Un filino più rigido

May 19th, 2017 by mattia | Filed under politica, riflessioni.

Per rimanere in tema vaccini. Ora nel governo lo scontro è tra il ministro della salute Lorenzin e il ministro dell'istruzione fedeli. La prima vuole imporre i vaccini ai bambini che vanno all'asilo e alle elementari (fino dunque ai 10 anni) la seconda vuole che l'obbligo arrivi fino ai 6 anni, escludendo così la scuola elementare.

Bisogna garantire il diritto all'istruzione! dice il ministro fedeli. Già. Peccato che quando sei ricoperto da un metro di terra poi è difficile accedere all'istruzione.
Anche solo per pura logica, prima viene il diritto alla salute (tua e degli altri, visto che se non ti vaccini sei un pericolo per gli altri) poi, solo dopo, viene il diritto all'istruzione. Perché senza salute non puoi istruirti.
Bene dunque Lorenzin, male fedeli.

Dico "bene Lorenzin" anche se in realtà la mia posizione è un filino più rigida. Se dei genitori non vaccinano i figli non è che ti limiti a non consentire loro di mandarlo all'asilo (o alle elementari). Perché sicuramente c'è il problema di non mettere in pericolo la salute degli altri bambini. Ma c'è anche un altro problema: se dei genitori non vaccinano i figli significa che non sono in grado di prendersi cura di un bambino. A quel punto gli si toglie la potestà genitoriale e si consegnano i figli a gente che sa fare il genitore.
Lo si fa se il genitore non nutre correttamente il figlio, lo si può fare anche se non lo vaccina.

Senza aver paura di violare fantomatiche libertà di scelta: qui non c'è alcuna opinione da rispettare. Un genitore che non vaccina un figlio è un idiota. Se lo espone a un rischio del genere senza che ci sia alcuna motivazione razionale per farlo significa che è pericoloso lasciargli un figlio.

 

 

Piesse: per quelli che - come sempre - tirano fuori l'art. 32 della costituzione ricordo che quell'articolo dice "Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge." Intesi? Se non per disposizione di legge.
Significa che se la legge vuole può obbligarti a un trattamento sanitario. Quindi smettetela di cirare l'art. 32 cost. a cazzo, e imparate a leggere i commi fino in fondo.

25 Responses to “Un filino più rigido”

  1. ava says:

    Adesso non ricordo bene tutto l’ iter, ma da quando è obbligatorio l’ accatastamento per avere l’ allacciamento all’ ENEL , non esistono quasi più fabbricati abusivi.
    Allo stesso modo , obbligare ai vaccini per l’ iscrizione mi pare un buon compromesso per portare a casa il risultato senza piantare guerre mondiali .
    Anche se in linea di principio concordo con la tua visione, l’ importante è che questa pratica vergognosa cessi .

  2. mattia says:

    Adesso non ricordo bene tutto l’ iter, ma da quando è obbligatorio l’ accatastamento per avere l’ allacciamento all’ ENEL , non esistono quasi più fabbricati abusivi.

    Era per avere la residenza. Ma il concetto è quello.

    Allo stesso modo , obbligare ai vaccini per l’ iscrizione mi pare un buon compromesso per portare a casa il risultato senza piantare guerre mondiali .
    Anche se in linea di principio concordo con la tua visione, l’ importante è che questa pratica vergognosa cessi .

    Sai perché io sono più rigido?
    Perché in italia un sistema del genere dubito possa funzionare.
    Voglio dire, ti si presenta un bambino non vaccinato e tu che fai? Non lo iscrivi a scuola?
    Proprio perché l’istruzione è obbligatoria – da costituzione! – dubito che un dirigente scolastico possa vieti l’iscrizione di un bambino non vaccinato, per soddisfare una legge di rango inferiore. Si creerebbero delle contestazioni tra i dirigenti scolastici che rifiutano i bambini e le mamme che fanno ricorso perché è un loro diritto – costituzionale! – iscrivere i bambini a scuola. E molto probabilmente lo vincerebbero quel ricorso. Quindi alla fine si andrebbe a creare delle classi solo per bambini non vaccinati per conciliare le due cose.
    Nel mezzo i dirigenti scolastici che non sanno che pesci pigliare, stretti tra l’incudine di una circolare ministeriale e il martello di una mamma isterica e idiota che pretende di iscrivere a scuola il figlio non vaccinato.
    Ah, non dimenticarti che in italia vengono iscritti nelle scuole statali migliaia e migliaia di bambini che non esistono sulla carta, che non dovrebbero essere in italia perché sono clandestini. Eppure nonostante la situazione di palese illegalità nella quale vivono vengono iscritti ugualmente a scuola, non è che chiamano la polizia per far deportare tutta la famiglia che non ha titolo di soggiorno in italia.
    Non credo sia molto diverso per i bambini che vivono nell’illegalità della non vaccinazione.

