Liste d’attesa

July 17th, 2017 by mattia | Filed under praga, repubblica ceca.

Piccolo dettaglio di cui mi ero dimenticato. La dottoressa mi ha prescritto una visita dall'urologo.

  • Dovrà andarci coi risultati delle analisi del sangue, però la visita inizi a prenotarla ora, ché di solito ci mettono un pezzo a dargliela e così nel frattempo guadagniamo tempo.

  • Ok, ma perché di solito quanto è lunga la lista d'attesa?

  • Anche più di una settimana, delle volte bisogna aspettare anche tre settimane!


Strutture pubbliche, eh.

Queste, secondo i criteri cechi, sono liste di attesa lunghe.

Ciao.

6 Responses to “Liste d’attesa”

  1. Mauro says:

    Qui in Germania è normale aspettare anche 2 mesi… dallo specialista privato, dove paghi tu fior di quattrini…

  2. Beppe Grullo says:

    Complimenti al sistema sanitario.

    Ma per la cronaca come funziona lì per gli immigrati (regolari e non)? C’è un’assicurazione da pagare o è tutto gratuito come in Italia?

  3. mattia says:

    Ma per la cronaca come funziona lì per gli immigrati (regolari e non)? C’è un’assicurazione da pagare o è tutto gratuito come in Italia?

    Funziona in un modo molto semplice: se ti presenti da un medico (che sia il medico di famiglia o all’ospedale) a loro non fotte niente se sei regolare o meno. Gliene frega solo di una cosa: che incassino il contributo per la prestazione erogata.
    Qui ci sono le assicurazioni: se sei un lavoratore dipendente te la paga il datore di lavoro, quindi a te non cambia niente, ti dà la tesserina e con quella vai dal medico. Poi l’assicurazione rimborsa ogni prestazione.
    Se non sei assicurato paghi di tasca tua. Se sei un immigrato irregolare e vai al pronto soccorso quelli ti chiedono la tessera dell’assicurazione. Se non ce l’hai (puoi anche pagartela da solo, eh) dici che paghi in contanti o carta di credito e a loro va benissimo.
    Che incassino dall’assicurazione o da te in contanti non gli cambia niente.
    Lo stesso per il medico di famiglia: il mio studio medico accetta sia pazienti con l’assicurazione sia pazienti che pagano da sé.

    o è tutto gratuito come in Italia?

    In italia non è gratuito. Un po’ perché ci sono dei contributi per le prestazioni che delle volte sfiorano la metà di quanto spenderesti da privato, ma soprattutto perché paghi con le tasse quel servizio.
    È gratuito per gli evasori fiscali.

  4. fgpx78 says:

    Vero, l’urologo è in pratica l’unico posto pubblico dove mi è capitato di aspettare anche TRE settimane. Li mortacci loro… voglia di lavorare saltami addosso.

    😉

  5. Thibaud says:

    Mi viene da piangere…

  6. pif says:

    mi raccomando, NON farti fare l’esame della prostata.
    A suo tempo, non mi sono ribellato con sufficiente veemenza e mi sono ritrovato sdraiato su un fianco con l’ecografo (con tanto di condom) nel lato B.
    Lascia stare, dammi rettA. 😀