La notte più lunga dell’anno

April 21st, 2017 by mattia | Filed under cantina.

La scorsa notte è stata la più fredda della primavera. La classica notte della gelata, quella che di mandarti in vacca tutto.
Penso di non aver mai consultato così compulsivamente le condizioni meteorologiche nemmeno quando c'è stata una semi alluvione a Praga anni fa. Anche perché all'epoca io stavo nella mia casina ben distante dalla Moldava, quindi tolti i disagi della metropolitana chiusa non mi importava molto dell'alluvione. Per questa gelata invece m'interessa eccome, visto che dopo la super gelata dell'anno scorso che mi ha distrutto 120 piantine di vite appena piantate sarebbe davvero un disastro se le nuove barbatelle facessero la stessa fine.

Dopo aggiornamenti compulsivi della mappa delle temperature e di vari termometri on-line a mezzanotte mi sono arreso e sono andato a dormire. Stamattina ho controllato i dati della notte: - 2°C da mezzanotte alle 6 del mattino.

A questo punto spero che il tessuto non tessuto che avevo installato abbia fatto il suo dovere (sempre che il vento dei giorni precedenti non l'abbia portato via). A quanto ho letto non fa miracoli di certo, ma dovrebbe almeno attenuare gli sbalzi di temperatura creando un microclima che può alzare di 2 o 3 gradi la temperatura. Almeno, se la gelata non dura troppo a lungo.
Spero che sia così, perché quei 2 o 3 gradi in più potrebbero essere stati sufficienti per salvare le piantine. Tanto più che questo tessuto non tessuto l'ho messo a mo' di "tenda" triangolare con un'altezza di una spanna dalla terra. Il volume sopra la terra è dunque poco, faccio affidamento all'inerzia termica della terra.

Il problema è che questo fine settimana non posso nemmeno andare a controllare, ché domani parto per Dublino. Ho quindi dato incarico al mio vicino di andare a controllare e farmi sapere.
Dice che mi scrive domenica sera quando torna a casa. Così io fino a domenica sera sono qua come alle 22 di una domenica sera d'elezioni, quando il risultato ormai è fatto, è già nell'urna, ma devi aspettare per saperlo.
Dopo la notte più lunga ora parte il fine settimana più lungo.

Piesse: tra l'altro ora siamo sopra i 12°C. La rabbia per quelle sei ore...

Pipiesse: sempre per quella storia dei fighetti di città che pensano che l'agricoltura sia un mondo bucolico, affascinati dalle immagine dei coglioni alla slou fuud.

3 Responses to “La notte più lunga dell’anno”

  1. Mauro says:

    Add’à passà ‘a nuttata 🙂

    Com’è andata?

  2. mattia says:

    A quanto mi hanno raccontato via email è andato tutto bene.
    I tessuto non tessuto è rimasto al suo posto, non è volato via, e sembra non sia gelato niente.
    Sabato verifico di persona.

  3. Mauro says:

    Facci sapere.

Leave a Reply


Nota importante per i commenti: i commenti sono moderati, perché ho voglia che lo siano (sostanzialmente non ho voglia di prendermi la responsabilità delle eventuali diffamazioni che scrive il primo che passa). Abito a Praga, quindi se qui è notte io vado a godermi questa magnifica città, non sto chiuso in casa a moderare i commenti: aspettate. E comunque li modero quando mi pare.
Non sono ammessi commenti che possono configurare reati, quindi evitate di rivolgere insulti, a me o ad altri. Si possono esprimere gli stessi concetti anche senza insultare. Non sono ammessi altresì commenti che contengono stupidità.
Se non vedete il vostro messaggio comparire e siete sicuri di non aver insultato nessuno, probabilmente il vostro messaggio è stupido. La qualità media dei commentatori di questo blog è molto alta, prima di commentare rifletti e cerca di capire se ne sei all'altezza. Se non ne sei sicuro lascia perdere.
E alla fine vale sempre il concetto che questa è casa mia e faccio quello che mi pare.
I commenti sono chiusi dopo 30 giorni: se hai qualcosa da dire fallo subito oppure evita di rompere i maroni.