  3. Shuren says:

    Nient’altro da aggiungere. I commi, infatti, vanno letti tutti. La Costituzione è forse uno dei testi meglio scritti di tutta la storia repubblicana. E le parole non sono messe a caso.

  4. Mauro says:

    Tutto condivisibile. Io però ho una conoscenza cara che non ha vaccinato sua figlia. E, nonostante sia profondamente convinto che i vaccini siano una scientifica necessità per la nostra soopravvivenza di bipedi pensanti (?), posso capirla.
    Perchè? Perchè ha una sorella con due figli entrambi malati (non entro nei dettagli ) in seguito ad una reazione allergica da vaccinazione. (non entro nei dettagli ma la cosa è comprovata)
    Insomma… lei teme una sorta di “allergia ereditaria e famigliare” alle vaccinazioni. (a due in particolare)
    Il bello è che la tipa ragiona come si deve: crede nei vaccini e si rende conto di essere una sorta di “criminale” a non vaccinare la figlia. Ma lo fa perchè due indizi per lei sono una prova, e con un figlio è buona la prima! Mette il figlio davanti all’umanità come valore.
    Ovviamente vive come una untrice… e vive pure terrorizzata che la bimba possa morire in seguito alla sua scelta … avventata (?)

    Insomma… tutte le volte che leggo interventi sulle vaccinazioni come il tuo (che sottoscrivo a lettere di fuoco) mi viene da pensare a lei… a come a volte la vita sia complessa e simile ad una mano di poker e a cosa farei io al suo posto…
    Se si applicasse la tua regola credo che questa donna vivrebbe momenti di puro terrore… sia per il suo cuore che per suo figlio.
    esistono cose tra cielo e terra… eccetera eccetera.

  5. robinet says:

    perfettamente d’accordo. null’altro da aggiungere.

  6. mattia says:

    Insomma… lei teme una sorta di “allergia ereditaria e famigliare” alle vaccinazioni. (a due in particolare)

    Ma lo fa perchè due indizi per lei sono una prova,

    Del tuo messaggio mi hanno colpito questi due passaggi.
    Perché da una parte si dice che il danno da reazione allergica è stato comprovato. Dall’altro però c’è questa paura di allergia ereditaria che non ha alcuna dimostrazione: ci dici che è una cosa che teme lei, traendo conclusioni da due punti.
    In questo caso una persona non è decide da sola che ci sia una correlazione. Si rivolge ai medici e chiede di investigare se c’è davvero questa reazione allergica (tra l’altro è anche cosa utile per la società perché se davvero c’è questa reazione allergica ereditaria si può studiare un nuovo vaccino anche per coloro che hanno questo problema).
    Non è che decide che c’è questa davvero questa reazione allergica. Perché magari non c’è e sta esponendo la figlia a un rischio inutile.

    Tra l’altro una reazione allergica può venire in mille altri casi, anche con una banale anestesia dal dentista. E allora che fai, per paura di una reazione allergica ti fai devitalizzare un dente senza anestesia?
    No, ovviamente. Indaghi e verifichi quali allergie hai, poi fai scelte informate.
    Ma dopo aver verificato scientificamente a cosa sei allergico, non convincendotene da solo basandoti sul fatto che tua sorella ha due figlie allergiche.

  7. Mauro says:

    Proprio perché l’istruzione è obbligatoria – da costituzione!

    Giusto.

