammessi altresì commenti che contengono stupidità.
Se non vedete il vostro messaggio comparire e siete sicuri di non aver insultato nessuno, probabilmente il vostro messaggio è stupido. La qualità media dei commentatori di questo blog è molto alta, prima di commentare rifletti e cerca di capire se ne sei all'altezza. Se non ne sei sicuro lascia perdere.
E alla fine vale sempre il concetto che questa è casa mia e faccio quello che mi pare.
I commenti sono chiusi dopo 30 giorni: se hai qualcosa da dire fallo subito oppure evita di rompere i maroni.