    Ma anche dentro la Costituzione ci sono differenti livelli.
    L’articolo 32 definisce la salute come diritto fondamentale. Gli articoli sull’istruzione non contengono da nessuna parte la parola “fondamentale”.

    Ergo, se salute e istruzione entrano in conflitto, la Costituzione dà la precedenza alla salute.

  8. ava says:

    rifiutare di vaccinare a causa delle reazioni allergiche ai vaccini mi pare una stronzata . Quando ho fatto il laser per correggere la vista, sono risultato allergico al collirio anntibiotico. Dolore da pazzi. Quando hanno capito i problemi, non mi hanno detto non mettere il collirio , ma hanno cambiato il prodotto , e poi è andata tutta liscia. Per cui , se ci sono prove mediche inconfutabili di allergie ad alcune compnenti di un determinato vaccino , si cerca un prodotto alternativo, se è possibile, e solo se non ne esistono il bambino non si vaccina. Questi soggetti sono proprio coloro che traggono vantaggio dall’ immunità di gregge e sono proprio la ragione per cui il vaccino dovrebbe essere obbligatorio . Chiaro però che la valutazione deve venire da test medici , e non dalla paura di una madre ipocondriaca. Io i miei li ho vaccinati , il rischio di problemi c’era anche se bassissimo , ma se nessuno lo affronta finiamo per essere dei pentadeficienti.

  9. mattia says:

    Per cui , se ci sono prove mediche inconfutabili di allergie ad alcune compnenti di un determinato vaccino , si cerca un prodotto alternativo, se è possibile, e solo se non ne esistono il bambino non si vaccina. Questi soggetti sono proprio coloro che traggono vantaggio dall’ immunità di gregge

    Esattamente.
    Mai mi sognerei – ci mancherebbe altro – di togliere la potestà genitoriale a chi non vaccina il figlio una volta che è provato che non può essere vaccinato. Perché è proprio quello lo scopo dei vaccini di massa.

  10. Mauro says:

    In questo caso una persona non è decide da sola che ci sia una correlazione. Si rivolge ai medici e chiede di investigare se c’è davvero questa reazione allergica (tra l’altro è anche cosa utile per la società perché se davvero c’è questa reazione allergica ereditaria si può studiare un nuovo vaccino anche per coloro che hanno questo problema).

    Si. Verissimo. Il guaio é che per indagare occorrono tempo, soldi, e sopratutto medici capaci ed “aperti” alla singolarità del problema. Occorre anche una cultura che ti premetta di essere all’altezza della cosa. Intendo una cultura medica. Andare a parlare con dei medici presuppone sempre una delle due cose: o una competenza per poter comprendere (la mia amica non la possiede) oppure una cieca fiducia sul professionista a cui si ci si rivolge… e qui si aprono le porte alla soggettività oltre che alla oggettiva difficoltà di trovare il medico competente. Competente ed aperto a non stroncare il tutto con le motivazioni (sacrosante) addotte da chi crede nei vaccini

    Quelloche voglio dire è che, a volte, la logica non è sempre linearmente applicabile nella pratica quotidiana, per mille impedimenti di diversa natura…

    Insomma… certo. Parli ai medici… ma a quali? E con che tempistiche? In questo caso lei non si è fidata… e non certo con leggerezza.
    Devo chiederle per le anestesie… ma suppongo che per quelle un modo debba aver trovato per forza… magari lì si può procedere più gradualmente con test a piccole dosi. Ipotizzo eh? Io e la mdicina siamo due pianeti lontanissimi!

  11. Beppe Grullo says:

    Purtroppo i bambini muoiono per le cause più disparate. Mi ricordo pochi anni fa a milano un bambino piccolo che è morto dopo che la mamma gli ha dato un’aspirina. Ogni farmaco esistente rischia di accoppare almeno un bambino. Sinceramente non capisco perché questi genitori temano tanto gli effetti collaterali dei vaccini e non battono ciglio su tutto il resto.
    Se proprio vogliono andare sul sicuro, dovrebbero evitare del tutto di dare farmaci di qualsiasi genere ai loro figli.

  12. Faber says:

    mattia
    dubito che un dirigente scolastico possa vieti l’iscrizione di un bambino non vaccinato, per soddisfare una legge di rango inferiore.

    Non “può”. Deve. Se la legge lo prescrive.
    La Costituzione non prevale su nessuna legge, finché non lo decide la corte costituzionale.

    E molto probabilmente lo vincerebbero quel ricorso.

    Molto probabilmente lo perderebbero, per il motivo evidenziato da Mauro.

    Nel mezzo i dirigenti scolastici che non sanno che pesci pigliare, stretti tra l’incudine di una circolare ministeriale e il martello di una mamma isterica e idiota

    Le circolari non hanno valore legale.
    Nel migliore dei casi sono interpretazioni autorevoli della legge, ma sempre di opinioni si tratta, come hanno capito imputati la cui inutile difesa penale è stata di avere obbedito ad una circolare ministeriale.
    Nel caso delle vaccinazioni, si tratta di un “decreto” non meglio precisato (DL? DPCM? DM? boh).
    Decreto con parziale scappatoia classista: 1, 2, 3.

    potestà genitoriale

    Punta al c***o: responsabilità genitoriale.

  13. mattia says:

    Le circolari non hanno valore legale.

    prova a dirlo a un funzionario statale.
    Quella gente se vede una circolare che gli dice come comportarsi la usano come bibbia.
    Poi al massimo tu farai ricorso, lo vinci ma a loro non si può dire di aver fatto niente di sbagliato perché si sono comportati come da circolare, quindi hanno il culo parato.
    A loro non interessa fare le cose giuste che poi reggono in tribunale. A loro interessa non avere grane per non aver seguito le regole, e una volta che segui le circolare puoi dire di aver fatto quello che dovevi fare.

  14. Shuren says:

    “prova a dirlo a un funzionario statale.
    Quella gente se vede una circolare che gli dice come comportarsi la usano come bibbia.”

    Infatti, non vincolano i privati, cioè tutti coloro che non sono inquadrati nell’organico di un ministero. Però sono vincolanti per gli apparati interni, subordinati all’organo che le emana.

  15. Faber says:

    prova a dirlo a un funzionario statale.

    Mission impossible 🙂

    una volta che segui le circolare puoi dire di aver fatto quello che dovevi fare.

    Di solito è vero.
    In rari casi di circolari palesemente contrarie alla legge, il funzionario è stato condannato in sede penale.

  16. Pif says:

    personalmente non entro nel merito dell’opportunità o meno di vaccinare i bambini ed eventualmente per quali malattie vada fatto. Vorrei fare un ragionamento più ampio, da italiano che suo malgrado usufruisce del SSN italiano (scusate il gioco di parole).
    Perché da un lato un governo vuole spendere tempo e soldi per obbligare dei cittadini a sottoporsi a dei trattamenti sanitari non richiesti e dall’altro ti fa aspettare 30/60 gg per eseguire esami diagnostici anche in casi di una certa urgenza?! Non sarebbe meglio usare questi soldi per offrire i servizi a chi effettivamente li desidera e ne ha necessità?! Il papà di una mia vicina aveva un tumore ed è stato messo in lista di attesa 4 mesi prima di essere operato, il finale lo potete immaginare.

  17. ZioPippo says:

    *personalmente non entro nel merito dell’opportunità o meno di vaccinare i bambini*

    Che è l’argomento del post quindi ok, andiamo OT per parlare di “benaltro”…

    *Perché da un lato un governo vuole spendere tempo e soldi per obbligare dei cittadini a sottoporsi a dei trattamenti sanitari non richiesti e dall’altro ti fa aspettare 30/60 gg per eseguire esami diagnostici anche in casi di una certa urgenza?!*

    Perché le vaccinazioni sono un problema di salute pubblica che riguarda tutti, i test diagnostici riguardano solo la salute del singolo.

  18. feanco says:

    Che cazzo di articolo è? L’articolo 32 dice anche che in “nessun caso”
    Eccolo qua, per intero:
    La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.

    Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

    Detto questo, il suo ragionamento è fatto al contrario…
    Riesce a capire? Se uno è vaccinato, che cazzo di problemi ha ne venire a contato con uno non vaccinato?
    Se io ho incubato il morbillo e tu sei vaccinato, di che ti preoccupi, sono cazzi miei perchè tu sei tranquillo, hai fatto il vaccino!
    Invece, lei parla di salute a sproposito, la sua logica è eccellente, ma com’è che stavolta la usa al contrario?
    Quindi, devo arguire che per lei le malattie siano vere e la salute falsa, o cos’altro? Devo forse ricordare la faccenda della Glaxo? Della stipula di accordi per oltre 1,i miliardi di euro fatta da Renzi? O posso ricordare Poggiolini e il suo tesoro in lingotti d’oro? Anche lui si preoccupava della salute e aveva introdotto l’obbligatorietà del vaccino anti epatite B…
    Soldi o salute? Direi soldi, cosi a naso.
    Sono solo per i soldi. Inoltre la pratica della vaccinazione è una pratica inventatadalle mungitrici inglesi del 1600… si si, Sabin etc… La poliomielite… quelle minchiate li…

  19. mattia says:

    Che cazzo di articolo è? L’articolo 32 dice anche che in “nessun caso”

    Ciao analfabeta.
    Leggi quello che posti.
    Dopo “nessun caso” ci sono anche altre parole.
    Nell specifico “violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”.
    Ciò significa che non puoi prendere una persona e obbligarla a fare la cavia, cosa che si faceva nei campi di sterminio usando i prigionieri come corpi su cui fare esperimenti per poi buttarli via. A quello si riferivano i costituenti, non ai vaccini che non violano il rispetto della persona umana. Anche perché dovresti spiegarmi come mancheresti di rispetto a una persona facendo una punturina che salva la vita.

    Riesce a capire? Se uno è vaccinato, che cazzo di problemi ha ne venire a contato con uno non vaccinato?

    Vedi che sei un idiota?
    Ci sono persone che non possono fare i vaccini, ad esempio gli immunodespressi.
    Visto che non si possono vaccinare loro dobbiamo farlo noi per fare in modo che siano circondati da un gregge di persone vaccinate. La loro vaccinazione è costituita dalla nostra vaccinazione di gregge che li protegge.

    Devo forse ricordare la faccenda della Glaxo? Della stipula di accordi per oltre 1,i miliardi di euro fatta da Renzi? O posso ricordare Poggiolini e il suo tesoro in lingotti d’oro? Anche lui si preoccupava della salute e aveva introdotto l’obbligatorietà del vaccino anti epatite B…
    Soldi o salute? Direi soldi, cosi a naso.
    Sono solo per i soldi. Inoltre la pratica della vaccinazione è una pratica inventatadalle mungitrici inglesi del 1600… si si, Sabin etc… La poliomielite… quelle minchiate li…

    Toglimi una curiosità, che cazzo ci fai qui?
    Va’ pure a commentare in quei posti dove vi ritrovate fra malati mentali. Questo è un posto serio.

  20. ZioPippo says:

    Mandate altri pupazzi che fanno ridere tanto!

    Mattia, ti stimo davvero: io dopo aver passato due giorni a commentare su Facebook e un altro giorno solo a leggere il botta-e-risposta altrui ho perso completamente fiducia nell’umanità.

    Uno ha scritto qualcosa tipo “allora siccome tu non capisci un cazzo di scienza ti fidi di quello che dice la maggioranza dei medici?” E questo dopo che gli era stato spiegato il metodo scientifico, il peer review e tutta la compagnia cantante.

  21. mattia says:

    Mattia, ti stimo davvero: io dopo aver passato due giorni a commentare su Facebook e un altro giorno solo a leggere il botta-e-risposta altrui ho perso completamente fiducia nell’umanità.

    Sì, ma queste sono persone irrecuperabili. Alcuni dicono che bisogna essere gentili per farli ragionare. Ma uno che tira fuori certe sciocchezze non lo convinci né con le buone maniere né con le cattive. È una coda statistica della stupidità umana.
    Non si scrive la risposta per lui (che tanto non la capisce) ma per gli altri.

  22. Faber says:

    Il decreto è stato pubblicato.

  23. mattia says:

    e puntualmente è stato ammorbidito…
    cvd

  24. Faber says:

    In che senso è stato ammorbidito?

  25. mattia says:

    post appena pubblicato